Quarto Grado, l’appello di Gennaro Rea a Parolisi: “Devi dire la verità”

By on dicembre 17, 2011
Salvo Sottile e Sabrina Scampini Foto

Continuano le inchieste giornalistiche alimentate  dai dibattiti televisivi di Quarto Grado aventi come oggetto i principali delitti irrisolti degli ultimi tempi analizzati con la lente di ingrandimento di Salvo Sottile e Sabrina Scampini (in foto, ndr). E proprio nella puntata andata in onda ieri sera venerdì 16 dicembre su Rete Quattro alle 21, 10 (che sarà replicata stasera alle 21,10 su Mediaset Extra) si è tornato a parlare ampiamente dell’omicidio di Melania Rea con in studio il padre e il fratello della donna assassinata lo scorso aprile, Gennaro e Michele Rea. E nel ripercorrere le vicende più salienti del delitto di Melania, di cui l’unico accusato risulta essere il marito Salvatore Parolisi, attualmente in carcere, si è cercato di far luce sugli ultimi movimenti della donna, per confermare o meno quanto raccontato dal marito. E proprio su quanto dichiarato da Salvatore che avrebbe visto per l’ultima volta la moglie un attimo prima che la stessa si recasse in bagno a Colle San Marco, papà Gennaro è stato chiaro: “Lui sa più di quanto non dica” e proprio con questa consapevolezza ha fatto un ulteriore appello a Salvatore, un uomo per cui prova una pena infinita, esortandolo a parlare e raccontare la verità. Si è parlato anche dell’uomo che telefonò alla polizia segnalando il cadavere di Melania, poi dissoltosi nell’ombra, ipotizzando un possibile testimone che eventualmente possa aver visto più di quanto non voglia dichiarare. Dal caso di Melania Rea si è passati dunque a raccontare della scomparsa e poi del ritrovamento del cadavere di Lucia Manca, la bancaria di Marcon, trovata morta lo scorso ottobre il cui caso presenta molte correlazioni con il caso Rea, in primis una vita coniugale apparentemente felice ma con tanti scheletri dell’armadio da parte del marito Renzo.

Continuano dunque le analisi sul corpo della bancaria 52enne per accertare se veramente la donna è stata assassinata e in tal caso le indagini si avvicinerebbero in modo inequivocabile ad indagare sull’alibi del marito. Una puntata davvero ricca di spunti quella di Quarto Grado in cui si è tornato a parlare di Raffaele Sollecito e Amanda Knox, che nonostante l’ assoluzione sono creduti colpevoli da parte dei telespettatori e infine della scomparsa di Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo e ancora cercata dalla madre Piera Maggio, presente in studio. Nel corso  del processo a carico della sorellastra della piccola Jessica Pulizzi accusata del rapimento della bambina, è stato messo in evidenza che esistono testimoni che avrebbero visto una donna bionda al volante subito dopo il rapimento della bambina. Sul chi fosse la donna è ancora un mistero anche se le ipotesi si rincorrono all’impazzata. Che si trattasse effettivamente di Jessica?

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

2 Comments

  1. annamaria spadafora

    dicembre 17, 2011 at 13:31

    Ieri sera ho visto la puntata di quarto grado come ormai tutti i venerdì sono rimasta sconcertata dal colloquio di Parolisi con la sorella lucia in cui secondo il mio modesto parere ,un cinismo e una cattiveria non solo di lui ma di tutta la sua famiglia che si stanno ponendo nei confronti dei Rea in modo sbagliatissimo vorrei dirgli “ma non vi rendete conto che hanno perso una bellissima figlia e ancora non si sa per mano di chi e xchè? voi pensate solo a voi stessi in modo egocentrico ed egoistico” invece ai REA ” vi do tutta la mia solidatarietà e vi ammiro per la vostra forza e compostezza oggi sono qualità rare”
    spero solo che al più presto si sappia la verità ve lo auguro con tutto il cuore. Annamaria da S. vitaliano (NA)

  2. Pingback: Quarto Grado, la ricostruzione: E se Roberto Straccia fosse stato ucciso? | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *