La7 nel mirino del Vaticano: Gli intoccabili di Nuzzi scatena le reazioni della Santa Sede

By on gennaio 27, 2012
Il Vaticano contro Gli Intoccabili

text-align: center”>Il Vaticano contro Gli Intoccabili

Il programma Gli intoccabili, in onda mercoledì sera su La7, ha scatenato la reazione del Vaticano: il giornalista di Libero Gianluigi Nuzzi ha proposto un’inchiesta su appalti facili, fenomeni di corruzione nei comitati di finanza e gestione e tangenti all’ombra del Vaticano. Il programma ha sviscerato il piano di risanamento messo in atto da parte del Governatorato del piccolo Stato, raccontando la storia di monsignor Carlo Maria Viganò, che ha riportato in attivo i conti e denunciato spese esagerate e appalti assegnati con procedure non trasparenti. L’uomo sarebbe stato poi allantanato e trasferito a Washington su pressione del Segretario di Stato Tarcisio Berone per ostacolarne l’ opera di rinnovamento, e avrebbe visto sfumare la nomina a Cardinale prevista già da mesi. A sostegno di questa tesi, ci sarebbe la lettera indirizzata al Santo Padre e documentata da Nuzzi, in cui monsignor Viganò denuncia i fenomeni di corruzione individuati durante l’azione di risanamento.

La Santa Sede ha fatto sapere, con una nota ufficiale del direttore della sala stampa, padre Federico Lombardi, che la Segreteria di Stato e il Governatorato della Città del Vaticano intendono “perseguire tutte le vie opportune, se necessario legali, per garantire l’onorabilità di persone moralmente integre e di riconosciuta professionalità, che servono lealmente la Chiesa, il Papa e il bene comune” e per difendersi nelle sedi opportune da “alcune accuse, anche molto gravi, fatte nel corso della trasmissione ‘Gli Intoccabili‘ in particolare quelle nei confronti dei membri del Comitato Finanza e Gestione del Governatorato e della Segreteria di Stato di Sua Santità“.

gianluigi-nuzzi

Il portavoce Vaticano ha definito quella de Gli Intoccabili una “informazione faziosa nei confronti del Vaticano e della Chiesa Cattolica” ed ha espresso “amarezza per la diffusione di documenti riservati“. In merito alla questione sollevata da Nuzzi sull’allontanamento del numero due del Governatorato Vaticano per la denuncia dei fenomeni di corruzione, padre Lombardi ha specificato che “l’affidamento del compito di nunzio apostolico negli Stati Uniti a monsignor Viganò è prova di indubitabile stima e fiducia da parte del Papa“, smentendo la tesi proposta durante il programma. Quanto alla lettera indirizzata al Papa, il portavoce Vaticano ha preferito non pronunciarsi, ma ha messo in dubbio la regolarità con cui è stata prodotta la documentazione nel programma di Nuzzi.

Il giornalista e autore del libro Vaticano S.p.a. ha difeso l’operato dei giornalisti della sua squadra: “Noi abbiamo fatto il nostro dovere di cronistiha dichiarato Nuzzi – e ci siamo trovati di fronte, per la prima volta forse nella storia della Chiesa, a un vescovo che denuncia fatti di corruzione che, stando proprio alle sue parole, sono stati portati all’ attenzione direttamente del Santo Padre. Una denuncia che viene documentata con carte, lettere, eccetera“. Il conduttore ha anche manifestato la propria disponibilità ad ospitare in studio padre Lombardo, affinchè possa approfondire ulteriormente la posizione del Vaticano sul caso, fermo restando però, che “noi facciamo i giornalisti: cerchiamo le notizie, le verifichiamo e le mettiamo in onda“.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *