I cerchi nell’acqua: riassunto della terza puntata

By on dicembre 28, 2011
i-cerchi-nell'acqua

text-align: center;”>Fiction I cerchi nell'acqua

Ieri sera su Canale5 è andata in onda la penultima puntata de I cerchi nell’acqua: la serie interpretata da Alessio Boni, Vanessa Incontrada (insieme in foto, ndr) e Paola Pitagora volge ormai al termine e questa sera finalmente scopriremo il mistero della tragica morte di Ginevra Della Rocca, che ha tenuto banco per tutte le puntate della fiction. Il nesso  tra l’omicidio di Alessia, la nipote di Davide Freccero (Alessio Boni), e la morte di Ginevra con cui Davide ha avuto una storia vent’anni prima, ha avvicinato sempre di più il fotografo alla sorella del suo primo amore, Bianca (Vanessa Incontrada), entrambi accomunati dal desiderio di far luce sulle due tragedie avvenute in circostanze simili. Dopo l’arresto di suo marito Goffredo (Paolo Giommarelli) e la scoperta della sua relazione con la giovanissima Alessia, un’altra rivelazione scioccante per Bianca: sua sorella Ginevra prima di morire ha partorito un bambino, figlio di Davide, di cui intanto Bianca si è innamorata.

Dopo aver scoperto nel carillon della sorella defunta un biglietto scritto da Ginevra e dedicato al piccolo che porta in grembo, Bianca chiede spiegazioni alla madre Elsa (Paola Pitagora), che la convince che il bambino è nato morto. Subito dopo, Bianca comunica la scoperta anche a Davide che, ingnaro di tutto, resta sconvolto dall’idea che Ginevra abbia partorito suo figlio. Bianca in carcere incontra Goffredo, che giura di non avere mai fatto del male ad Alessia e le confessa di amare davvero Marta (Elena Russo), la donna con cui ha una relazione. Bianca si convince che Goffredo sia innocente e che l’assassinio della ragazza sia in qualche modo collegato alla morte di Ginevra.

Davide intanto cerca di raccogliere indizi sull’omicidio della nipote: le sue indagini lo portano sulle tracce di un senzatetto, da cui cerca di farsi consegnare la camicia che indossa e che l’uomo ha recuperato nei pressi del lago,  in modo da verificare eventuali tracce dell’assassino. Il clochard però viene ucciso prima che Davide riesca a farsi consegnare l’indumento. Intanto le visioni della piccola Alice si fanno sempre più frequenti e particolareggiate, tanto da far temere alla madre Marta che la bambina sia malata. La piccola viene visitata da una medium, che attraverso il contatto con Alice rivive i drammatici istanti della mote di Ginevra. Marta e il commissario Sandro Spatafora (Giovanni Calcagno) sottopongono il caso di Alice ad uno psichiatra, che insiste per ricoverare la ragazzina in ospedale, dove può essere costantemente monitorata. Intanto Elsa Della Rocca, dopo avere scoperto che la giovane Anna, figlia della sua donna di servizio, in realtà è stata adottata ed è la vera figlia di Ginevra, tenta il suicidio immergendosi nel lago.

Questa sera andrà in onda l’ultima puntata della fiction, in cui scopriremo finalmente l’identità dell’assassino di Ginevra e Alessia, che a quanto pare potrebbe essere la stessa persona, e scopriremo quale sarà la sorte dei protagonisti. Elsa della Rocca ha davvero tentato il suicidio o si tratta dell’ennesima visione di Alice? E Bianca e Davide riusciranno a vivere la loro storia d’amore? Non ci resta che attendere: l’appuntamento con il finale de I cerchi nell’acqua è per le 21.10, su Canale5.

foto-bacio-vanessa-incontrada-alessio-boni

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *