Stasera su Rai1 la storia di Anita e Giuseppe Garibaldi: Valeria Solarino e Giorgio Pasotti sono i protagonisti

By on gennaio 16, 2012
Valeria Solarino e Giorgio Pasotti Foto

Questa sera su Rai1 arriva una nuova miniserie in costume: dopo il successo de La figlia del Capitano, la rete ammiraglia Rai ci riprova con la storia di Anita Garibaldi, raccontata per la prima volta in tv in una fiction in due puntate, in onda questa sera e domani alle 21.10. Due attori d’eccezione, Valeria Solarino e Giorgio Pasotti, sono protagonisti nei ruoli di Anita e Giuseppe Garibaldi: la fiction racconta la storia del grande amore vissuto dall’eroe dei due mondi e da Anita, una giovane brasiliana, nell’arco di dieci anni. La trama ricostruisce la loro vita a partire dal primo incontro, avvenuto in Brasile nel 1839, fino alla tragica somparsa di lei, avenuta nel 1849, quando aveva appena 28 anni, mentre fuggivano dopo la caduta della Repubblica Romana. Nel cast anche Tosca d’Aquino, che veste i panni di Ester, una prostituta che vivrà una relazione con Mameli.

Una storia d’amore passionale e avvincente, che si innesta sullo sfondo storico delle imprese dell’eroe risorgimentale, cui Anita ha sempre dimostrato una devozione totale ed incondizionata: gli fu sempre accanto , dai campi di battaglia all’esilio, nelle vittorie e nelle sconfitte, regalandogli quattro figli. In questa prima puntata vedremo una Anita diciottenne incontrare Giuseppe Garibaldi, esule in sud America e coinvolto nei movimenti rivoluzionari, prima in Brasile e poi in Uruguay. Lo sposerà dopo essere rimasta vedova del suo primo marito, un uomo molto più vecchio di lei.

La coppia di attori Pasotti-Solarino è assolutamente inedita. Giorgio Pasotti ha debuttato al cinema nel 1998 con il film I piccoli maestri di Daniele Luchetti, ma la grande popolarità e il successo di pubblico e critica sono arrivati solo con L’ultimo bacio, che ha lanciato lui e la generazione di trentenni del cinema italiano, quella di Favino, Accorsi, Santamaria, Mezzogiorno, Impacciatore che tanta fortuna ha fatto negli anni successivi. In tv è apparso per la prima volta nel 1999 nella serie La voce nel sangue, mentre l’ultima apparizione risale al flop di Canale5 L’amore non basta…quasi mai, i cui ascolti furono talmente bassi da sospendere la serie e mandarla in onda su La5. Una carriera tutta al cinema, invece, per Valeria Solarino, nata in Venezuela da genitori italiani ma trapiantata ormai a Torino: dal 2003 al 2001 ha girato ben quindici film, spaziando dalla commedia (Manuale d’amore 2, di Giovanni Veronesi, suo compagno nella vita, ndr) al genere drammatico (Signorina Effe, Viola di mare). Quello di stasera è il suo debutto televisivo. Sul personaggio di Anita, la Solarino ha dichiarato: “E’ stato difficile documentarmi su di lei perché poco è stato scritto su questa donna incredibile e su un amore così potente. Ma tra Anita e il suo compagno non mancavano scenate furiose di gelosia. Aveva un senso universale dell’amore“. L’appuntamento con la prima puntata di Anita è per le 21.10 su Rai1.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

2 Comments

  1. Mario Cavaradossi

    gennaio 16, 2012 at 23:53

    A parte che la protagonista è inguardabile, non somiglia all’immaginario che abbiamo di Anita Garibaldi, bella bruna brasiliana, ma ci sono alcune cose assolutamente discutibili nella storia (e mi limito alla prima puntata):
    La giornalista Margherita Furrell viene a Montevideo da New York per intervistare Garibaldi. Chi è questa giornalista? Non è mai esistita. Perché si è inventato questo personaggio?
    E la Belgiojoso che a Genova parla di organizzare un comitato di soccorso degli ospedali, quando a inizio 1848 stava a Roma, poi a Napoli per reclutare volontari e infine a Milano. Inoltre agli ospedali non ci pensava nemmeno lontanamente (quella è roba dell’anno dopo).
    E Garibaldi che irrompe alla Cancelleria come fosse sceso da cavallo un attimo prima, mentre eletto deputato all’Assemblea era entrato con tutti gli altri deputati e partecipava ai lavori parlamentari.
    Insomma, un’accozzaglia di situazioni false, incredibili e ridicole.
    Non c’era un consulente storico, un certo Tobia (mi sa che era quello del cane spia). Forse la Rai poteva permettersi di meglio.

  2. Gabriella

    gennaio 18, 2012 at 10:30

    I miei complimenti al signor Mario che “sembra” preparato dal punto di vista storico. Ma in fatto di donne mi sembra che sia molto impreparato!!!!!!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *