Preferisco il Paradiso stasera in tv su Rai1: la biografia di San Filippo Neri

By on dicembre 12, 2011
Preferisco il Paradiso Gigi Proietti Filippo Neri

RaiUno sente la mancanza di Fiorello e del suo “Il più grande spettacolo dopo il weekend” e torna a proporre le fiction, ma non nuove di zecca. In periodo di crisi la Rai si dà al riciclo (ma non con Fiorello strapagato 1600 euro al minuto, ndr): ripropone in prima serata su RaiUno la miniserie televisiva, andata in onda nel Settembre 2010 in due puntate, “Preferisco il Paradiso”. Oggetto è la biografia di San Filippo Neri, sacerdote cattolico, denominato giullare di Dio e secondo apostolo di Roma, santo dal 1622. Protagonista della miniserie tv, ovviamente nel ruolo di Filippo Neri, è Gigi Proietti (in foto, ndr), noto attore italiano. La regia è di Giacomo Campiotti e la produzione di Lux Vide in collaborazione con la prestigiosa Rai Fiction. Filippo Neri, giunto a Roma, vorrebbe cambiare una città dove dilagano criminalità e corruzione, e vorrebbe imbarcarsi per le Indie in compagnia dei missionari di Loyola. Ma è troppo tardi. A Roma un uomo gli offre il posto di precettore per suo figlio Michele e poi per Ippolita. Filippo Neri allora si decide ad aiutare i trovatelli e a dedicare a loro la sua vita. Un sacerdote gioioso e particolare, insolito e divertente, con un grande amore per gli adolescenti, aprendo anche un oratorio.

Nel 2010 la fiction ha totalizzato una media di 6.755.000 telespettatori con uno share del 25.63%. La prima puntata è stata apprezzata da 6.345.000 telespettatori (23,88%) mentre la seconda da 7.165.000 telespettatori e il 27,37% di share. Un successo per la RAI che torna a sfruttare i suoi carrozzoni per riempire una serata tendenzialmente vuota, orfana di un one man show che ha totalizzato il 50% di share, facendo un baffo anche al Festival di Sanremo nonostante la ripresa-morandiana. La RAI vuole scommettere sulla religiosità: non ci spiegheremmo allora la fiction Che Dio ci aiuti con Elena Sofia Ricci.

About Fabio Giuffrida

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *