Ottimo esordio per “Anita Garibaldi”, il riassunto della prima puntata

By on gennaio 17, 2012
foto di Giorgio Pasotti e Valeria Solarino

text-align: center”>foto di Giorgio Pasotti e Valeria Solarino

Esordisce con ottimi ascolti la miniserie di Rai Fiction Anita Garibaldi prodotta da Goodtime e diretta da Claudio Bonivento. Ha ottenuto infatti 5.789.000 di telespettatori e uno share del 20,33%, diventando il programma più visto della serata. Ecco quello che è successo nella prima puntata. La storia si apre con la descrizione di Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva (Valeria Solarino), diventata per la storia Anita Garibaldi, nata a Laguna, cittadina del Sud del Brasile, nel 1821. La sua natura ribelle, il carattere indipendente e la voglia di riscatto sociale e libertà gli si leggono negli occhi fin da bambina. La sua famiglia è povera: il padre era un mandriano e muore presto, perciò la giovane è costretta ad accettare il matrimonio con un calzolaio della zona. Costui si dimostra rozzo e violento e Anita ha un grande colpo di fortuna: egli infatti la lascia per unirsi alle truppe imperiali impiegate nella repressione dei contadini in rivolta. Intanto il giovane Giuseppe Garibaldi (Giorgio Pasotti), in esilio in Brasile con altri compatrioti, si schiera al fianco dei combattenti lagunesi. E’ qui che avviene l’incontro fra i due, destinato a cambiare per sempre la loro vita. Il marito di Anita muore e la donna decide di imbarcarsi con  Garibaldi, partecipando attivamente alla guerra. Viene persino catturata dalle truppe nemiche, ma riesce a fuggire e a ritrovare il suo amato.

Con molta fatica i due mettono al mondo il primo figlio, chiamato Menotti. La sconfitta subita dall’esercito imperiale li ha parecchio ridimensionati e i tre fuggono a Montevideo, in Uruguay. Anita e Giuseppe si sposano, dando alla luce altri tre figli. Resteranno in Urugay per sette anni, durante i quali perdono la secondogenita Rosita. La nostra eroina è spesso sola, mentre il marito è in lotta per difendere l’indipendenza della repubblica uruguaiana. Ma siamo nel 1948 e i moti europei fanno sentire il loro clamore per mezzo mondo. Anita decide di imparcarsi per Nizza con i figli e raggiunge la madre di Garibaldi. I due si ritrovano poco dopo, ma sono destinati a separarsi ancora. La guerra d’indipendenza è appena cominciata e il richiamo della lotta per la libertà è incandescente. La loro unione resta forte tra le pagine delle lettere che la donna riceve: il suo amato sta girando per l’Italia cercando di ottenere l’indipendenza. Quella passione raccontata così nel dettaglio la accende ancor di più e la voglia di unirsi ai ribelli per combattere nel nome di quegli ideali di libertà e giustizia è sempre più forte…

Nella prossima ed ultima puntata in onda stasera alle 21,10 su RaiUno Anita lascia i figli alla madre di Garibaldi e decide di partire per Roma per raggiungere il marito. Qui troverà altre donne che si uniscono alla causa. Nel frattempo l’esercito francese è sempre più vicino a Roma finchè la situazione diventa critica: la tregua firmata dal triumvirato viene interrotta prima della scadenza concordata, e l’esercito entra in città. Cosa succederà ai nostri eroi?

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *