Paolo Bonolis con “Avanti un altro” vince la difficile sfida del pre-serale!

By on novembre 5, 2011
avanti un altro

text-align: justify”>Avanti un altroTrovare il pre-serale giusto è da anni la scommessa che ha tentato di mettere in atto (senza successo) l’azienda di Cologno Monzese. Era impresa ardua trovare un degno sostituto dell’ormai stantio “Chi vuol essere milionario” che specie nell’ultima stagione televisiva aveva faticato non poco. La leadership di Carlo Conti e della sua “Eredità” sembrava non vacillare. Una sfida che viene vinta con successo proprio nell’annata più difficoltosa per la televisione generalista e c’è chi può gridare al “miracolo” per la fascia dell’Access Prime time di Canale 5. Il conduttore più pagato della tv italiana ha sciolto la matassa, portando così la rete ammiraglia Mediaset ai fasti di un tempo. Paolo Bonolis, col fido compagno di avventure televisive ormai storiche, Luca Laurenti, fa riemergere la fascia del pre-serale riuscendo a dare filo da torcere a Carlo Conti. L’eredità, infatti, rispetto alla precedente stagione televisiva perde circa 5 punti di share e il programma “Avanti un altro” (trasmissione rivelazione dell’anno?) tocca percentuali di ascolto inaspettate dalla stessa azienda, superando anche il 20% di share. Sembra così di ritornare ai tempi del game show “Tira & Molla” quando il conduttore Paolo Bonolis interagiva col pubblico in studio giocando a fare un intrattenimento a 360 gradi. Il meccanismo del gioco “Avanti un altro” è senza dubbio arricchito dalla personalità effervescente e brillante di Bonolis che sa parlare ai telespettatori divertendoli e prima di tutto divertendosi lui stesso.

Non c’è bisogno di andare all’estero ad acquistare un altro prodotto chiavi in mano stile “Chi vuol essere milionario” perchè “Avanti un altro” è un format tutto italiano. I game di stampo internazionale non sembrano avere grande appeal sul pubblico. I telespettatori italiani hanno bisogno di giochi semplici, popolari e alla portata di tutti. I programmi “troppo ingabbiati” con una struttura portante eccessivamente schematica non hanno grande successo ed è soprattutto l’elemento “sadico” (che spopola oltreoceano) a non ottenere consensi tra i telespettatori di casa nostra.

Sembra che “Avanti un altro” non continuerà, dopo la conclusione del primo periodo di garanzia ed è un vero peccato, visto che aveva acquisito ormai una sua popolarità e aveva fidelizzato il pubblico. Dal mese di dicembre sarà nuovamente Gerry Scotti il conduttore che vedremo nella fascia del pre-serale. Non si prevede all’orizzonte il ritorno di “Chi vuol essere milionario“, ma di un nuovo game show dal titolo “Money Drope“, format acquistato oltreoceano. Avrà lo stesso successo di Bonolis?

About Giuseppe Marco

Autore, redattore, giornalista. In una parola "un creativo" della televisione. Si laurea in Scienze della Comunicazione. Al lavoro di analista tv, affianca la frequentazione del Master per autori tv e ha modo di studiare con E. Menduni e C. Freccero. Firma come autore due edizioni dell’Annuario della televisione e in seguito arriva l’esperienza con “Moltomedia”, il laboratorio creativo di Mediaset. Il suo “format crossmediale” viene selezionato dal team Mediaset come uno dei progetti vincitori e inizia il suo percorso di lavoro come autore, che porterà alla realizzazione di un prototipo del progetto. Attualmente lavora in trasmissioni televisive delle reti Mediaset.

2 Comments

  1. Claudio

    novembre 14, 2011 at 11:50

    Com’è che nonostante sia stato fatto un casting anche a Milano, tutti i concorrenti provengono per la maggior parte dal centro-sud Italia isole comprese?

  2. lodovico marchisio

    novembre 14, 2011 at 21:02

    Sono un fans di Bonolis e non mi perdo una puntata di “Avanti un altro”. Da alpinista desidero solo farvi notare che alla “pariglia” della trasmissione andata in onda il 14 novembre non avete dato la risposta dell’altro stato con cui confina l’Everest che è il Nepal. Peccato.
    Vostro telespettatore attento:
    Lodovico Marchisio (lodovico.marchisio@tin.it)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *