Grande Fratello 12, Mediaset: “Nessuna chiusura, scordatevelo!”

By on dicembre 31, 2011
grandefratello116

text-align: center”>Gf, smentita la chiusura

La chiusura anticipata del Grande Fratello 12 ha fatto in pochissimo tempo il giro del web, scatenando così la pronta reazione di Mediaset che ha voluto stroncare sul nascere questo rumors: “Voci infondate sulla chiusura anticipata del gf 12. Solo fantasie. Scordatevelo!” – ha tuonato sul popolare social network Twitter l’azienda di Cologno Monzese attraverso Qui Mediaset. Una dichiarazione che ha colto di sorpresa la blogosfera dopo il tam tam mediatico che ha coinvolto la Rete. In particolare sull’altro social network, Facebook, decine di utenti condividevano un articolo dal titolo “Grande Fratello, non ci mancherai” a firma di Emiliano Nuzzi de Il fatto quotidiano: “La festa degli psicologicamente inabili è finita. Non era appena cominciata, ma dopo 12 anni e 12 edizioni, decine di sconosciuti che – quando è andata male – hanno mangiato pane a tradimento per una o più vite comuni, verranno riposti in cantina. Resteranno in qualche pagina di libro, male che vada Wikipedia ne racconterà l’ascesa e la caduta. Ma finalmente possiamo dire che il 2011 ci ha portato una delle notizie più attese: il Grande Fratello chiude i battenti. E con la più dolce delle motivazioni: la causa è il calo di ascolti” – ha sentenziato il giornalista. Fiumi di inchiostro – o battiti di tastiera – sprecati: il Gf finirà a marzo come previsto e non importa se gli ascolti non sono in linea con la media di rete. Chiudere il reality significherebbe privare Mattino 5 e Pomeriggio 5 di una linfa vitale, costituita dagli amorazzi e dai litigi di cui questi programmi già moribondi si nutrono per sopravvivere, come le iene sulla carcassa degli avvoltoi. Per cui, nessuna speranza di veder concludere l’accanimento terapeutico.Ma ascoltiamo cosa dice ancora Nuzzi: “Ma non è solo la trasmissione iniziata dagli occhi assassini di Daria Bignardi, proseguita dalla matrigna che tutti non vorrebbero avere, Barbara D’Urso, e chiusa dalla fidanzata d’Italia (un po’ attempata anche lei) Alessia Marcuzzi: ad andarsene, con il Grande fratello, è il modello di televisione firmato Endemol, azienda che ha una leadership non più incontrastabile nella creazione di format televisivi e una montagna di debiti, che fallisce dopo anni”. Ecco, i debiti di Mediaset sono reali ma proprio il Gf per il suo costo irrisorio non corre alcun pericolo di soppressione.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

5 Comments

  1. Pingback: «Grande Fratello» chiude prima? Voci su Internet Mediaset: fantasie – Corriere della Sera | Italia - iWooho.com

  2. Biv

    dicembre 31, 2011 at 20:18

    🙁 Dopo la vittoria de La Sirenetta sul GF, speravo che capissero che ci sono addirittura cartoni animati che interessano più del reality e che avrebbero dedicato a dei classici dell’animazione un po’ di spazio nel prime time..peccato 🙁

    Il film d’animazione di Lady Oscar al posto del GF, se ben pubblicizzato come la RAI ha pubblicizzato i Disney, avrebbe avuto un buon ascolto perchè non interesserebbe solo ad un pubblico di giovanissim ma anche a donne adulte che erano bambine negli anni 80/90. Avrebbero potuto dedicare ogni lunedì sera ai grandi classici dell’animazione 🙁 🙁 Mi ero illuso che si stava muovendo qualcosa, visto che tutti i canali RAI hanno proposto film d’animazione e in Mediaset (generalista) sembrano dormire (ad eccezione di italia1 che ha proposto i film di Balto, Anastasia, Astroboy, Asterix, Looney Tunes e altri).

  3. Takashi Mitsuhashi

    gennaio 2, 2012 at 03:00

    Certo che la versione online del Fatto Quotidiano è di una credibilità disarmante!Pagina di google:news…coosa?Chiude il grande fratello?Mi precipito a leggere la notizia sul sito del Fatto:per 10 minuti ho provato una gioia che neanche l’Italia campione del mondo ha saputo darmi.Non mi fermo,voglio cercare di approfondire meglio…delusione totale.E poi hanno anche il coraggio di pavoneggiarsi del numero di visitatori che ogni giorno visita il loro sito?Facile vantarsi quando si scrivono boiate senza un minimo di fondamento.Se fossi un lettore del Fatto consiglierei ai giornalisti dell’ “Oracolo Quotidiano” di essere più prudenti la prossima volta.Accettano suggerimenti o si incazzano?

  4. Pingback: News about Qui Tam Action issue #1

  5. sandro

    gennaio 7, 2012 at 18:00

    Peccato speravo realmente fosse verooooo la gente non ne puo’ piu’ di sto schifo fermateliiiiiii Grazie

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *