Servizio Pubblico, la prima puntata è sulla casta

By on novembre 1, 2011
Michele Santoro

text-align: justify”>Michele SantoroMancano poche ore, ormai, all’inizio di Servizio Pubblico. Il nuovo programma di Michele Santoro (nella foto) parte il 3 novembre. Sarà trasmesso su un network di tv locali, su Sky (canali 100, 500 e 504) e su quattro siti internet (quello ufficiale, quello di Repubblica, quello del Fatto Quotidiano, quello del Corriere della Sera). La raccolta fondi della omonima associazione è già arrivata a quota un milione di euro e continua a crescere a ritmo vertiginoso. È facile prevedere che con l’inizio delle trasmissioni le donazioni continueranno ad affluire in modo massiccio.

La squadra di Servizio Pubblico è ormai completa. Ne faranno parte anche Marco Travaglio, Giulia Innocenzi, il vignettista Vauro e Sandro Ruotolo: l’ex inviato di Annozero ha sciolto tutti i dubbi qualche giorno fa. Il giornalista ha detto addio alla Rai per proseguire il suo lavoro con Santoro. “Nella tv di Stato sono i partiti che decidono la vita e la morte di un programma, la carriera di un comico, di un giornalista o di un autore. La nostra scelta di lasciare la Rai – ha detto Ruotolo – deriva dal divorzio che si sta consumando tra i cambiamenti del paese e il servizio pubblico. Lavorare solo per il pubblico è sempre stato il sogno della mia carriera. Forse finalmente ci siamo: la nostra tv è libera da editori e da politici. Facciamo sul serio e se questa sfida avrà successo – ha aggiunto l’ex inviato di Annozero – anche il futuro della Rai potrà cambiare”.

Ma di cosa si occuperà la prima puntata? Chi saranno gli ospiti? Michele Santoro ha anticipato che l’argomento principale sarà la casta, che nonostante anni di battaglia della società civile, non ha voluto rinunciare a nessuno dei suoi privilegi. Una casta, quella politica, sempre più arrogante e arroccata sulle proprie posizioni. Che prima ha gioito per la cacciata di Santoro dalla Rai e ora deve nuovamente farci i conti.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *