Che Dio ci aiuti, Massimo Poggio è il Commissario Marco Ferrari: scheda dell’attore

By on gennaio 13, 2012
Che dio ci aiuti Marco Ferrari suor Angela foto

text-align: center;”>Che dio ci aiuti Marco Ferrari suor Angela foto

Che Dio ci aiuti, la nuova serie “in convento” di Rai 1, potrebbe apprestarsi a diventare un grande classico delle fiction all’italiana, se non altro per gli ottimi risultati che continua a macinare in termini Auditel (la puntata di ieri, di cui trovate il riassunto in questo post, è stata seguita da ben 6.615.000 spettatori nel primo episodio e 6.063.000 nel secondo). A dimostrazione di ciò, anche le riprese per la seconda stagione cominciate già da qualche settimana. Premiata dunque, ancora una volta, Rai Fiction, che, puntando su temi scontati e ambientazioni consumate, ma anche su un ottimo cast di attori, ha confezionato l’ennesimo prodotto di successo. Uno dei protagonisti della serie è il Commissario Marco Ferrari, un poliziotto che, a causa di uno sbaglio, non ha ottenuto la promozione desiderata. Marco è legato a suor Angela a sua insaputa da un oscuro segreto: per questo la suora si sente in dovere di proteggere Marco e dargli ospitalità nel convitto. Il poliziotto è infatti figlio dell’uomo che venne ucciso in una rapina in cui, molti anni prima, era stata coinvolta anche Angela (condannata anche alla reclusione per diversi anni, in seguito alla quale decise di prendere i voti): a causa di ciò, dopo l’abbandono della madre, spaventata dal fatto di dover crescere un bambino completamente sola, Marco è cresciuto in un istituto. Il rapporto con la suora è speciale: nonostante si mostri infastidito dall’onnipresenza di suor Angela nelle indagini, alla fine il Commissario è palesemente contento della loro continua collaborazione. Il personaggio di Marco Ferrari è interpretato da Massimo Poggio: di seguito, troverete una breve scheda dell’attore.

Massimo Poggio nasce ad Alessandria nel 1970; studia recitazione presso la Scuola dell’Azienda Teatrale Alessandrina e la Scuola del Teatro Stabile di Torino, diretta da Luca Ronconi. Risale al 2000 il debutto sul grande schermo, impegno che lo vedrà protagonista in numerosissime produzioni: Poggio compare infatti nei film Due come noi, non dei migliori, diretto da Stefano Grossi, e in Rosa e Cornelia, diretto da Giorgio Treves, nel 2000; tre anni dopo, nel 2003, è la volta di Il quaderno della spesa, regia di Tonino Cervi, e La finestra di fronte, di Ferzan Ozpetek. Nel 2004,  recita in Vicino al fiume, di Carlo Marcucci, e nel 2005 in Cuore sacro, anche quest’ultimo diretto da Ozpetek; nel 2007 è protagonista del film di Andrea Adriatico, All’amore assente. Un anno dopo ritorna sul grande schermo ne Il monastero, regia di Antonio Bonfacio, Il sangue dei vinti, regia di Michele Soavi, e Il prossimo tuo, regia di Anne Riitta Ciccone. Nel 2009 è uno dei protagonisti de Il compleanno, in cui, tra l’altro, vi è una scena di sesso tra Massimo e Thyago Alves.

Ancor più ricca è la sua carriera televisiva, che lo vedrà impegnato in numerosissime fiction tra Rai e Mediaset: nel 1996 debutta in L’avvocato delle donne, a seguire Ama il tuo nemico (1999), L’uomo del vento (2001), Le ragioni del cuore (2002), Casa famiglia 2 (2003), De Gasperi, l’uomo della speranza (2005), Questa è la mia terra (2006-2008), regia di Raffaele Mertes, serie di cui è protagonista, nei panni di Giacomo De Santis, insieme a Roberto Farnesi Kasia SmutniakIl segreto di Arianna Maria Montessori – Una vita per i bambini, entrambe in onda nel 2007; Zodiaco ed Amiche mie nel 2008. Nel gennaio del 2010 appare nella la miniserie in due puntate Nel bianco per Canale 5, regia di Peter Keglevic, tratta dall’omonimo romanzo di Ken Follett; nel 2011 è infine Enea Pannone, il professore di matematica “alternativo” ne I liceali 3.

About Matteo

Nato e residente in provincia di Lecce, è il più giovane tra i Redattori de LaNostraTv.it. Frequenta il Liceo Linguistico e adora il calcio (ma solo quello in Tv), la lettura (in particolare la saga di 'Harry Potter' e la magica penna di J.K. Rowling), il mondo dell'Interior Design, la Filosofia, la musica e naturalmente la televisione . La passione per la scrittura e per il giornalismo ha sempre accompagnato il suo percorso scolastico e non. Per il futuro ha molti sogni e parecchie ambizioni, ma anche tanta confusione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *