Stasera in tv c’è Quarto Grado: il caso Roberto Straccia

By on gennaio 13, 2012
Quarto Grado Logo

text-align: center;”>Quarto Grado Logo

Stasera su Rete Quattro in prima serata tornano le indagini di Quarto Grado, il programma tv dedicato alla cronaca nera condotto da Salvo Sottile (nella foto, ndr) in collaborazione con Sabrina Scampini. La puntata di oggi sarà in gran parte rivolta alla morte di Roberto Straccia, lo studente di Lingue scomparso il 14 dicembre scorso e ritrovato morto su una spiaggia nei pressi di Bari una settimana fa. Sono ancora sconosciute le cause del decesso, anche se si fanno varie ipotesi. A Chi l’ha visto?, su Rai Tre, alcune persone hanno sostenuto che sul lungomare dove il 24enne correva c’era spesso un cane aggressivo che terrorizzava i passanti e dunque potrebbe averlo spinto in mare. I famigliari di Roberto, così come gli amici, hanno voluto escludere categoricamente il suicidio. Il caso è difficilissimo, anche perché gli elementi a disposizione degli inquirenti, a parte qualche brevissimo filmato in cui si vede lo studente correre, sono pochissimi.

Intanto a Taranto, in Corte d’Assise, è iniziato il processo per la morte di Sarah Scazzi. Il copione è sempre il solito. Sabrina e Cosima Misseri sono accusati dal pm di omicidio, mentre Michele avrebbe occultato il cadavere nel pozzo in campagna. Ma il contadino ripete che l’assassino della nipote è lui. Al processo per la morte della 15enne di Avetrana sono state ammesse solo le telecamere di Rai Tre, anche se le altre emittenti potranno usufruire delle immagini.

Intanto ci sarebbero uove indiscrezioni sulla morte di Yara Gambirasio. In queste settimane, come è stato raccontato anche da Chi l’ha visto?, è stato prelevato il dna di una donna di Cassino, Elisa Fusciello. Ma questa ha spiegato ai Carabinieri di non essere mai stata a Brembate e che inoltre il cellulare a cui si fa riferimento nelle indagini non è il suo. La Frusciello è assistita da un avvocato, il quale ha accertato che il numero di telefono che si è agganciato alle celle di Brembate nelle ore del delitto non le appartiene. Ma allora, perché gli inquirenti hanno coinvolto pure la donna? Impossibile, al momento, spiegarlo.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

2 Comments

  1. Pingback: Tg5 compie 20 anni: Mentana, Sposini, Mimun e Rossella | LaNostraTv

  2. lgiorgia

    gennaio 16, 2012 at 15:33

    Vorrei gentilmente sapere perchè non parlate di più del caso Melania Rea. Anche a Quarto Grado la settimana scorsa è stato fatto un cenno e niente di più,desiderei sapere ancora di più. Grazie Giorgia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *