Rai Tre, Report: telefoni cellulari e tumori, quale correlazione

By on novembre 28, 2011
Report

text-align: justify”>ReportLa puntata di Report di ieri sera è stata in buona parte dedicata a uno strumento che chiunque di noi conosce e utilizza: il telefonino. Ciascun italiano ne ha almeno uno, ma moltissimi sono quelli che ne posseggono due, tre o anche più. Inventato nel 1983 da Martin Cooper, il telefono cellulare si è diffuso in Italia solamente nel decennio successivo e ha avuto un vero e proprio boom dal 2000. Ma quali sono i danni per salute comportati da un oggetto apparentemente così innocui. Ieri il programma condotto da Milena Gabanelli, con l’inchiesta di Sabrina Giannini, ha provato a fare il punto sulla situazione. I risultati sono tutt’altro che confortanti. Nel mondo i telefonini sono quasi 5 miliardi e mezzo. La cosa più assurda, a proposito delle ricerche fatte, è che esse vengono finanziate dalle aziende stesse che li producono. Insomma, è come se voi andate a scuola e il voto non ve lo mette l’insegnante, ma vostra madre.

A metà anni ’90 la Motorola investì molti soldi nella ricerca su cellulari e salute. Le relazioni degli scienziati dimostrarono che le radiazioni dei telefonini danneggiavano il dna. Ma la ricerca passò inosservata. Il danno per le aziende telefoniche sarebbe stato ingentissimo se i dati si fossero diffusi tra la popolazione.

Fiorenzo Marinelli, del Cnr, ha spiegato che in base alle ricerche effettuate si è evidenziato “un effetto profondo delle onde elettromagnetiche sulla regolazione genica del ciclo cellulare; in pratica vengono attivati o disattivati alcuni geni che regolano la proliferazione cellulare. Il risultato finale – ha detto il biologo – è che delle cellule vengono stimolate ad autoeliminarsi, mentre quelle le quali sopravvivono vengono spinte a proliferare. È facile capire che, se queste ultime hanno accumulato danni, ci sarà una proliferazione di cellule danneggiate. Si può ipotizzare – ha spiegato Marinelli – che l’alterazione genetica dovuta ad onde elettromagnetiche possa favorire lo sviluppo di tumori, soprattutto nei bambini, lontani dall’equilibrio e il cui metabolismo veloce determina un’influenza più decisa delle radiazioni emanate dai telefonini”.

Di recente si è ancora espressa l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la quale ha riconosciuto che gli apprecchi sono dannosi per la salute. Kurt Straif ha spiegato che le radiazioni emesse da cellulare sono un “possibile cancerogeno”. Per Lennard Hardell, chi usa il telefonino almeno un’ora al giorno da dieci anni ha il doppio di possibilità di ammalarsi di tumore. Per ciò che riguarda il solo cervello, le probabilità aumentano di cinque volte rispetto a chi non utilizza l’apparecchio per la comunicazione a distanza. I maggiori rischi sono per chi usa il cellulare a partire dalla minore età, quando cioè lo sviluppo del corpo – e in particolare del cervello – non è completato. Il professor Hardell ha spiegato a Report che ha grosse difficoltà a trovare fondi per le ricerche: “Credo sia un modo per ostacolarci. I pochi fondi ci arrivano dalle associazioni dei malati di cancro, mentre lo Stato svedese preferisce non finanziarci”. Il denaro va invece al Karolinska, che è foraggiato anche da aziende private che operano nel campo della telefonia mobile. Secondo quest’istituto, i cellulari non comportano rischi per la salute dell’uomo. È il trionfo del conflitto d’interesse su scala mondiale.

Nonostante tutte le problematiche e le contraddizioni sopra evidenziate, la giustizia italiana ha emesso una sentenza che mette in risalto il collegamento tra uso dei cellulari e malattia. Il verdetto è unico al mondo e riguarda Innocente Marcolini, il quale aveva un neurinoma. Durante il lavoro l’uomo usava cordless e cellulari anche 6 ore al giorno: il tutto per 10 anni. La Corte d’Appello di Brescia ha obbligato l’Inail a riconoscere la malattia professionale ritenendo che essa fosse rinconducibile all’elevato utilizzo degli apparecchi. Anche se gli studi sono contraddittori sul rapporto tra telefoni e tumori sono contraddittori, la giustizia ha ritenuto più credibili le ricerche non finanziate dai gruppi privati. L’ultima parola sulla vicenda giudiziaria spetta comunque alla Corte di Cassazione.

In conclusione, che fare per cercare di diminuire il rischio? In base a quanto affermano i più autorevoli ricercatori, i bambini farebbero decisamente bene a non usare il cellulare, visto che il loro cervello deve ancora svilupparsi e le onde elettromagnetiche penetrano più facilmente. Meglio non superare i 30 minuti di utilizzo al giorno. Meglio ancora fare uso dell’auricolare e tenere il telefono lontano dal corpo quando non serve: mai mettere il telefonino sotto il cuscino quando dormiamo. A casa è preferibile il fisso rispetto al cordless, perché il secondo sfrutta le onde elettromagnetiche. E infine, meglio tenere il finestrino aperto quando si è in auto e si ha con sé l’apparecchio.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

3 Comments

  1. Pingback: Rai Tre, Report: telefoni cellulari e tumori, quale correlazione | Informare per Resistere

  2. Pingback: Gestori mobili stanchi di Apple, credono in Nokia e Windows Phone | Cellulare.it

  3. Dott. Annibalini Maurizio

    dicembre 1, 2011 at 17:32

    Non so se avete mai fatto la prova della “presa pinza”, cioè tenendo ben serrato pollice e indice, ad anello, di una mano, e tenendo il telefonino, acceso o spento, nel pugno dell’altra mano, oppura in tasca, la presa allenta subito se un altra persona tenta di aprire le dita poste come detto a presa pinza! Mentre se non si ha il telefonino a contatto col corpo, è molto difficile aprire le due dita che fanno presa: provare per credere! Non so perché questa prova non viene divulgata. Come medico devo dire che tumori forse è raro che vengano causati dal telefonino, ma riduzione della fertilità nei ragazzi che lo tengono in tasca, sì, anche per effetto termico, ma soprattutto si pensa che si sviluppano più malattie psico-correlate: siamo tutti più “schizzati”, abbiamo meno freni inibitori…un pò come la presa pinza! Cordialissimi saluti…e apprezzamenti. M. Annibalini, via Pianello 4 61040 Borgo Pade (PU) 3398480332.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *