Stasera in tv torna Presadiretta: Fratelli tunisini

By on gennaio 8, 2012
Riccardo Iacona

Presadiretta e Report fanno la staffetta. Il programma condotto da Milena Gabanelli torna in primavera. Quello di Riccardo Iacona (nella foto, ndr) riparte invece stasera alle 21,30, naturalmente su Rai Tre. Lo scorso anno il programma ha fatto segnare ascolti importanti, grazie alle inchieste proposte, sempre di grande interesse e ben realizzate. Oggi, 8 gennaio, è una data molto significativa: era un sabato e nella capitale Tunisi e in tutte le più grandi città della Tunisia la gente sfidava l’esercito e la polizia del regime. Centinaia saranno di  feriti e 25  morti. Il dittatore Ben Alì, che fino a quel momento era il leader assoluto della nazione nordafricana, fuggirà verso l’Arabia Saudita dove anche ora vive. Dodici mesi fa, dunque, una giornata destinata a passare alla storia per avere dato la spallata finale al regime. La dittatura di Ben Alì (complice l’occidente) per più di due decenni ha inflitto enormi sofferenze al popolo tunisino.

Il programma di Rai Tre, in occasione dell’anniversario, dedica  una puntata speciale alla Tunisia e alla rivoluzione che ha dato il via al crollo dei regimi in EgittoLibia, alle rivoluzioni in Yemen e in Siria; ribellioni, le ultime due, che sono tutt’ora in corso e che vedono l’Occidente impotente.

Riccardo Iacona ha fatto un viaggio alla scoperta della Tunisia per descrivere come funzionava il sistema Ben Alì, un uomo che ha distrutto l’economia locale allo scopo di arricchirsi e fare arricchire i propri familiari e clienti. La diffusa corruzione – come automaticamente avviene – ha prodotto arretratezza, povertà e disoccupazione. Migliaia di persone, disperate, si sono spinte ad attraversare il Mediterraneo per cercare di arrivare alle nostre coste.

Ma chi ha aiutato Ben Alì a rimanere per tanto tempo?  In che modo il dittatore è stato sostenuto? Perché il risultato delle prime elezioni ha dato la vittoria anche in Tunisia al principale partito islamista? Cos’è cambiato nel paese nord africano dopo la caduta di Ben Alì?

Il racconto è stato realizzato da Riccardo Iacona con la collaborazione di Raffaella Pusceddu, Vincenzo Guerrizio e Manolo Luppichini.

About Gianni Monaco

Nato nel 1981 a Modica (Ragusa), ha conseguito la laurea specialistica in Editoria, Giornalismo e Comunicazione multimediale, e anche in Filologia Moderna. Fa parte dell’Ordine dei Giornalisti dal 2006. Ha iniziato a scrivere per i giornali locali della sua provincia nel 1999; fino al 2007 è stato corrispondente del Quotidiano di Sicilia. Attualmente collabora con diverse aziende operanti nel web, come Ciaopeople e Dopstart. Infine ha pubblicato alcune battute sull’Almanacco Luttazzi della Nuova Satira Italiana (Feltrinelli, 2010). Adora Woody Allen e Luigi Pirandello.

One Comment

  1. Franco Bognetti

    gennaio 16, 2012 at 00:33

    Presadiretta, Rai Tre questa sera ci a raccontato che in questo paese il cittadino non conta nulla.
    Il trionfo del malaffare generalizzato è talmente esteso che nessuno sa più da dove e come cominciare la lotta.
    Spesso nei Tribunali si fanno cause davvero perditempo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *