Festival di Sanremo 2012, la scheda di Dolcenera

By on gennaio 26, 2012
foto cantante dolcenera

text-align: center;”>foto cantante dolcenera

Emanuela Trane in arte Dolcenera sarà una delle partecipanti in gara alla sessantaduesima edizione del Festival di Sanremo che si svolgerà al Teatro Ariston dal 14 al 18 febbraio prossimi. Nata a Galatina nel maggio 1977 torna quest’anno nel luogo che le ha regalato il successo nel 2003, quando ha vinto la sezione nuove proposte con il brano Siamo tutti là fuori. Già da allora si capì che stava nascendo una stella con una personalità dal forte impatto: era quella ragazzina con le mani sul piano che ha sempre cercato di aprire il suo mondo musicale alle influenze folk, l’R&B, e synth rock. Forte della sua capacità di imporsi al pubblico, due anni più tardi, nel 2005 vince la seconda edizione del reality show Music Farm condotto da Simona Ventura. L’amore di Dolcenera per la musica nasce fin da quando era bambina. Gli studi di pianoforte, canto e clarinetto la portano a scrivere le sue prime canzoni e a esibirsi dal vivo. Il primo incontro importante accade quando decide di iscriversi alla Facoltà di ingegneria meccanica dell’Università degli Studi di Firenze. In quell’occasione infatti conosce il chitarrista Francesco Sighieri, con il quale ha fondato insieme a Lele Fontana la band I codici zero. Pochi anni dopo un altro incontro, quello con il produttore Lucio Fabbri, le fa ottenere il suo primo contratto discografico con lo pseudonimo Dolcenera, tratto dal titolo di una canzone del cantautore genovese Fabrizio De André.

dolcenera-a-music-farm

Dopo aver prestato la voce ad alcuni jingle pubblicitari ed essere stata corista per alcune trasmissioni televisive quali La notte vola e Testarda io, nel settembre 2002 pubblica il suo primo singolo dal titolo Solo tu. Con questo brano partecipa al programma Destinazione Sanremo entrando nella rosa dei vincitori che avrebbero quindi partecipato al 53º Festival di Sanremo. Il brano Siamo tutti là fuori, dalle sfumature folk tipiche della taranta salentina, raggiunge il decimo posto nella classifica dei singoli più venduti in Italia. Segue il suo primo album Sorriso nucleare, che non ottiene il successo sperato. Da questo vengono estratti altri due singoli radiofonici: Devo andare al mare e Vivo tutta la notte. L’estate del 2003 Dolcenera e la sua band fanno un tour attraverso tutta l’Italia. L’anno dopo, presenta alla commissione del Festival di Sanremo la canzone Un mondo perfetto, ma la cantante viene esclusa. Ne nascono numerose polemiche poichè tradizione vuole che il vincitore della sezione nuove proposte venga ammesso di diritto nella categoria big dell’edizione successiva. Il secondo album di Dolcenera esce nel maggio 2005. Lo stesso anno vince Music Farm, ottenendo il 65% delle preferenze da parte del pubblico italiano nella finale con Fausto Leali e destando le critiche di molti per il rapporto con Francesco Baccini all’interno del programma: il cantautore genovese si era infatti infatuato di Dolcenera, reagendo al suo rifiuto con una bestemmia che gli è costata l’esclusione dalla gara. Dall’album Un mondo perfetto, disco di platino con oltre 90mila copie, vengono estratti i singoli Mai più noi due e Continua. Un anno dopo, nel 2006, la cantante pugliese pubblica l’EP Dolcenera canta il cinema unitamente all’acquisto di DVD Fox o come omaggio per l’iscrizione al Fans Club ufficiale, in cui interpreta alcune famose cover di altrettante colonne sonore cinematografiche.

Poco tempo dopo torna in gara al Festival di Sanremo, presentando lo splendido brano Com’è straordinaria la vita. Pur complici alcune strepitose performance all’interno delle varie serate, la canzone arriva soltanto al secondo posto della categoria Donne, ma raggiunge la sesta posizione nella classifica dei singoli più venduti in Italia. Esce poi il terzo album, dal titolo Il popolo dei sogni. Anche questo ottiene il disco di platino con oltre 80mila copie vendute. Nel tour del 2006 Dolcenera arriva anche in alcune città dell’Europa centrale, tant’è che una versione speciale dell’album Un mondo perfetto viene pubblicata in estate in Germania, Austria e Svizzera. Nel disco quattrodici canzoni tratte dall’edizione italiana dell’album omonimo e da Il popolo dei sogni, con l’aggiunta di una nuova versione di Siamo tutti là fuori. La raccolta è trainata dal singolo Passo dopo passo. Successivamente si dedica anche al cinema, prima firmando il brano In fondo alla notte per il film thriller La notte del mio primo amore di Alessandro Pambianco e poi comparendo in un cameo nel film Il nostro messia di Claudio Serughetti. Poi realizza i brani Sei tu (Say yes) e Mon amour (Tes petits defauts) per la colonna sonora del film Finché nozze non ci separino. Torna a recitare nel 2007 nel film Scrivilo sui muri di Giancarlo Scarchilli. Proseguono intanto i suoi tour in giro per l’Europa: memorabili le due esibizioni al pianoforte al Deutsches Theater di Monaco di Bavierae all’Arco de La Défense di Parigi. Dopo aver aperto i concerti di Zucchero e Vasco Rossi torna per la terza volta al Festival di Sanremo 2009 con la canzone Il mio amore unico. Data come una delle favorite per la vittoria, viene invece ingiustamente eliminata nelle semifinali, suscitando fischi da parte del pubblico dell’Ariston. Dolcenera però si prende la sua rivincita perchè la sua canzone diventa un tormentone del momento e raggiunge il quinto posto nella classifica FIMI dei singoli più venduti. Alla radio, inoltre, è uno dei brani più trasmessi, mentre l’album Dolcenera nel Paese delle Meraviglie raggiunge il tredicesimo posto in classifica diventando disco di platino.

Ad aprile 2009 Dolcenera partecipa alla manifestazione Artisti uniti per l’Abruzzo, realizzando con oltre cinquanta cantanti italiani il brano Domani 21/04/09, pubblicato per raccogliere fondi per le popolazioni colpite dal terremoto dell’Aquila. L’estate successiva apre il concerto dei Depeche Mode allo Stadio San Siro di Milano e partecipa al concerto Amiche per l’Abruzzo promosso da Laura Pausini. Il mio amore unico riceve il premio speciale RTL 102. Dolcenera torna in studio nella seconda metà del 2010. Il suo quinto album di inediti, Evoluzione della specie, viene pubblicato nel maggio 2011. Al suo interno sono fortissime le influenze tipiche della musica elettronica, mentre nei testi vengono affrontate tematiche quali la paura del futuro e la sensazione di precarietà. Il cd, uscito per l’etichetta discografica EMI, raggiunge il quindicesimo posto in classifica. L’estratto Il sole di domenica raggiunge il terzo posto nella classifica Music Control, che monitora i passaggi radiofonici in Italia, mentre per il secondo estratto L’amore è un gioco viene realizzato un videoclip in collaborazione con la rivista Playboy che a ottobre le dedica la copertina (nella foto in alto). La sua ultima produzione musicale è con Professor Green. Nel dicembre 2001 infatti viene realizzato dal rapper il singolo Read all about it (Tutto quello che devi sapere) che si avvede della collaborazione della cantante pugliese. La quarta partecipazione di Dolcenera al Festival di Sanremo è con Ci vediamo a casa,  brano che racconta la voglia di poter costruire un progetto di vita insieme alla persona che si ama, nel diritto di ognuno di avere una casa, una famiglia in un contesto storico e culturale di crisi che sottrae opportunità di realizzazione. Nella serata dei duetti si esibirà con Professor Green nel brano My life is mine, versione inglese di Vita spericolata di Vasco Rossi.

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *