Mamma mia! Raffaella Carrà pronta a tornare su Canale 5

By on dicembre 3, 2011

text-align: center”>Raffaella Carrà presenta Mamma mia

Si fa un gran parlare in questi giorni dell’ennesimo ritorno di Raffaella Carrà sul tubo catodico: la showgirl era data qualche tempo fa come conduttrice di This is your life, un people show a base di buoni sentimenti del quale non si è fatto più niente, complice anche l’inflazione del genere, portato alla ribalta già con Maria De Filippi grazie all’inossidabile C’è posta per te e in piccola parte dalla puntata pilota di Ora … ci vorrebbe un amico, un format a base di lip dub (video con canzoni cantate da gente comune in playback con la voce dei veri cantanti) che su Raiuno il primo luglio scorso registrò un misero 11% di share, per ammissione della stessa conduttrice Lorella Cuccarini “al di sotto degli obiettivi di rete”. Pensate che Mauro Mazza nonostante il clamoroso flop ha intenzione di riproporre il programma, che gode addirittura della benedizione del temutissimo critico televisivo Aldo Grasso. Ma non è in Rai che la regina del tuca tuca condurrà il suo people show, bensì su Canale 5: sulla rete ammiraglia del Biscione la musa di Sergio Japino sarà alle prese con Mamma mia!, un progetto a firma dell’autrice Simona Ercolani, che ha realizzato tra l’altro programmi diversissimi tra loro come Sfide e La pupa e il secchione. Sul format vige il riserbo più assoluto, ma è lecito nutrire delle riserve su questo eventuale approdo inaspettato della signora Pelloni su Canale 5, una rete che nell’ultimo biennio l’ha resa protagonista di una doppia apparizione da guest star, prima a Chi ha incastrato Peter Pan e poi a Io canto. Per il resto si è trattato di un lungo periodo di inattività, con una Rai che l’ha continuamente snobbata o le ha proposto dei progetti non confacenti alla sua carriera televisiva, preferendo restare ai margini. Come se non bastasse, alcuni maligni in Spagna sostenevano che la Carrà soffrisse di depressione, una voce subito stroncata dalla diretta interessata: “Ma quale depressione, sto una meraviglia!“. Un clamore nato a causa di una foto che la ritraeva senza trucco mentre andava a comprare il pesce sul monte Argentario.Per fortuna che è arrivato il direttore di Raidue Massimo Liofredi a proporre a Raffaella Carrà la conduzione per l’Italia della scorsa edizione dell’Eurovision Song Contest, al quale il nostro Paese si è classificato secondo con Raphael Gualazzi (mancavamo dalla competizione dal 1997). Con una professionalità e una freschezza superiore a quella di molti altri colleghi più giovani, la Carrà ha seguito la manifestazione continentale, facendosi affiancare nella serata finale da Bob Sinclair e dai ragazzi di Tv Talk con il presentatore Massimo Bernardini. Il programma registrò un misero 6% di share, ma il risultato era il frutto di uno scarso interesse dei telespettatori per una gara della quale non si aveva più memoria e uno scarso battage promozionale da parte della Rai. Ma adesso che Raffaella è in procinto di sbarcare a Mediaset verso marzo 2012 conviene chiedersi quanto la sua anima di people show invernale si concili con il target di Canale 5. Ma Raffaella Carrà è una diva senza età.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *