I cerchi nell’acqua: rimpiangendo il lago con Laura Palmer

By on dicembre 21, 2011

Torna su Canale5, questa sera a partire dalle 21.10, la miniserie I cerchi nell’acqua con la seconda puntata (clicca qui per le anticipazioni). La scommessa di Canale5 è ispirata alla produzione francese Le Miroir de l’Eau. Sarà per questo che la serie, tutto sommato, convince critica e pubblico. Del resto il 15,05% di share della prima puntata e i 4 milioni di telespettatori sfiorati regalano un po’ di ossigeno alla rete ammiraglia del biscione che chiude il 2011 con un calo spaventoso di ascolti rispetto alla tv del servizio pubblico (così va di moda definirla in questo periodo). Il prodotto televisivo si presenta come una rivisitazione in chiave mistery dell’originale. Quindi più spazio al giallo e al sovrannaturale, senza però dimenticare l’aspetto romantico della serie che, si spera, terrà incollate alla televisione milioni e milioni di donne per l’affascinante Alessio Boni (in foto, ndr) che nella fiction è Davide Freccere, uomo dal passato tormentato che torna a fargli visita.

foto-bacio-alessio-boni-vanessa-incontrada-1

Anche Vanessa Incontrada (in foto, ndr) fa la sua parte. Inoltre dice bene il regista Umberto Marino quando afferma di aver lavorato per “ottenere un racconto teso e misterioso, attento alla psicologia dei personaggi, ma anche al ritmo serrato e ai colpi di scena”. Verrebbe da pensare che l’unica pecca della produzione è quella di essere italiana. Se infatti i colori, le ambientazioni e la qualità degli attori distanzia di parecchio le classiche produzioni italiane, I cerchi nell’acqua non possiede quel tocco internazionale che gli permetterebbe di fare un salto di qualità. In altre parole: il cadavere dalla morte sospetta c’è, le ombre del passato per i protagonisti pure, la bambina con poteri soprannaturali e i fantasmi non mancano. Eppure siamo davvero lontani da serie che ci hanno fatto sognare. Evitando l’elenco infinito che si potrebbe presentare, ne citiamo soltanto una. Data l’ambientazione lacustre paragone immancabile con I segreti di Twin Peaks (davvero un cult il volto di Laura Palmer che riemerge dalle profondità del lago).

Quindi che dire, un punto per lo sforzo di proporre qualcosa di nuovo ma siamo ancora lontani dalle serie che ci fanno desiderare di poter passeggiare tra le strade di Twin Peaks.

About Gianrico D'Errico

Nato a Cisternino (BR) nel 1988. Laureto in Filosofia è laureando in Scienze Filosofiche a Padova. Ama le serate con gli amici (preferibilmente a casa con coperta e cioccolata calda). Da sempre lo accompagna la passione per il cinema, gli sono irresistibili le commedie nere. Diventare giornalista è una delle tante opzioni che ha appuntate sul suo taccuino delle cose da fare da grande (assieme all'astronauta e l'inventore di cose utili). Per adesso ci prova con tanta passione per la scrittura e la televisione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *