Paolo Villaggio morto? E’ tutta una bufala!

By on dicembre 11, 2011
foto dell'attore comico paolo villaggio

Paolo Villaggio non è morto. Il ragionier Fantozzi in pensione ormai da anni è ancora vivo e vegeto. La notizia pubblicata in rete nelle scorse ore e attribuita all’agenzia ansa è quindi soltanto una bufala. Alla falsa notizia, il ragioniere più famoso d’Italia ha risposto con una risata commentando con la solita ironia che lo contraddistingue così: “Mi sento benissimo ma a questo punto andrò a fare un check-up“. A notizie del genere l’attore genovese è abituato. Del resto non è la prima volta che l’interprete dello sfortunato Ugo Fantozzi, che il 30 dicembre festeggierà  79 anni, viene fatto morire prima del tempo.

L’episodio  più recente risale al marzo scorso quando si era diffusa sempre in rete il comunicato sul suo decesso seguito da una lunga serie di commenti tra incredulità e commozione da parte dei tanti sostenitori del comico. Nove anni fa, invece, è stato lo stesso attore a raccontare tramite il mezzo televisivo che una presunta astrologa aveva previsto la sua morte per il giorno 14 dicembre del 2002, ma nulla accade nemmeno quella volta, anzi all’indomani l’attore andò ospite in una trasmissione tv per testimoniare il mancato decesso.

Paolo Villaggio per la morte ha una vera ossessione: ha contribuito ad  aumentare le leggende metropolitane sul suo conto si sprecano. Ha pensato al suicidio, al ritiro in convento e per ultimo ha espresso il desiderio, una volta morto sul serio, di essere bollito.

Esorcizzare la morte, evidentemente, allunga la vita!

About Taty Rossi

Nata a Milano sotto il segno dei Pesci, ha origini eritree, una pelle color cannella e si definisce "un'amante della parola". Ha studiato recitazione e conduzione televisiva presso il Centro Teatro Attivo di Milano poiché teatro, cinema e televisione sono le sue più grandi passioni. Oggi cura i servizi esterni del programma "Live In Style" in onda ogni venerdì alle 18.15 su 7Gold.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *