Baciati dall’amore: riassunto della sesta ed ultima puntata

By on dicembre 21, 2011
baciati-dall-amore-

text-align: center”>Gaia Amaral e Giampaolo Morelli in Baciati dall'amore

E’ giunta alla conclusione la prima serie di Baciati dall’amore: la commedia sentimentale in sei puntate di Claudio Norza ha raccontato una storia d’amore vissuta all’ombra del Vesuvio, con una splendida Napoli nel ruolo di coprotagonista. Le vicende sentimentali di Carlo Gambardella (Giampaolo Morelli) e Valentina Trevisol (Gaia Bermani Amaral, in foto, ndr) si sono concluse con l’atteso lieto fine, anche se connotato, come d’altronde tutta la serie, da un gigantesco equivoco. Ma vediamo come si è arrivati al classico “…e vissero tutti felici e contenti“, o quasi.

Valentina cerca in tutti i modi di farsi accettare dai figli di Carlo: dopo che nella scorsa puntata gli scherzi dei ragazzi l’avevano costretta ad un ricovero in ospedale, la bella biologa riesce a conquistare la fiducia di Camilla, aiutandola a consegnare in tempo al Comune il progetto architettonico per i giardini pubblici di Carlo. Tra le due ragazze si genera una tale complicità che Valentina, su consiglio di Camilla, decide di farsi un piccolo tatuaggio e cerca di convincere Carlo a dare il permesso alla figlia di farsene uno. Valentina conquista anche i piccoli di casa Gambardella, quando per difendere Ninni da un compagno che lo offende per il colore della pelle, fa addirittura a botte con la mamma del bambino. Intanto Antonio (Pietro Taricone) trova un impiego singolare: si esibisce cantando i suoi brani alle commemorazioni dei defunti. Proprio in una di queste occasioni incontra la vedova Maddalena (Patrizia Pellegrino), una discografica che resta affascinata dal suo carisma e decide di fargli incidere il suo primo album.

Intanto a casa Trevisol l’intransigente sostituto procuratore Italo (Marco Columbro) decide di perdonare Valentina per la delusione che gli ha procurato mandando all’aria il matrimonio con Tommaso (Flavio Montrucchio) e di provare a conoscere Carlo e la sua famiglia. Decide così di invitarli alla cerimonia per il suo trentacinquesimo anniversario di matrimonio: per l’occasione, anche Gaetano (Lello Arena) otterrà un permesso speciale dal carcere. Peccato che alla festa dei Trevisol intenda presentarsi anche il boss Tano Bambardella, che è a piede libero e medita di liberarsi del suo sosia finito in carcere per sbaglio. Una volta arrivati alla festa, i Gambardella e i Trevisol si incontrano: Antonio e Carlo si rendono conto che il giudice Trevisol è colui che ha messo in carcere il padre Gaetano scambiandolo per il boss della camorra. Ed è proprio nell’ascensore dell’hotel dell’albergo che i due sosia si incontrano: Gaetano chiede al boss di non essere ucciso, perchè in carcere ha paradossalmente rirovato la libertà che aveva perso in tanti anni di vita al fianco della moglie. Quando il giudice Trevisol scopre la loro straordinaria somiglianza cerca di capire chi sia il vero boss: Gaetano per assurdo cerca di passare per il criminale pur di tornare in cella, dove ha trovato tanti amici ed anche un amore platonico per la direttrice del carcere. E in effetti ci riesce: a tornare a casa è Tano il boss, mentre Gaetano il fioraio rientra felice in carcere.

La conclusione della puntata rivela forse l’intenzione degli sceneggiatori di voler immaginare un seguito per la fiction: l’ipotesi però sembra alquanto improbabile, almeno per il momento, visti gli ascolti di questa prima serie, che dopo un esordio incoraggiante ha perso progressivamente telespettatori. La nota più gradevole di questo finale è stata una sorta di sigla di coda affidata a Pietro Taricone che, nelle vesti del suo personaggio Antonio Gambardella, ha cantato una delle hit neomelodiche che ha contrassegnato la serie, Amore e nicotina. Un ultimo saluto al giovane attore scomparso in un tragico incidente nel giugno dello scorso anno, proprio a ridosso della fine delle riprese, così come tutta la serie è stata dedicata alla sua memoria.

 

 

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

2 Comments

  1. miriam

    dicembre 21, 2011 at 17:37

    io credo che sia l unica fiction divertente e piacevole dei giorni d’oggi senza parolacce e cose al vento.. spero di cuore che la ripropongano presto.. grande pietro sempre con noi.

  2. fatima

    dicembre 26, 2011 at 22:20

    sono daccordo con te,io mi sono divertita e commossa allo stesso tempo,aspetto con gioia il seguito..e pietro rimarrà sempre nei ns cuori

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *