Servizio Pubblico, diretta dell’Undicesima puntata: La rivolta dei Forconi

By on

text-align: center”>Undicesima puntata di Servizio Pubblico

Come vi abbiamo già anticipato andrà in onda tra poco più di mezz’ora l’Undicesima Puntata di Servizio Pubblico, la trasmissione condotta da Michele Santoro che questa sera si concentrerà su “La rivolta dei forconi“, il movimento di protesta che sta contagiando tutta l’Italia mettendo in ginocchio il paese. Ospiti di Michele Santoro questa sera saranno: Enrico Letta, esponente del Partito Democratico, l’ex Ministro Roberto Castelli della Lega Nord e Maurizio Zamparini fondatore del Movimento per la gente. Noi de La Nostra Tv come ogni giovedì, seguiremo in diretta testuale il programma che andrà in onda sulle reti Sky, reti locali, Cielo e sul web. Un argomento così importante come “La rivolta dei Forconi” non poteva che essere trattato con una puntata corale, come quella di stasera e mentre i tg hanno annunciato che la situazione sta tornando alla normalità, noi ci chiediamo: sarà davvero così? Tutta questa ribellione può effettivamente spegnersi con una decisione di un Prefetto?

Ce lo chiediamo perché, mentre facevamo la fila per trovare un goccio di benzina, oppure nei mercati rionali abbiamo visto scarseggiare le provviste ortofrutticole abbiamo sopportato bonariamente questi disagi pensando: Mi auguro che ne valga la pena. Mi auguro che tutto questo non sia soltanto un fuoco di paglia!E il forcone in tale contesto ci ricorda così da vicino le rivolte contadine legate alla jacquerie nella Francia del 1300 in cui i braccianti contadini, senza una vera e propria precedente preparazione politica si ribellavano contro i nobili a causa di un graduale impoverimento. Insomma, che dire, la storia si ripete…e lo vedremo stasera a Servizio Pubblico. Non mancate!

INIZIA LA DIRETTA TESTUALE DI SERVIZIO PUBBLICO:

21, 08 : Studio. Luci blu.E’ iniziata la puntata di Sevizio pubblico con la canzone Amara Terra Mia di Domenico Modugno. Michele Santoro entra: “Quando uno lotta non si vuole arrendere. E’ uno che non vuole lasciare la terra…non vuole andare via…” e ancora “L’illegalità è intollerabile allora perchè Lasciamo soli i produttori del latte a difendersi dalle Multinazionali?”. Parole Sante. “La novità è che tutte queste categorie hanno posto il problema di avere regole certe e sicure e chiedono alla stato di diventare meno illegali”. E la domanda: “Perché in Italia non sentiamo più nessuno che parli un linguaggio così?” Si aprono le danze!

21:15: “L’urlo che viene fuori da queste piazze”: vanno in onda le proteste di  piazza dei pescatori fuori a Montecitorio che gridano “Vogliamo lavorare!”.

21:20: I tir fermi in Sicilia. “Non stiamo lottando per fare i soldi. Stiamo lottando per avere i diritti”. Gli aumenti dei prezzi pesano e le proteste dei cittadini sono animate e non nascondo rabbia e preoccupazione.

21:25 Collegamento dalla Sardegna: “”Sono stato per 20 anni al nord ma sono dovuto rientrare perchè nenache al nord c’è più lavoro”. Andiamo a Roma! A Cagliari tutti sono scesi in piazza: operai, sindaci, artigiani, commercianti…

21,35:Si torna in studio studio con Enrico Letta e l’ex Ministro Roberto Castelli. Letta: “All’improvviso ci è stato presentato il conto, perchè abbiamo lasciato per anni e anni i problemi a incancrenirsi. Questo tentativo di uscirne è molto complesso e spesso l’emotività supera la razionalità”. Castelli: “I tecnocrati stanno uccidendo il paese”.

21,40: Maurizio Zamparini, Movimento per la gente: ” Sembra che il partito dell’On.Castelli sia stato all’opposizione. Lui usava la stessa identica tecnica di Monti adesso. Tremonti per coprire il deficit di bilancio ha creato e incentivato quella macchina infernale senza cuore creata dai politici chiamata Equitalia. Non si possono pagare le tasse se non crea ricchezza”.

21,45 : Sandro Ruotolo in collegamento da Siliqua in Sardegna, il paese occupato. “L’espressione “forconi” è nata qui quando mesi fa Felice Floris usò questa espressione: forconi”. “Mesi fa quando al governo c’era Berlusconi”, sottolinea Santoro.

21,50: “Andare a lavorare la mattina e non portare altro se non debiti, questo ci accomuna tutti” dice Felice Floris che parla della crisi legata alla vendida del latte. “Monti ha combinato un gran casino: invece che una finanziaria per lo sviluppo ha creato una finanziaria che colpisce i consumi, quindi colpisce noi tutti. Noi in Sardegna, in Sicilia, in Tutta Italia parleremo lo stesso linguaggio e sarà la risposta secca a chi invece che pensare a creare svuiluppo si occupa solo di proteggere gli interessi delle imprese finanziarie”.

21,55 : Servizio pubblico riparte in collegamento con la Sicilia e gli agricoltori: “Fermare i tir è un comportamento mafioso?”. Catasti di zucchine immagazzinate, senz ala possibilità di essere vendute.

22:00 : L’Onorevole Castelli risponde a Zamparini: “Noi questi messaggi li abbiamo sempre lanciati! Se lei è così bravo scenda in politica, vediamo. E’ facile parlare, il difficile è prendere i voti”. Zamparini risponde: “Cosa ha fatto lei per lo sviluppo di questo paese?”. Inizia una diatriba verbale tra i due, tanto che Castelli gli da dell’ignorante.

22, 05: Santoro chiede: “Quali sono le opportunità di questi provvedimenti che si stanno prendendo oggi?”. Letta: “Queste categorie col gasolio non c’entrano nulla perché ce l’hanno rimborsato. Il problema è più profondo: disoccupazione, mancanza di crescita, Equitalia che in Sardegna ha fatto in parte esplodere la protesta”. Santoro: “Equitalia non deve avere cuore, sono i politici che dovrebbero averlo!”.

22,15 : Sui provvedimenti del Governo e dopo le parole di Letta in studio Pippo Richichi, autotrasportatore e presidente dell’Associazione Autotrasportatori Siciliani: “Noi non chiediamo i soldi. Chiediamo delle regole”. A Letta: “Ci avete imbavagliato. Dovete cambiare musica!”.

22,21 : Testimonianza dei pescatori per voce di Francesco Caldaroni, pescatore e presidente Armatori Marinerie d’Italia: “Lavoriamo 1oo ore a settimana. E la democrazia sulle associazioni della pesca l’avete levata voi del Governo. La pesca non ha l’accise ma noi che compriamo 30.000 litri di gasolio al mese, la pesca non ce la fa ad andare avanti e con il fatto delle leggi comunitarie che impongono controlli e sistemi con la concorrenza extracomunitaria siamo costretti a gettare il nostro pesce in mare. Bisogna proteggere il prodotto italiano!.

22, 25 : Intervista a Ivan Lo Bello, Presidente di Confindustria della Sicilia parla di infiltrazioni mafiose all’interno del movimento. In collegamento con Sandro Ruotolo la risposta del Movimento dei Forconi per bocca di Mariano Ferro : “Ci siamo stancati di ascoltare il sistema. Non ci riusciurete a fermare il popolo siciliano che vuole mandarvi tutti a quel paese!. Caro Letta e caro Castelli, sapete che c’è? Il vero problema dell’Italia siete voi! Non è vero che siete diversi destra e sinistra, siete tutti uguali!”. Acclamazione.

22,35: Castelli abbandona lo studio dopo lo sfogo animato dell’operaio sardo in cassa integrazione. “Il mio territorio è distrutto!”grida…Dopo la pubblicità c’è Marco Travaglio.

22,45 : Marco Travaglio: Sulle liberalizzazioni, come un fiume in piena tra ironia, sarcasmo e verità sulle frequenze televisive…Cronistoria tra sentenze e rapporti familiari.

22,55 : Stefano Bianchi in diretta dall’autostrada di Salerno e il blocco dei tir. “Se si chiede di poter passare si risponde che non si passa, neanche col camion vuoto”. “Chi sono coloro che vi fermano?” chiede. “Forse non sono neanche camionisti, ci sono magari imprese che hanno interesse a bloccarci, forse anche con l’aiuto di persone che pagano per fare casino”.

23,05: Vincenzo Trinchi in studio, camionista dipendente, uno dei tanti che stanno subendo tutte le difficoltà sulle strade: “I motivi si sanno e sono condivisibili. Io avevo un disappunto sul modo con cui alcuni hanno inscenato questa manifestazione in una svolta poco democratica. L’ultima volta che mi hanno fermato abbiamo istaurato un dialogo e ho capito i motivi: ciò che si recupera del gasolio sono 19 euro su 1000 litri. Il gasolio è cresciuto in maniera esorbitante. I porblemi di trasporti arrivano da lontano da quando si sono aperte le frontiere dall’Europa dell’Est. Il gasolio lì costa molto meno”.

23,25 : Ancora commenti contro Equitalia durante il collegamento con sandro Ruotolo. “Non si può speculare sui debiti!”

23,30: La testimonianza di Ciro Stammacca di Lentini che ha ricevuto pressioni per tenere chiusa la sua attività tanto che è stato costretto a tenere la saracinesca del suo bar chiusa per due giorni. “O chiudi o ti bruciamo il locale. Stop!”.

23,35 : Maurizio Zamparini incalza: “Questa protesta che sta partendo dalla Sicilia si estenderà a tutto il paese. Questa recessione ha messo in difficoltà tutti quelli che lavorano e producono ricchezza come quegli autotrasportatori che ora si fanno la concorrenza. Quello che manca a questo paese è la volontà di sedersi intorno a un tavolo e trovare la malattia e poi trovare insieme la cura. Se noi distruggiamo la ricchezza per pagare i debiti vecchi non andremo avanti perché questo è un paese ricco!”.

23,37 : Letta risponde: “Il problema del nostro paese a differenza di altri come la Spagna è che un quarto della nostra ricchezza è in nero. Il danno è morale prima di tutto e poi di equità”. A questo punto sia  Zamparini che un pescatore in studio insorgono contro Letta. L’insofferenza nei confronti della politica e dei politici è ormai dilagante.

23,45: A proposito di economia in nero l’inchiesta  di Francesca Fagnani sul clan romano dei Casamonica tra sceneggiate e sfarzosità.

23,55 : Santoro si rende conto dell’offesa dell’operaio sardo a Castelli, si scusa prendendo le distanze e poi  trasmette un servizio della manifestazione della Lega al suon di “Monti razzista!”. I manifestanti insorgono contro il tricolore. Bossi dal pulpito: ” Berlusconi non puoi trattarmi così. Monti fuori dai coglioni!”. Si torna in studio, Santoro: “L’espressione colorita dall’operaio sardo può essere tollerata dalla Lega. Sarà che cominciano ad avercelo morbido!”.

00,00: Gianni Dragoni, economista de Il Sole 24 Ore “La rivolta dei banchieri: non vogliono aderire alle indicazioni di aumento del capitale dell’Eba, l’autorità europea di controllo delle banche. Eppure le banche hanno avuto grandi vantaggi da questo nuovo governo…”

00,13: E’ il momento di Vauro e le sue vignette satiriche. “Cominciamo dagli ultimi arrivati a Palazzo Chigi che sono i pescatori…”

00,18 : Si chiude l’Undicesima puntata di Servizio Pubblico. A giovedì prossimo!

 

 

 

 

 

 

 

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".
Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *