Servizio Pubblico di Santoro, la diretta della nona puntata

By on gennaio 12, 2012
Vauro

text-align: justify”>VauroStasera 12 gennaio va in onda la nona puntata stagionale di Servizio Pubblico. Si tratta della prima del nuovo anno. Il titolo della trasmissione di oggi è: Rigore di Stato. Ospiti di Michele Santoro saranno: il sindaco di Bari Michele Emiliano; l’ex sottosegretario Daniela Santanché (Popolo della Libertà); il procuratore capo della Repubblica di Torino Gian Carlo Caselli. In studio, come sempre, anche Marco Travaglio, Giulia Innocenzi e Vauro (nella foto). La puntata di stasera per la prima volta va in onda anche sul canale digitale Cielo. Noi de Lanostratv, come sempre, seguiremo Servizio Pubblico tramite la diretta testuale.

SERVIZIO PUBBLICO – DIRETTA TESTUALE DELLA 9.A PUNTATA

00.05 Alla prossima!

00,01 Finale con le vignette di Vauro!

23,52 L’ex ministro delle finanze Vincenzo Visco: “Il blitz di Cortina è solo un segnale per comunicare all’opinione pubblica qualcosa. Il fisco deve sapere continuamente cosa il cittadino sta facendo. La riforma Monti è parziale. Occorre un monitoraggio generale dell’economia. L’evasione è altissima nei servizi e nell’agricoltura e bassissima nell’industria. L’evasione è un fenomeno di massa e di costume. Il problema di fondo è politico. Gli evasori votano. Le reazioni si Cortina sono state indecenti”.

23,47 Santanché: “Voi fate un giornalismo sbagliato, non vi ponete il problema della legalità”.

23,44 L’ex sindaco di Castelvolturno aggredisce Ruotolo: “Lei si deve vergognare. Lei aizza gli extracomunitari clandestini che ammazzano i bambini. Vada fuori!”.

23,37 Emiliano: “Manca lo Stato. E’ tutto voluto. La Calabria è al collasso, la ‘ndrangheta vuole che funzioni così”.

23,32 Gli abitanti di Rosarno: “La colpa è degli stranieri. Ci rubano il lavoro per 25 euro al giorno. Rovinano il mercato”. Un agricoltore aggredice fisicamente il povero Bertazzoni, intento a chiedere se i lavoratori sono in nero.

23,30 Caselli: “Vogliamo giustizia contro la criminalità organizzata, che spesso è collusa con politica e istituzioni. Qualcuno vuole una lotta a metà”.

23,18 Santanché: “Non pensate che Berlusconi sia finito”. E chi lo pensa?

23,15 Claudio Giudici, presidente unitaxi toscana: “Noi dovremmo tornare a Franklin Rooslvelt ma qui si parla sempre di un ritorno ad Adam Smith!”

22,57 In Svizzera ci sono 5 miliardi di euro nella casse di sicurezza. Potrebbero essere usati per tangenti. Oppure potrebbe trattarsi di un falso scudo.

22,44 Marco Travaglio: “Monti vuole liberalizzare? Inizi dalle banche e faccia come Obama. Le banche italiane hanno avuto un enorme prestito dalla Bce al tasso dell’1%. Che fine faranno questi soldi? Tra l’altro è lo Stato italiano a garantire il prestito. Se le banche non pagano, pagheranno ancora una volta i cittadini e il debito pubblico aumenterà”.

22,26 Bertazzoni a Rosarno: “Due anni dopo è tutto come prima”. Gli africani che lavorano in campagna prendono la miseria di 25 euro al giorno. Un “imprenditore” locale si giustifica: “Al loro paese guadagnano 2 euro e 50 al giorno!” Gli stranieri vivono in baracche, senza servizi igienici, senza acqua. Alcuni abitano nei ruderi abbandonati di Rosarno. Dov’è lo Stato?

22,22: William Rossi, ex dirigente dell’Agenzia delle Entrate: “Negli ultimi anni sono calati drasticamente gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate. Controlli come quelli di Cortina fanno vedere che lo Stato c’è. L’effetto è di dissuasione. I risultati pirncipali però arrivano da altre rilevazioni. L’attività di repressione è importante, ma non può essere la strada maestra. L’opera di dissuasione deve essere continua”.

22,10 Santanché: “Non difendo certo gli evasori. Contesto il metodo. C’è la banca dati, basta incrociare i dati per capire la proprietà di un Suv. Lo ha detto anche Visco che i metodi spettacolari non portano nessun risultato. Noi del governo Berlusconi abbiamo fatto della lotta all’evasione un punto fermo. Abbiamo recuperato 75 miliardi!”

22,07 Si parla di nuovo del blitz antievasione di Cortina.

21,56 Parla una lavoratrice dell’Omsa: “La nostra azienda è sana. Vanno in Serbia e licenziano qui per risparmiare. Vogliamo incontrare il ministro Passera”.

21,41 Il procuratore Caselli: “La delegittimazione della magistratura è dietro l’angolo. La vicenda Cosentino è dolorosa. E’ stata affrontata da pm, giudici, cassazione…una molteplicità di magistrati. Pensare che siano tutti dei persecutori è fuori dalla realtà. I magistrati vengono osannati quando fanno arrestare i criminali. Come fanno i politici a dire che non c’è niente nelle carte? C’è stata un’invasione di campo. La politica si fa giurisdizione”.

21,39 Sandro Ruotolo a Castevolturno. Intervista al padre di un 23enne ucciso dalla malavita.

21,33 La prima diatriba dell’anno è fra la Santanché e Travaglio. Santoro fa il pompiere e stoppa lo scrittore.

21,28 Marco Travaglio: “Nell’inchiesta sui casalesi sono state 56 persone su 57. La 57.a persona è proprio Cosentino. I magistrati sono bravissimi se arrestano i non parlamentari. Ma se chiedono l’arresto per un parlamentari sono dei persecutori. Nella Lega c’è una sorta di faida. Nessuno ha letto o capito le carte, non c’entrano niente le questioni di coscienza. Quella è una cosa seria, per chi ce l’ha”.

21,25 Michele Emiliano: “Il voto del parlamento dice che Cosentino è un perseguitato. Ma perché i deputati sostengono questo? Non abbiamo sentito le motivazioni. I cittadini dovrebbero essere uguali davanti alla legge”.

21,23 Daniela Santanché: “Il parlamento non ha sottratto Cosentino alle legge. E’ stato detto no all’arresto”.

21,18 Subito il servizio sui rapporti tra Nicola Consentino e il clan dei casalesi. Voti in cambio di favori?

21.08 Michele Santoro: “La maggioranza del parlamento, decidendo per il no agli arresti di Cosentino, mette in crisi la magistratura. Come farà Monti con la rivoluzione liberale? A Bossi e Berlusconi la legge elettorale sta bene. Il governo sia davvero liberale, risponda a tutti i giornalisti, non a quelli preferiti”.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

2 Comments

  1. Pingback: Servizio pubblico, analisi e ascolti tv della nona puntata | LaNostraTv

  2. Pingback: Servizio Pubblico: Santoro bersagliato per l’invito alla Santanché | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *