Quarto Grado, anticipazioni: stasera 27 gennaio si torna sul caso delle gemelline Schepp

By on gennaio 27, 2012
Le gemelline scomparse

text-align: center”>Le gemelline scomparse

Una nuova puntata  quella di stasera 27 gennaio di Quarto grado che torna puntuale alle 21, 10 su Rete Quattro con Salvo SottileSabrina Scampini che torneranno a parlarci dei fatti di cronaca più eclatanti di questa settimana dando preminenza ai nuovi risvolti riguardo i casi già trattati. Stasera infatti, ad un anno dalla loro scomparsa, si tornerà a parlare delle gemelline Schepp rapite dal padre Matthias e poi scomparse per sempre. Il padre, suicidatosi sotto un treno in corsa a Cerignola, era probabilmente l’unico a conoscere la verità sulle bambine in un caso di cui ancora oggi, a distanza di un anno, non si riesce a fare luce. E proprio stasera a Quarto Grado Salvo Sottile indagherà ancora sulla vicenda, rimescolando le carte in tavola e cercando di fare ordine alla luce delle nuove indagini, considerato che la madre delle piccole Alessia e Livia è ancora alla ricerca della verità per capire dove si trovino oggi le sue bambine e soprattutto se sono vive o morte. Nuovi risvolti invece sembrano riguardare la misteriosa morte di Roberto Straccia, uscito una mattina come tante per andare a fare footing e mai tornato a casa. Soltanto dopo poco più di un mese il suo corpo ormai irriconoscibile è stato trovato sugli scogli di una spiaggia di Bari. Che cosa è accaduto a Roberto?

gemelline-schepp

Le indagini di Quarto Grado attraverso degli importanti aggiornamenti proveranno a ricostruire cosa sia effettivamente accaduto quella mattina a Roberto, ipotizzando anche il fatto che il 24enne potrebbe essere stato ucciso. E oltre a queste due importanti indagini, Salvo Sottile stasera tornerà a occuparsi del naufragio della Costa Concordia avvenuto lo scorso 13 dicembre attraverso documenti inediti e collegamenti in diretta dal luogo della tragedia. Quarto Grado tornerà a quella maledetta sera: perché l’allarme è stato dato in ritardo quando un tempestivo intervento in tal senso avrebbe potuto salvare tutti i passeggeri? Appuntamento dunque stasera su Rete 4 alle 21,10 con Quarto Grado e le indagini di Salvo Sottile e la sua equipe. Intanto vi mostraimo il promo della puntata di stasera:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=lQltlKhdHIE

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

2 Comments

  1. Nicastro Damiano

    gennaio 27, 2012 at 21:36

    Dott. Corrado Passera Intesa San Paolo
    Lo sa che è molto grave che avete nascosto il c/c 10/645629 e il Borsino Azionario BAV di Innocenza Maria Campo alla Dott.ssa Anna Landi della Procura di Ragusa diretta dal Dott. Agostino Fera, a seguito del Decreto del 8 marzo 2004?
    Riferisca pubblicamente, dove sono i soldi di Innocenza Maria?
    Chi ha operato sul c/c 10/645629?
    Dott. Passera Lei è bravo solo nel gestire i soldi, oppure vuole dire la verità?
    Nicastro Damiano – RAGUSA

  2. Blumy

    gennaio 28, 2012 at 20:44

    Abbiano seguito sui vari telegiornali, sugli speciali tg, a Porta a Porta, su tutti canali possibili e immaginabili la tragedia della nave Concordia, ma che Quarto grado passi due ore a scandagliare (è proprio il caso di dirlo) fatti e personaggi – in primo piano, naturalmente, il comandante Schettino – della tragedia della Concordia e poi continui il venerdì successivo e, magari abbia in programma di continuare anche a febbraio, be’, signori, io Quarto grado non lo guardo più. La pazienza ha un limite.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *