Stasera in tv Quarto Grado: l’assoluzione di Alberto Stasi

By on dicembre 9, 2011
Salvo Sottile

text-align: justify”>Salvo SottileStasera c’è un nuovo appuntamento con Quarto Grado. La trasmissione condotta da Salvo Sottile (nella foto) va in onda su Rete Quattro alle 21.10. Al centro di questa puntata c’è soprattutto il delitto di Garlasco all’indomani della assoluzione di Alberto Stasi. Poi, ancora: l’omicidio di Melania Rea, la scomparsa del piccolo Jason, la morte dei fidanzati di Policoro e le ultime novità sul caso Sarah Scazzi.

Dopo il verdetto della Corte d’Assise d’Appello su Alberto Stasi, che era imputato per l’omicidio della fidanzata Chiara Poggi, il programma torna a parlare di quanto avvenne a Garlasco. Se, come dicono i giudici, non è stato Alberto, chi ha ucciso Chiara? Qualcuno altro che la conosceva? Oppure uno sconosciuto? Le speranze di arrivare all’assassino sono ormai ridotte al lumicino, anche perché altre piste, oltre a quelle che portavano a Stasi, non sono state battute in questi anni.

Il caso più discusso di questo 2011 è indubbiamente la morte di Melania Rea. Quarto Grado ne parlerà a seguito della conferma del Tribunale dei minori di Napoli di affidare la bambina, Vittoria, ai nonni materni (anche la sorella di Salvatore Parolisi, attualmente in carcere, ne aveva chiesto la custodia). Salvo Sottile, Sabrina Scampini, gli ospiti in studio e gli inviati di Ascoli si occuperanno dello sviluppo delle indagini. Tutto, per ora, sembra ruotare attorno alla relazione tra il caporal maggiore e la soldatessa amante Ludovica.

Il programma di Rete Quattro cercherà poi di far luce su due casi assai meno noti: la morte di Luca Orioli e Marirosa Andreotta. I due fidanzatini di Policoro morirono il 23 marzo del 1988 in circostanze che non sono state mai del tutto chiarite. Si parlerà anche del piccolo Jason Pruscino. Il bambino di 6 mesi è scomparso da Folignano lo scorso giugno. I genitori del neonato sono in carcere: l’accusa, per entrambi,  è di omicidio volontario e di soppressione di cadavere.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *