Bufera Sanremo e il CdA si riunisce, l’ultima volta del trio Mazzi-Morandi-Presta?

By on febbraio 16, 2012
adriano celentano a sanremo 2012

text-align: center;”>adriano celentano a sanremo 2012SEGUI CON NOI LA DIRETTA DEL FESTIVAL DI SANREMO

Altro che Festival della canzone, quello di quest’anno è il Festival delle polemiche. Sì, certo le polemiche ci sono sempre state, non c’è Festival senza polemiche, ma mai come nel corso di questa 62° edizione. Il terremoto Celentano è passato, si è fatto sentire ad ha lasciato il segno. Il lungo sermone del Molleggiato contro il quotidiano L’Avvenire e il settimanale Famiglia Cristiana  tenuto nel corso della prima serata della manifestazione canora ha scatenato la reazione di molti e tra cui la replica del Vaticano. “La libertà di espressione dev’essere gestita con responsabilità e rispetto“, ha commentato il Presidente della Rai Paolo Garimberti dissociandosi così dalle dichiarazioni del ragazzo della via Gluck. Per la prima volta nella storia di Sanremo il Festival è stato commissariato, e ieri in riviera è arrivato d’urgenza il vicedirettore Rai Antonio Marano col pieno potere d’intervento che ha subito spiegato: “Nessuno mi ha mandato da Roma per fermare Celentano“. Intanto l’imprevedibile Adriano Celentano segue la bufera dalla sua camera d’albergo mentre prepara al suo ritorno all’Ariston previsto per la serata finale di sabato. E’ un momento particolare per la televisione di Stato non solo per il “Festival di Sanremo”. La Rai è nel caos. Il terremoto scatenato dalla bomba Celentano ha convinto Palazzo Chigi ad intervenire prontamente per il riassetto della tv pubblica. Non è una novità poichè il riordino della governance dell’azienda di Viale Mazzini in Roma era già tra gli  impegni segnati nell’agenda del Premier Mario Monti.

adriano-celentano

La bufera di questi giorni sommata alla perdita di 700 mila euro di spot saltati per lo sforamento dello showman ha soltanto accelerato il processo. La prossima settimana il Capo del Governo incontrerà i leader dei tre maggiori partiti che sostengono il governo Alfano, Bersani e Casini per discutere la delicata questione.  Nel piano studiato insieme al ministro dell’economia Tommaso Passera c’è la riduzione del numero dei membri del CdA da 9 a 5 e due nuovi manager ai vertici dell’azienda potrebbero essere l’ex Direttore Generale Rai  Claudio Cappon e Presidente Telecom Franco Barnabè. Si tratterà di un piano che  non intende stravolgere l’assetto dato dalla legge Gasparri, bensì sarà una mossa che darà più potere di controllo del governo sulla tv del servizio pubblico lasciando soltanto tre consiglieri ai tre maggiori partiti. Il CdA scadrà tra sei settimane certo è che il Premier Monti non ha alcuna intenzione di rassegnarsi ad una prologa dell’attuale vertice. Che conseguenze subirà il Festival di Sanremo? E che ne sarà di Gianmarco Mazzi, Gianni Morandi e Lucio Presta?

About Taty Rossi

Nata a Milano sotto il segno dei Pesci, ha origini eritree, una pelle color cannella e si definisce "un'amante della parola". Ha studiato recitazione e conduzione televisiva presso il Centro Teatro Attivo di Milano poiché teatro, cinema e televisione sono le sue più grandi passioni. Oggi cura i servizi esterni del programma "Live In Style" in onda ogni venerdì alle 18.15 su 7Gold.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *