La Figlia del Capitano, anticipazioni sull’ultima puntata in onda stasera

By on gennaio 10, 2012
I due giovani protagonisti de La figlia del capitano foto

text-align: center;”>I due giovani protagonisti de La figlia del capitano foto

Ultima puntata stasera per La figlia del capitano in onda in prima serata su Rai Uno dopo l’ottimo esordio della prima puntata che è stata seguita da oltre cinque milioni e seicentomila spettatori, sfiorando il 20% di share. La miniserie tratta dall’omonimo romanzo di Alexandr Puskin narra del  tormentato amore tra Mascia (Vanessa Hessler) e Pjotr (Primo Reggiani) combattenti nella Russia del 700, in una serie di colpi di scena sullo sfondo di paesaggi innevati e di grande suggestione. Dopo che il capitano e sua moglie vengono giustiziati davanti gli occhi di Mascia mentre Pjotr viene graziato, il giovane cerca di partire portando con sé la ragazza ma questa si  rifiuta di andare via con lui perché Svabrin (giovane ufficiale anch’egli innamorato di Mascia) le aveva promesso che solo se lei avesse rifiutato avrebbe salvato la vita di Pjotr, anche se non ha alcuna intenzione di mantenere la promessa fatta a Mascia e appena l’aristocratico si allontana ordina ai suoi uomini di raggiungerlo ed ucciderlo. Cosa succedere nella puntata di stasera in onda alle 21,10 su Rai Uno?

la-figlia-del-capitano-vanessa-hessler

Pjotr riuscirà a salvarsi dall’agguato tesogli da Svabrin e soprattutto riuscirà a coronare il suo sogno d’amore con la coraggiosa Mascia? Possiamo a questo punto darvi qualche anticipazione riguardo la puntata di stasera, senza però rivelarvi la risoluzione delle vicende narrative per non rovinarvi la sorpresa e i colpi di scena dell’ultima puntata. Una volta andato via senza Mascia, Pjotr cerca di raggiungere la guarnigione più vicina e avvertire l’esercito russo dell’imminente arrivo di Pugacev (il capo dei Cosacchi in rivolta). Il ribelle infatti sta ottenendo molti consensi tra i Russi a causa della crudeltà dei generali e della scarsa lungimiranza della Zarina Caterina II.  Mentre la situazione sta per prendere una piega tragica, Pjotr viene chiamato a salvare la sua Mascia, che Svabrin sta per sposare forzatamente. Nuovi pericoli però attendono Pjotr che viene salvato da una sicura condanna a morte grazie all’ intervento della stessa Mascia che, dopo un pericoloso viaggio, arriva a Pietroburgo e si appella direttamente a Caterina II.  Dopo aver ascoltato le sue parole, la Zarina è colpita dal coraggio e dalla passione di Mascia, anche se ciò non basterà per farla tornare sulle sue decisioni. Quale sarà a questo punto il destino di Pjotr e Mascia? Riusciranno a salvarsi e a poter vivere finalmente il loro amore, senza più pericoli? Lo scopriremo stasera nella seconda e ultima puntata de La figlia del capitano in onda su Rai Uno a partire dalle 21,10.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

One Comment

  1. mario conti

    gennaio 10, 2012 at 17:35

    Cara Miss Violet, si lasci dire che – nonostante la benevolenza della sua presentazione – lo sceneggiato (anzi miniserie, dizione corrente già minimalista di per sè) non è nemmeno la pallida ombra non dico del romanzo di Puskin, ma dello sceneggiato Rai diretto da Leonardo Cortese oltre 40 anni fa…
    Lo dico perchè uno nato dopo gli anni ’60 potrebbe, diversamente, maturare la convinzione che la fiction televisiva non si può che fare cosí, e che magari quella di ieri era anche un bel vedere. Invece purtroppo no, e l’interrogativo è: Campiotti non sapeva fare di meglio, o la Rai gli ha raccomandato di volare basso se ci teneva allo share? E se la risposta giusta è la seconda, ha ragione la Rai o siamo tutti ingiustamente trattati come sempliciotti a cui è rischioso o non vale la pena dare di più?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *