Anita: l’ultima puntata dedicata all’eroina e al patriota Garibaldi

By on gennaio 18, 2012
Ultima puntata Anita Garibaldi

text-align: center;”>Ultima puntata Anita Garibaldi

E’ andata in onda ieri sera la seconda ed ultima puntata della miniserie dedicata alla figura di Anita Garibaldi, con Valeria Solarino e Giorgio Pasotti protagonisti nei ruoli rispettivamente di Anita e Giuseppe Garibaldi. La prima puntata, in onda lunedì, ha registrato ottimi ascolti: la storia d’amore tra l’Eroe dei due mondi e la ribelle brasiliana ha conquistato 5.789.000 di telespettatori e uno share del 20,33%, attestandosi come programma in assoluto più visto della serata. E un buon risultato è stato ottenuto anche ieri, con 5.377.000 telespettatori e uno share  al 18,98%.

Nella puntata di ieri sera abbiamo visto Giuseppe Garibaldi impegnato a Roma nella costruzione della nascente Repubblica, mentre Anita è a Nizza con i bambini, in attesa di poterlo raggiungere: quando il 9 febbraio 1849 viene finalmente proclamata la Repubblica Romana, i due si ricongiungono proprio a Roma. Prima di partire Anita affida a Rosa, la madre di Garibaldi, i bambini Teresita e Ricciotti e lascia Menotti, il figlio maggiore, in collegio. Giunta nella città eterna, Anita si unisce a molte altre patriote, tra cui Cristina Trivulzio di Belgioioso, Dora Antonini, Enrichetta Pisacane, sostenendo con forza e dedizione la causa della Repubblica Romana: durante uno spettacolo di Giuseppe Verdi, intona l’inno di Mameli insieme ad altri patrioti a dimostrazione della loro voglia di unire il Paese e si rende utile nell’aiutare la popolazione, costantemente minacciata dagli attacchi dell’esercito francese. La tregua firmata dal triumvirato che regge le sorti della Repubblica, formato da Giuseppe Mazzini, Carlo Armellini e Aurelio Saffi, viene interrotta prima della scadenza concordata: la situazione precipita quando i francesi oltrepassano le mura della Repubblica. La città resiste a fatica agli assalti delle truppe papaline e di quelle francesi: così Anita coinvolge più donne possibile come infermiere per i feriti di guerra. Tra loro c’è anche Esther, una prostituta, che assiste il giovane patriota Goffredo Mameli fino alla morte.

Anita non si tira indietro di fronte alla lotta, nonostante sia malata ed incinta del quinto figlio: le truppe garibaldine difendono fino all’ultimo uomo la neonata istituzione repubblicana, che però dopo soli 5 mesi crolla sotto l’assedio francese. Dopo la capitolazione definitiva avvenuta il 4 luglio, Garibaldi è costretto a fuggire e si dirige verso Venezia: Anita lo segue e insieme risalgono la penisola, circondati dalla minaccia incombente degli eserciti ispano-borbonico, francese e austriaco. Nella fuga Anita muore all’età di soli 28 anni a Mandriole di Ravenna. L’appassionante vicenda della storia d’amore tra i due eroi, sullo sfondo delle lotte risorgimentali, ha conquistato il pubblico: per la Rai ha rappresentato una delle iniziative per festeggiare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *