Ballando con le stelle: il boom di Italia’s Got Talent? Colpa dell’Auditel

By on febbraio 2, 2012
ballando-auditel-italia's

text-align: justify”>Ballando contro Italia's ascolti truccatiContinua la sfida del sabato sera tra Ballando con le stelle e Italia’s Got Talent. Partiti come eterni secondi quelli di Italia’s hanno inserito una marcia inaspettata sorpassando, già dalla seconda puntata, il competitor in termini di ascolti. Ciò che ha fatto più innervosire la squadra di Ballando è il fatto che il sorpasso sia stato effettuato senza freccia lampeggiante. Ricorderete tutti le dichiarazioni di Maria De Filippi (giudice del talent assieme a Rudy Zerby e Gerry Scotti) alla vigilia dell’inaugurazione della sfida. Quasi faceva il tifo per Ballando, sottolineandone tutti gli aspetti positivi e concludendo che avrebbe sicuramente vinto la serata. Ma così non è stato. Ballando è risultato un format appensantito dagli anni, mentre Italia’s ha la capacità di rinnovarsi continuamente, sorprendendo il pubblico; proprio come il saggio Costanzo ha spiegato.

La verità è che Italia’s assume sempre più le caratteristiche di un fenomeno di massa che ha realmente il pubblico come protagonista. Non è un caso che tanti dei volti di Italia’s nascano come fenomeni su Youtube. C’è una rivoluzione in atto e Ballando è rimasto indietro; se poi vogliamo dirla tutta Ballando è un mix perfetto tra reality, talent e show ma adesso che finalmente l’Italia reclama il genuino diritto alla professionalità e al vero talento, i vip che ancheggiano con difficoltà non vanno più bene a nessuno. Certo, anche ad Italia’s si incontra gente del calibro di Angela – la favolosa cubista ma, il montaggio e la sceneggiatura intelligente, procurano un po’ di sano divertimento.

ballando-con-le-stelle-contro-auditel

Certo l’entourage di Milly Carlucci non è costretto a pensarla così. Infatti, da uno dei suoi autori, Giancarlo De Andreis, si alza la protesta che suona proprio come un’accusa. Fa sapere da Twitter che “Malgrado le bugie, i falsi slogan e i servi sciocchi alla gente è arrivata la verità. Ballando è un programma pulito e di successo. Ho perso una scommessa con Paolo Belli. Lui aveva pronosticato Ballando sopra il 25%. Io pensavo meno, invece i dati sono usciti in orario”. E continua: L’offensiva per affossare Ballando continua. Oggi l’attacco più duro. Speriamo di resistere! Scommessa vinta. I segnali erano precisi. Peccato. Ci rifaremo. In 25 anni, sono cambiati 2 papi, 5 presidenti della Repubblica, 9 C.T. della Nazionale. Il presidente dell’Auditel invece è sempre lo stesso”.

Ma la conclusione arriva più chiara del resto: “nel 1992 Tangentopoli, nel 2006 Calciopoli, nel 2012 Ascoltopoli!”. Un gran polverone che lo stessso De Andreis prova a ridimensionare: Ascoltopoli? Ma no, non facevo nessuna accusa. E’ vero che intorno a Ballando si è respirata una certa ostilità ed è vero che sono rimasto stupito guardando i dati Auditel e constatare che il pubblico dei giovanissimi ha seguito poco Andres Gil e Laura Esquivel“.

Non è che per caso qualcuno “sta a rosicà?”

About Gianrico D'Errico

Nato a Cisternino (BR) nel 1988. Laureto in Filosofia è laureando in Scienze Filosofiche a Padova. Ama le serate con gli amici (preferibilmente a casa con coperta e cioccolata calda). Da sempre lo accompagna la passione per il cinema, gli sono irresistibili le commedie nere. Diventare giornalista è una delle tante opzioni che ha appuntate sul suo taccuino delle cose da fare da grande (assieme all'astronauta e l'inventore di cose utili). Per adesso ci prova con tanta passione per la scrittura e la televisione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *