Michele Santoro, Servizio Pubblico: la quinta puntata è sull’euro

By on dicembre 1, 2011
Michele Santoro conduce Servizio Pubblico

text-align: center;”>Michele Santoro conduce Servizio Pubblico

Stasera, alle 21,00 va in onda la quinta puntata di Servizio Pubblico, che come sempre seguiremo anche noi di Lanostratv.it con la diretta testuale. Il programma di Michele Santoro (nella foto), dopo avere fatto segnare un boom d’ascolti eccezionale nella prima puntata, ora è in netto calo. L’esordio ha avuto, in tv, 2,8 milioni di spettatori per uno share medio del 12%. La seconda puntata ha fatto segnare un calo a 2,6 milioni di telespettatori (10,4%). Nella terza puntata i telespettatori sono scesi a 2,4 milioni (9,7%). Il record negativo nell’ultima puntata: 2 milioni di spettatori in tv per uno share medio dell’8,1%. Ricordiamo, come sempre, che a questi dati vanno aggiunti quelli del web, che sono molto importanti. Ma un dato di fatto resta. La trasmissione di Michele Santoro perde consensi tra il pubblico: tra la prima e l’ultima puntata gli spettatori sono diventati 800mila in meno e lo share si è abbassato di quasi 4 punti percentuali.

Ma veniamo alla trasmissione di stasera. Il titolo è: Salvare l’Euro. Gli ospiti sono il deputato del Pd e docente universitario Renato Brunetta;  l’europarlamentare, ex sindacalista ed ex Sindaco di Bologna SergioCofferati; il banchiere Claudio Costamagna; Massimo Giannini, vicedirettore del quotidiano la Repubblica; la giornalista Nunzia Penelope.

Su Facebook, a cui Santoro dice di dare molta importanza, il malcontento tra gli spettatori sale. Si aspettavano un programma ben diverso. Molti sono quelli infuriati. “Vi è piaciuto dare 10 euro per farvi prendere in giro da santoro che invita sempre politici (gli stessi di sempre) e facce che stanno sempre in tv? Oltretutto – dice un utente – è un programma noioso come non mai.  Ha ragione Beppe Grillo, Santoro, tieni ancora in vita certa gente invitandola nonostante ti hanno cacciato dalla Rai”. “Da Servizio Pubblico mi attendo informazioni trasparenti e voci fuori campo – scrive Daniela – non i soliti ospiti. Altrimenti, tanto vale guardare Porta a Porta, Amici di Maria de Filippi, Forum di Rita Dalla Chiesa, o qualsiasi altra trasmissione“. E i nostri lettori cosa pensano? Sono delusi da Santoro e il suo staff, oppure il programma è all’altezza della situazione? Ci aspettavate più coraggio e meno conformismo? A voi la parola.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

6 Comments

  1. Aldo

    dicembre 1, 2011 at 12:26

    La mia valutazione è invece sui contenuti (concordo comunque su quella televisiva): ho Anch’io ho dato i 10 euro e ho scoperto di essermi fatto povere illusioni…stasera ci saranno Brunetta e Cofferati!! Ma così ho finanziato una sorta di Super Ballarò…meglio l’Infedele di Gad Lerner. In una trasmissione “senza padroni” voglio vedere e sentire – almeno qualche volta – degli outsider, gente autentica della società civile, non importa se di destra, sinistra, anarchici, buddisti, aborigeni australiani, Luttazzi, Chiesa, Toni Negri, Casa Pound…sto andando agli estremi per farmi capire. Ancora 2 o 3 puntate così e torno a Rai Storia con le solite rimasticate rievocazioni della seconda guerra, di Hitler e del Duce. Saluti. Aldo S. da Cagliari.

  2. daniela zilli

    dicembre 1, 2011 at 15:32

    caro Santoro occorre essere più coraggiosi; non si può vedere ancora facce come quella di Brunetta e anche di Cofferati, protagonisti di una stagione che non vogliamo rivedere. Abbiamo bisogno di persone nuove che rappresentino la società, anche nei punti critici ma comunque costruttivi e capaci di stimolare l’attenzione e l’intelligenza di tanti spettatori che hanno sperato in un programma dai nuovi contenuti. Grazie Daniela

  3. Franco

    dicembre 1, 2011 at 18:38

    Non so , io seguo Santoro dai tempi di Samarcanda, compresi gli anni di Mediaset, però, questo “Servizio Pubblico” mi sembra, in effetti, un pò fiacco.
    Non si può pretendere che lo tengano in vita solo Travaglio e Vauro , che, tra l’ altro e con tutto l’ affetto, sono sempre uguali a se stessi. Questa “multimedialità ” per cui bisogna inseguire la trasmissione o su Sky , o andando a cercare una TV locale che la trasmetta , o in Internet , non mi sembra molto adatta a raccogliere un grande pubblico. Con tutto il male che si può dirne, alla fine la RAI è sempre la RAI. Ma ho anche un altro sospetto :
    CHE LA GENTE SI STIA STUFANDO DI “TALK SHOW” ! Ce n’ è dappertutto ,
    su tutte le Reti tutti i giorni ad ogni ora del giorno e della notte ! E professori, professorini, professoretti , onorevoli, disonorevoli, senatori, sindaci, cosiddetti “governatori” , sindacalisti che scambiano ricatti per referendum, più me la meno più mi sento venir meno, per non venir più meno non me la meno più ! E , INTANTO , CI TOLGONO LE PENSIONI , E, NOI, ZITTI ! Quando in Italia esisteva una Classe Lavoratrice , soltanto parlare di un’ ipotesi del genere avrebbe messo a ferro e fuoco le piazze , e non c’ era “Celere” di Scelba che tenesse ! Oggi gli Italiani sono tutti aspiranti brokers disoccupati , con le manine da femminuccia, senza calli . Nostalgia canaglia !

  4. Viscardo

    dicembre 1, 2011 at 18:59

    Sono perfettamente d’accordo con Franco….abbiamo i giovani di pastafrolla….
    e noi anta per lo piu’ rassegnati al sempre peggio……..

  5. adriano

    dicembre 1, 2011 at 20:19

    Ho dato anch’io i 10 euro ma stasera mi rifiuto di sentir parlare Brunetta!!Non ho più voglia di sentire le cazzate immani che spara Preferirei che parlassero e sostenessero, tutti ,quei poveri cristi di sardi, che equitalia stà facendo fallire
    Basta con politici e personaggi televisivi di professione, preferisco la gente normale come noi che si stà incazzando al cubo, e ha molte cose da esprimere compresi i va fan c. ecc

  6. Pingback: Santoro, Servizio pubblico: diretta della quintata puntata su Lanostratv | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *