Fabrizio Corona “pericoloso per la sicurezza pubblica”

By on febbraio 23, 2012

Foto Fabrizio CoronaIn Italia esiste una misura di prevenzione, scaturita da una legge del 1956, per la quale le persone “pericolose per la sicurezza pubblica” e coloro “che sono dediti alla commissione di reati” posso essere messi sotto sorveglianza speciale (che non può per legge essere inferiore ad un anno né superiore a cinque). Ecco, la Procura di Milano ha chiesto che questa misura venga applicata nei confronti di Fabrizio Corona, ex agente dei paparazzi che ha collezionato una serie di condanne per i più disparati motivi, fra cui basta citare la vicenda dei foto ricatti ai danni di numerosi personaggi famosi.

La Procura ha anche chiesto, per il giovane siciliano, che venga disposto l’obbligo di soggiorno nel comune di residenza, ovvero Milano: insomma, niente più viaggetti a destra e a manca. Nelle scorse settimane Corona è stato privato del passaporto: conseguenza dell’ordine di sospensione ricevuto dal sostituto pg di Milano, Antonio Lamanna, per la condanna definitiva a un anno e cinque relativa appunto ai foto ricatti e per due patteggiamenti definitivi derivanti dall’utilizzo di denaro falso. In totale sono due anni e otto mesi, ma Corona non è finito in galera, perché sotto il tetto dei tre anni, e spera di ottenere l’affidamento ai servizi sociali.

Si devono però comunque chiudere altre vicende – fra cui la condanna in primo grado per bancarotta a quattro anni + cinque anni in appello a Torino per estorsione ai danni di David Trezeguet – quindi è meglio che non canti vittoria troppo presto. Ma sicuramente il suo umore è tutt’altro che allegro: adesso c’è una nuova attesa per lui, questa riguardante la sorveglianza speciale. Che consisterebbe, in caso il Tribunale decida di accogliere la richiesta della Procura (la prossima udienza è stata aggiornata al 30 marzo), in una serie di limitazioni e obblighi, fra cui quello di trovarsi un lavoro, non frequentare pregiudicati ed evitare determinati luoghi. Corona sottolinea, tramite il suoi legale, che lui un lavoro ce l’ha. Non lo sapevate? Vi chiedete quale sia? Troppo curiosi!

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *