Ascolti tv del Grande Fratello in calo, la Marcuzzi non è preoccupata

By on dicembre 28, 2011
Alessia Marcuzzi Gf12 Canale5

E’ finita l’era del Grande Fratello e dei reality show in genere? Sarebbe forse affrettata una conclusione del genere, ma certo è che questo genere di programmi vive una fase di grave crisi. I motivi sono molteplici. Dodici anni sono pur sempre tanti, televisivamente parlando. Se prima il Gf veniva considerato una sorta di esperimento sociale e mediatico, ora sembra quasi trascinarsi stancamente. I concorrenti che vi hanno partecipato sono oltre 200 e, di questi, pochissimi vengono ricordati. Ribadiamolo: è presto per dichiarare conclusa l’era dei reality, ma il calo degli ascolti è netto, sotto gli occhi di tutti, innegabile. La puntata serale dello show di Mediaset, ormai, viaggia poco sopra i 3 milioni di telespettatori. Se si dovesse scendere sotto questa ‘soglia psicologica’, sarebbero guai seri per la produzione. Al di là delle cifre, comunque, Alessia Marcuzzi (nella foto, ndr) non riesce a essere pessimista.

Sono abituata a certi cali – ha detto a Tv Sorrisi e Canzoni la conduttrice del Grande Fratello 12. – E’ avvenuto anche l’anno scorso, quando il programma è partito bene e poi ha avuto un calo fisiologico in concomitanza con Vieni via con me, di Fazio e  Saviano. Quest’anno c’è stato il più grande spettacolo dopo il week end e noi non siamo mai andati sotto il 14% di share. La verità è che non mi sono mai davvero preoccupata, so che i telespettatori hanno bisogno di tempo per affezionarsi ai ragazzi della casa“. Sarà, ma è vero anche che dopo che lo show di Fiorello si è concluso da un pezzo e gli ascolti hanno continuato a essere bassi.

Per me – ha spiegato ancora la Macuzzi al settimanale dell’amico Signorini – il Grande Fratello resta soprattutto un esperimento sociologico capace di raccontare quel particolare momento quando due persone iniziano a piacersi e corteggiarsi. E poi ci becco sempre, come con Andrea e Margherita. Seguendoli in tv mi accorgo prima di loro stessi quando sta nascendo qualcosa“.

Ma cosa ne pensano i nostri lettori? E’ proprio finita l’era del Grande Fratello? Avrebbe bisogno di rinnovarsi? Oppure, ancora, 3 milioni di telespettatori possono essere considerati un risultato importante?

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

2 Comments

  1. Andrea

    dicembre 28, 2011 at 22:15

    E’ un flop…..ma quale risultato importante! L’anno scorso ha retto benissimo contro vieni via con me con il 20%…..adesso ottenere il 14% è un risultato importante??allora tutti i programmi vanno benissimo…….tra l’altro il GF reggeva anche durante le feste invece l’ultima puntata ha ottenuto il minimo storico…….
    io credo che non sia finita l’era dei reality ma l’era del gf sicuro….in questo 2011 l’isola dei famosi è andato molto meglio! il gf dovrebbe prendere l’esempio e spedire dentro la casa la marcuzzi x 1 settimana…o fare un edizione con i vincitori delle precedenti edizioni….
    altrimenti può anche chiudere!

  2. Lambert

    dicembre 29, 2011 at 22:31

    Non sono un’amante del Grande Fratello, anzi, però l’anno scorso ricordo che l’ho seguito anche volentieri, c’erano ragazzi interessanti, il vincitore in primis, quella che poi è diventata la sua compagna anche, ma anche altri. Questo GF 12, invece, non ha proprio senso, pessimo gruppo. Io sarei più che favorevole alla chiusura a breve, mi dispiace per la Marcuzzi, che la trovo cmq brava, ma non si può andare avanti così per me.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *