Raffaella Carrà ancora testimonial per Danacol. Lo spot è stato girato a Castell’Arquato

By on gennaio 4, 2012
Raffaella Carrà conduttrice

Torna la Carrà. Con un programma? No, o almeno non per adesso, visto che la Signora della Tv italiana è stata citata come papabile conduttrice di un nuovo format di Canale 5 dal titolo Mamma mia. La notizia è stata smentita pochi giorni  dopo, infatti al suo posto è stato fatto il nome di Flavio Insinna. Quindi che cosa ci riserva la Raffa nazionale? Un nuovo spot della Danacol. Sarà la solita pubblicità girata in uno studio televisivo? No. Raffaella si cimenterà in un balletto, o in una sua celebre canzone a cui sono state sapientemente cambiate le parole che ricordano il prodotto in questione? Un esempio? Come bello il concorsone di Danone si, vincer puoi mezzo milione di sterline d’or… sulle note della celebre Tanti auguri di Raffaella. No, niente di tutto questo. La Carrà ha girato la pubblicità a Castell’Arquato, che si trova a trenta Km da Piacenza e Parma, paese adottato dalla Danone per uno scopo ben preciso: mettere in pratica un progetto di educazione alla salute nato dalla collaborazione della nota marca di alimenti e il Policlinico Gemelli. La Carrà quindi ha girato lo spot proprio nella città Emiliana a stretto contatto con gli abitanti del paese, che hanno partecipato attivamente alle riprese.

A proposito di questo Raffaella ha dichiarato sul noto settimanale Gente: “Le persone che ho incontrato mi hanno accolta con grande cordialità e affetto, a partire dal sindaco con il quale ho girato alcune scene (…) Tra i miei colleghi sul set ricordo con piacere la vigilessa, che si prodigava per facilitare il traffico (…) e poi con la divisa perfetta partecipava alle riprese”.

Di Raffaella conosciamo bene l’amore verso il pubblico e la gente che la ama, quindi un progetto del genere, sicuramente, l’ha convinta dal primo istante.

Raffaella ormai da tempo si concede solo nelle pubblicità, infatti oltre a quella per Danacol, ha partecipato ai divertenti spot della Tim, ma di programmi non se ne parla. Di alcuni progetti si è sentito parlare, tipo la collaborazione con Endemol, Ballandi, o la più recente con Mediaset con Mamma Mia. Ma niente di niente, Nostra Signora del Tuca tuca non torna. E non scalpita ne sgomita per farlo, anche perchè lei ha fatto tutto, forse le manca la conduzione del Tg, ma per il resto ha condotto la qualunque. La Carrà è la Tv, l’ho già detto svariate volte e torno a ripeterlo che una come lei manca, anche se la televisione di oggi è completamente diversa da quella che Raffaella ha sempre fatto. La Carrà è riuscita sempre ad adattarsi senza mai perdere però il suo stile inconfondibile.

Se la pubblicità della Danacol resta l’unico modo per vedere la Raffa ben vengano i consigli per gli acquisti.

About Nicola Zamperetti

Nato a Valdagno (VI) nel 1978, da un decennio lavora nel mondo dello spettacolo come performer teatrale e attore. Ha partecipato a molti programmi come "Sarabanda" "Domenica In" "Carramba che fortuna"... Scopre l'amore per il teatro, soprattutto per i Musical (Grease,Il Ritratto di Dorian Gray e A Chorus line) e per le Fiction (La Ladra, Il Peccato e la Vergogna e Donna detective). E' cresciuto guardando la tv e si definisce figlio del tubo catodico. Promette di essere ironico, tagliente e cinico nei suoi Articoli.

One Comment

  1. salvatore napoli

    gennaio 6, 2012 at 01:11

    Niente da fare in questa scandalosa italia oramai ci hanno tolto il meglio….il lavoro, la pensione, la casa perchè è impossibile acquistarla, la stabilità e anche la Carrà!
    Mi vergogno, gli artisti veri a casa e la tv spazzatura vista rivista con conduttori e soprattutto conduttrici sconosciute che poverine nn hanno credibilità….Qualche settimana fa, di sabato, mentre facevo colazione ho visto una giovane “conduttrice”, credo si tratti del programma uno mattina week end o una cosa del genere, di sicuro in rai, il “povero” grande Maurizio Costanzo, impacciato e infastidito dalla giovane “conduttrice” che ci teneva a parlare di Maria della sua vita privata e poco del libro che doveva pubblicizzare. Conoscendo il grande Maurizio, televisivamente parlando, reagiva alzando il libro in telecamera nn dando peso alla giovane in cerca di complicità gossippesca.Ma io mi chiedo ma i dirigenti rai guardano mai i programmi che affidano a quelle che una volta facevano la gavetta facendo le vallette o le comparse prima di intervistare grandi nomi? Granddde unica Carrà!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *