Chiambretti Sunday Show, ascolti flop, critica così così

By on febbraio 13, 2012
Il conduttore Piero Chiambretti

text-align: center”>Il conduttore Piero Chiambretti

Piero Chaimbretti non può essere soddisfatto per il suo “Sunday Show”. Almeno da un punto di vista, quello degli ascolti. Le puntate sono già quattro, ma gli spettatori non hanno mai superato di molto i due milioni. Un po’ pochino per uno spettacolo in prima serata, soprattutto la domenica e soprattutto quando il rivale è Colorado, programmino divertente ma che, in teoria, non dovrebbe reggere il confronto con il format gestito da Piero Chiambretti, almeno sulla carta più complesso e profondo.

Pierino può gioire volgendo lo sguardo da qualche altra parte, ossia alla critica? Nemmeno su questo fronte il Chiambretti Sunday Show sta raccogliendo consensi a valanga. Anzi, da alcuni pulpiti sono arrivate persino bocciature. E’ il caso di Alessandra Comazzi de La Stampa, che considera lo spettacolo troppo dilatato, lento: “Se non si può accorciare la puntata, altrimenti non si ammortizzano i costi, almeno i segmenti dovrebbero essere più svelti. Per non ammazzare qualunque idea e professionalità”. Il problema, secondo la giornalista, è che Chiambretti ha portato in prima serata un format da seconda serata e i tempi non coincidono. Gli effetti collaterali sono gli stessi che affliggono “The show must go off” di Serena Dandini”.

Piero Chiambretti

Libero è invece di parere radicalmente diverso. E infatti: “Il programma è bello, divertente, originale e lui pare non abbia mai ricevuto tanti complimenti. E’ il flop che lo deprime meno nella sua carriera“. Le altri voci della stampa, in genere, si dividono tra questi due estremi, con lodi (però sporadiche) per il conduttore, capace di divertire senza dire o fare banalità, sorprendendo quando c’è da sorprendere. L’unico appunto di un certo rilievo al contenuto proviene dal Corriere della Sera (con Aldo Grasso), che accusa: “Il tutto si è trasformato nel consueto salotto di freak e ballerine. Ma ogni cosa ha i suoi tempi (e fa il suo tempo), e le atmosfere da night club poco si addicono al prime time della domenica”.

About Giuseppe Briganti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *