Italia sul 2: La Rai costringe Milo Infante al silenzio. Il servizio pubblico diventa a domicilio

By on gennaio 29, 2012
milo-infante-causa-rai

Il detto “tra moglie e marito non mettere il dito” è proprio vero. Del resto si sa che la saggezza popolare è tanto caustica quanto genuina. Peccato che nel caso Milo Infante contro tutti nessuno abbia percorso la navata e detto il suo “sì, lo voglio”. Anche se, a quanto pare, la metafora della navata non è poi così anacronistica quanto potrebbe sembrare ad una prima superficiale analisi. Per chi si fosse perso gli ultimi sviluppi in casa Rai, la questione riguarda il contenitore del pomeriggio del secondo canale, l’Italia sul 2. Tutto nasce dal ridimensionamento lamentato da Milo Infante nei confronti del suo ruolo all’interno del programma, tutto a favore della sua collega Lorena Bianchetti.

La nostra redazione ha provato a contattare Milo Infante (in foto, ndr) per offrire ai nostri lettori delle notizie il più possibile dirette sul caso. Le ultime dichiarazioni ufficiali, infatti, sono quelle che il giornalista ha rilasciato, come ci ha spiegato lo stesso Milo, a “Il giornale”, in data 20 gennaio: le ultime dichiarazioni ad essere state autorizzate; parliamo, quindi, della scorsa settimana. Dopo ciò, il silenzio. Il conduttore ci ha spiegato che, per quanto gli farebbe piacere raccontare la sua vicenda direttamente, “la Rai ha deciso che non possono rilasciare interviste”. Una sorta di gioco del silenzio che, a parer nostro, va esclusivamente contro gli interessi del giornalista Rai.

Adesso vedrete che scenderà in campo la macchina dei giochi di potere. Già serpeggia nel web, e non solo, “donna ironia” che cercherà con tutte le sue forze di relegare la questione Infante ad una semplice lite tra pettegole del secondo piano. Ma, è bene che lo sappiate, non è così. I fatti parlano chiaro: un giornalista viene ridimensionato all’interno del suo stesso programma che ha contribuito a far crescere negli anni non solo in termini di ascolti, ma coltivando un rapporto sincero con il pubblico (di questo ne è prova anche il movimento pro Infante nato spontaneamente su Facebook). Perché? Come ha spiegato lo stesso Infante nell’intervista al Giornale: “Le motivazioni potrebbero essere solo tre: non mi si ritiene in grado di parlare di economia, cronaca e politica (ma allora non si capisce perché me l’hanno fatto fare per anni); sono improvvisamente diventato antipatico al vice direttore Roberto Milone responsabile del programma; oppure ci sono motivazioni di tipo politico“.

italia-sul-due-lorena-bianchetti-milo-infante

Scartate le prime due non rimane che la terza opzione. Alla signora Lorenza Lei, Direttore Generale della Rai, e per emanazione al vice direttore Milone, garba un atteggiamento filo cattolico, Udc per intenderci, che la Bianchetti sembra sposare correttamente. Che ce ne facciamo, allora, di Milo Infante? Ma vi diciamo di più. Se la situazione si complica, agnello sacrificale (la metafora biblica è quanto mai calzante) sarà la stessa Bianchetti: fatti fuori entrambi nessuno potrà recriminare nulla e la giustificazione della scelta ricadrà sugli ascolti in caduta libera (i nomi sono quelli della Falcetti che già ci prova con Rai2: Istruzioni per l’uso e Piroso). Ma non dobbiamo mollare. Come ha ben ricordato Infante anche l’Italia sul due ha “un pubblico importante. E a nessuno sfugge che gli equilibri politici all’interno della Rai sono cambiati.

E’ arrivato il momento di alzare la voce e di riprenderci ciò che è nostro. Il servizio pubblico, con cui tanti si riempiono la bocca, si è trasformato in un servizio a domicilio: peccato che il centralino risponda solo a determinati clienti.

Chi legge questo articolo certamente ricorderà gli esordi dell’Italia sul due con Milo Infante e Monica Leofreddi: tempi in cui ad essere premiata era la serietà nel lavoro, il talento e la passione.Ricordo con nostalgia Monica, con la quale peraltro mi sento da anni quasi quotidianamente”, ci ha confessato il giornalista. Non c’è altro da dire, questa battaglia non deve essere persa. Se poi sceglierete l’agnello sacrificale, sappiate almeno a cosa andrete incontro.

 

About Gianrico D'Errico

Nato a Cisternino (BR) nel 1988. Laureto in Filosofia è laureando in Scienze Filosofiche a Padova. Ama le serate con gli amici (preferibilmente a casa con coperta e cioccolata calda). Da sempre lo accompagna la passione per il cinema, gli sono irresistibili le commedie nere. Diventare giornalista è una delle tante opzioni che ha appuntate sul suo taccuino delle cose da fare da grande (assieme all'astronauta e l'inventore di cose utili). Per adesso ci prova con tanta passione per la scrittura e la televisione.

9 Comments

  1. anna conti

    gennaio 31, 2012 at 19:17

    la bianchetti toglie spazio ed argomenti al miglior milo

  2. laura

    febbraio 7, 2012 at 15:31

    Non sopporto la Bianchetti, sembra che l’abbia pizzicata la tarantola!. Molto più pacato e professionale Milo infante e proprio non capisco perchè sia stato rilegato a trattare argomenti di minore spessore. Speriamo che cambi qualcosa altrimenti mi rifiuto di continuare a vedere “l’Italia sul due”

  3. anna

    febbraio 8, 2012 at 15:00

    A mio parere la Bianchetti, dopo un esordio in sordina, è diventata troppo aggressiva e non mi piace più. Mi auguro che il programma Italia sul due riacquisti la professionalità di quando era condotto da Milo Infante molto più equilibrato . Anna

  4. manu

    febbraio 8, 2012 at 22:44

    gli argomenti che tratta suor lorena sono sempre gli stessi fanno venire la depressione
    basta non se ne può più rivogliamo l’isola dei famosi
    abbasso lorena

  5. sonia

    febbraio 9, 2012 at 08:13

    personalmente ritengo Infante professionalemente serio e valido e la Bianchetti inadeguata per un ruolo che non le si addice proprio. Non riesce proprio ad arrivare al cuore con il suo pressapochismo e la sua falsa umiltà.

  6. Ippolito lelli

    febbraio 24, 2012 at 14:58

    Trovo Milo Infante un giornalista serio e credibile, mentre Lorena Bianchetti la voce della Chiesa che predica bene e razzola male. Togliere spazio a Milo è un crimine, soprattutto per dare spazio a banalità, ovvietà e luoghi comuni di cui la Bianchetti è velanete esponente. La Bianchetti che fino a qualche tempo fa era relegata aqd eventi legati al Vaticano o argomenti vicino alla religione, non è assolutamente credibile in un contraddittorio di giornalismo economico, polito, sociale, sembra una scolara che ha studiato la lezione e che cerca di esporla con disinvoltura. Ma il pubblico ched paga il CANONE non è idiota e quanto la Bianchetti parla di povertà, vorrei capire se Lei sarebbe disposta a lavorare per la trasmissione per un comprenso di 1500 euro al mese. Io spero che la Rai non sia così ottusa da farsi strappare via dalla concorrenza un giornalista valido e serio come Milo Infante. Allora mi troverei a dare voce alle parole di Celentano sulla stupidità e cecità della Rai.. MIlo meriterebbe l’intero spazio perchè assolutamente capace e credibile, magari in compagnia di Monica Leofreddi, figura frizzante ma intelliugente ed in armonai con Milo Infante. La disarmonia attuale tra i due conduttori non può essere un collante vincente per la trasmissione e gli ascolti dicono questo. In bocca al lupo MILO.

    • katya

      marzo 21, 2012 at 17:44

      sono pienamente daccordo con tutti ,,,provo a mandare questo commento non capisco perchè non funziona

  7. Ippolito lelli

    febbraio 24, 2012 at 15:02

    Chiedo venia per i vari errori di dattilografia commessi nella redazione del mio breve intervento sopra.

  8. Pingback: Milo Infante presenta Senza Peccato: documentari d’inchiesta sui giovani | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *