Sherlock: la seconda puntata della serie-tv dedicata all’investigatore Holmes

By on dicembre 30, 2011
sherlock1

text-align: center”>Serie tv Sherlock

Secondo episodio per le avventure del geniale Sherlock Holmes e del suo inseparabile compagno d’avventure John Watson (insieme in foto, ndr): nell’episodio di Sherlock in onda ieri sera su Italia1, dal titolo “Il banchiere cieco”, i due sono coinvolti in una vicenda ancora più pericolosa e piena di imprevisti. Dopo che Holmes (Benedict Cumberbatch), nell’episodio precedente, aveva rischiato la vita a causa dell’imprevedibile killer-tassista, adesso è la volta del dottor Watson (Martin Freeman) e della sua nuova compagna Sarah, che vengono presi in ostaggio da una pericolosa organizzazione criminale cinese. Tutto inizia con due omicidi, apparentemente senza nessun legame, ma collegati tuttavia dagli strani segni di vernice gialla presenti su entrambe le scene del crimine: e Sherlock, che nel mistero trova pane per i suoi denti, non può proprio lasciarsi scappare un’occasione del genere. L’ispettore Lestrade, purtroppo per Holmes, è sostituto questa volta da Dimmock, che vuole subito liquidare i due casi come suicidi: ma il geniale detective si accorge subito che qualcosa non quadra. Così, il consulente investigativo londinese, come lui stesso si definisce, viene messo a dura prova quando, insieme a Watson, si ritrova a dover decifrare quei segni presenti accanto ai corpi, che all’apparenza sembrano codici scritti in un antico dialetto cinese. Parte così la caccia agli indizi: le tracce portano Sherlock a intuire che si tratta di una pericolosa organizzazione criminale cinese chiamata Loto Nero. Le due vittime erano due corrieri contrabbandieri di tale organizzazione ma, a causa di un furto da parte di uno dei due di un oggetto molto prezioso che apparteneva all’organizzazione stessa, quest’ultima li ha eliminati senza farsi scrupoli.

Ma il peggio deve ancora venire, perché quando Holmes porta Watson e la sua compagna Sarah ad assistere ad uno spettacolo circense, i tre si fanno riconoscere dai tizi pericolosi del Loto Nero, che non perdono tempo così a rapire il dottor Watson e compagna, credendo che sia lui il famigerato Sherlock Holmes che sta dando la caccia ai malviventi. Ma l’intuito del brillante investigatore porta finalmente Holmes a decifrare quegli strani codici e a localizzare il luogo in cui i malviventi avevano intenzione di farsi restituire quel prezioso pezzo rubato: il detective può quindi soccorrere Watson che è tenuto in ostaggio.

 

Dopo che John ha fatto fuori l’autore dei tre delitti, Sherlock riesce a salvare la vita al dottore e alla sua compagna, anche se i tre si lasciano scappare il capo dell’organizzazione, una vecchia donna che si faceva chiamare Generale Shan. Il prezioso oggetto rubato si rivela infine essere niente più che un fermaglio per capelli del valore di 9 milioni di sterline, che fa la fortuna della segretaria di una delle due vittime che l’aveva rubato e che glielo aveva precedentemente regalato. Un’avventura pericolosa questa per Sherlock, che con la solita calma e freddezza riesce a risolvere qualsiasi enigma gli si presenti, ma che continua a coinvolgere nelle sue indagini pericolose il povero dottor Watson, il quale stavolta voleva semplicemente godersi un appuntamento con la sua ragazza, ma ha finito col rischiare la vita.

Episodio, questo, abbastanza differente dal primo anche riguardo la struttura narrativa: questa volta, infatti, il film è stato incentrato molto più sulle indagini e sulle ricerche del detective, che sul suo carattere e i suoi atteggiamenti, già ampiamente presentati e descritti nel primo episodio. Ma Sherlock, sempre incurante dei guai e con la voglia inarrestabile di “divertirsi” a modo suo, ora sembra essersi cacciato in un grosso problema: il Generale Shan, infatti, a causa del fallimento della sua missione, viene fatta fuori da un famigerato M… Che sia forse il professor Moriarty, che adesso non vede l’ora di affrontare di persona il suo arcinemico Sherlock Holmes? E che dire dell’altro nemico di Holmes, ovvero suo fratello Microft? Lo scopriremo solo con l’ultimo, imperdibile episodio della serie dedicata alle vicende dell’investigatore più intelligente e stravagante d’Inghilterra. L’appuntamento è per giovedì prossimo, su Italia1.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *