Mediaset perde Endemol, ovvero i produttori del Grande Fratello

By on gennaio 20, 2012
Alessia Marcuzzi

La notizia era nell’aria da tempo, ma soltanto da poche ore se n’è avuta l’ufficialità.  Mediaset perde il controllo di Endemol. La maggioranza dei creditori della casa di produzione tv ha raggiunto un accordo per ristrutturare i 2 miliardi di euro di debiti della società di Cologno Monzese. Alla  fine dell’operazione finanziaria, il controllo di Endemol passerà ai finanziatori. Quelli che sono gli attuali soci di controllo (Mediaset, Cyrte e Goldman Sachs) vedranno diminuire drasticamente la loro quota di partecipazione. Tradotto in cifre: l’azienda fondata da Silvio Berlusconi avrà meno del 10% del capitale di Endemol.

L’addio alla casa di produzione del Grande Fratello (ma anche di tanti altri programmi trasmessi in tutto il mondo) è proprio un brutto colpo per Mediaset. Viene confermata ancora una volta la crisi attraversata dal gruppo di Cologno Monzese.  Mediaset aveva acquistato le azioni di Endemol nel 2007, ma lo aveva fatto in buona parte indebitandosi. L’operazione, costata oltre due miliardi e mezzo, si è rivelata poco conveniente. La redditività di Endemol è infatti calata drasticamente. Stando a quanto riporta il sito di Repubblica, gli acquisti di format da parte di Mediaset rappresentano circa un quarto del margine operativo della società nata in Olanda. Le difficoltà vissute da Endemol hanno fatto scrivere a qualcuno che potrebbero essere ceduti i diritti del Grande Fratello. Per il momento, comunque, il reality show non dovrebbe passare di mano.

Intanto Mediaset tiene d’occhio un altro fronte, quello delle frequenze tv del digitale terrestre. Con la caduta, a novembre, del governo Berlusconi, il beauty contest, che doveva assegnare i canali gratuitamente, è stato messo in discussione. Il ministro dello sviluppo economico Corrado Passera sembra deciso, dopo le pressioni dell’Idv, a mettere le frequenze all’asta. Mediaset ha più volte fatto sapere di essere contraria, specificando che tale asta andrà deserta. Come andrà a finire la vicenda? Il decreto di oggi del governo dovrebbe fare chiarezza. Ma nel caso il risultato non fosse quello sperato da Berlusconi, il Pdl farà battaglia in aula.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *