Dandini, lo show non decolla: “Avanti così, la sfida è ancora all’inizio”

By on febbraio 8, 2012
the show must go off, la 7

text-align: center;”>Cast Dandini

La legge dello share è dura, non consente errori a nessuno. Nel caso del nuovo programma di Serena Dandini, traslocato da RaiTre a La7 dopo le note vicende del rinnovati palinsesti di Viale Mazzini, il primo passo falso è stato probabilmente la scelta del titolo: “The show must  go off”, spiega la conduttrice romana in una breve intervista ospitata da Kataweb, voleva riprendere una storica canzone dei Queen, ultimo capolavoro del compianto Freddy Mercury. Il vero nodo, al di là dei dettagli non trascurabili in termini di popolarità, sta nella collocazione oraria e nella non perfetta adattabilità del prodotto all’interno del nuovo contesto de La7. Del resto, la scure dell’audience minaccia la tenuta delle altre “scommesse” su cui la rete “alternativa” al duopolio aveva riposto molte aspettative. Non decollano né il talk show del giovedì Piazza Pulita di Corrado Formigli, ancora ferma al 4% di share per via della problematica concomitanza con Servizio Pubblico, né Gli Intoccabili del bravo Gianluigi Nuzzi (a stento al di sopra del 3%), ritenuto da molti un programma un pò troppo di nicchia per competere in prima serata.

elio-parodie-show-must-go-off

Troppo presto per parlare di flop generalizzato, anche perché la Dandini assicura la sintonia con l’amministratore delegato della rete del gruppo Telecom Media, Giovanni Stella, “finora contento per la pubblicità che portiamo”. Non è esclusa una revisione del progetto, magari per avvicinarsi maggiormente ai fasti di Parla con Me, ben diverso come orario e durata: “era perfetto andare in onda il martedì sera, dopo Ballarò”, mentre adesso bisogna fare i conti coi giganti dell’intrattenimento serale come Italia’s Got Talent e Ballando con le Stelle. Punto di forza per crescere sono le migliaia di visualizzazioni su Youtube degli sketch dei vari Vergassola, Elio e Le Storie Tese, Max Paiella, Lillo & Greg, Zoro, molto amati dal pubblico più giovane e vero “zoccolo duro” del progetto. I margini di miglioramento sono ampi, l’esperienza ventennale maturata da Serena Dandini è una garanzia per tutti: indimenticabili gli anni di Avanzi, Tunnel, L’Ottavo Nano, forti anche del contributo di Corrado e Sabina Guzzanti, non a caso evocati come “assi nella manica” in grado di risollevare in qualsiasi momento le sorti del programma. Nessun pericolo di chiusura anticipata per “The Show Must Go Off”, almeno finchè tutte le carte a disposizione degli autori saranno state scoperte. La brusca frenata dell’ambizioso progetto definito “Terzo Polo televisivo”, però, fa tirare un respiro di sollievo dalle parti di Viale Mazzini e di Cologno Monzese. In caso di fallimento, l’unica vera alternativa resterà il circuito indipendente ideato da Santoro per Servizio Pubblico?

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *