Tg1, l’era Augusto Minzolini è al tramonto

By on dicembre 11, 2011
Augusto Minzolini

Volge ormai al termine l’era di Augusto Minzolini (nella foto). Il direttore del Tg1 è stato appena rinviato a giudizio per peculato dal Tribunale di Roma. L’accusa è quella di avere utilizzato la carta di credito della generosissima mamma Rai per scopi personali. Lorenza Lei preme perché già la prossima settimana Minzolini possa essere sostituito. A prendere il suo posto dovrebbe essere Alberto Maccari, il quale attualmente guida il Tgr. L’incarico di quest’ultimo sarebbe a scadenza, fino 31 gennaio. Poi, via libera a un altro direttore. Ma quasi tutti i partiti non sono d’accordo contro questo tipo di soluzione intermedia. Vogliono che Viale Mazzini si assuma la responsabilità di nominare un nuovo direttore da subito. Il Pdl, dal canto suo, ritiene che Minzolini debba continuare per la sua strada e non ci sia motivo per allontanarlo dalla direzione del notiziario televisivo più antico della penisola.

In ogni caso, il futuro del direttorissimo non si presenta affatto nero. Un precario che perde il lavoro rischia di finire in mezzo alla strada. Lui, nonostante il crollo degli ascolti e nonostante la gravissima ipotesi di reato, per punizione rischia di essere spedito a Parigi o New York. Dalla capitale francese o dalla Grande Mela, Minzolini potrebbe raccontarci con la solita caparbietà e acutezza d’analisi cosa succede. Durissima dev’essere la vita di questi giornalisti Rai all’estero. Abitano in case lussuose, vengono strapagati e per qualche secondo ci spiegano cosa spiegano le tv del luogo. Insomma, la punizione che si prospetta per l’ex notista politica de La Stampa è di quelle tremende. D’altronde, siamo in crisi. E allora anche la Rai fa fare terribili sacrifici a dipendenti e collaboratori.

Minzolini, però, vorrebbe saldamente restare alla poltrona di casa nostra e anche Berlusconi (ma dai!) tifa perché l’avventura possa continuare. Il direttorissimo si dichiara innocente rispetto alla vicenda giudiziaria e si ritiene vittima di una specie di complotto.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *