Festival di Sanremo 2012: i look della quarta serata

By on
Ivana Mrazova

text-align: center;”>Ivana Mrazova

In molti ieri sera si saranno sentiti un po’ smarriti davanti alla tv, in preda ad una crisi televisiva si saranno chiesti ma io volevo vedere il Festival di Sanremo, non Real Time! Avranno stravolto il palinsesto? E invece no, tutto regolare il festival ieri sera è andato regolarmente in onda sulla televisione di stato, regalando delle vere e proprio “perle” di stile. Si, stile da evitare assolutamente! Dopo lo sciopero degli sceneggiatori a Hollywood, la rivolta dei forconi in Sicilia, ecco arrivare anche lo sciopero degli stylist di Sanremo: devono aver per forza incrociato le braccia altrimenti non si riuscirebbe a spiegare il perché di questi look improbabili con i quali molti cantanti si sono presentati in eurovisione. Samuele Bersani direbbe “ci vuole molto coraggio”.

Vediamo nel dettaglio i cantanti più coraggiosi di ieri sera: nella top five troviamo sicuramente il duo Bertè-D’Alessio, non tanto per Loredana dalla quale ci si aspetta un look stravagante (e la sua gonna tutta rivestita di fiocchi coloratissimi possiamo anche giustificarla) quanto per Gigi D’Alessio. Gigi, ma ieri sera dovevi cantare “Respirare” o YMCA? Il look da Village People proprio non si può guardare.

Altra coppia di coraggiosissime è quella formata da Chiara Civello e Francesca Michielin: la canzone che hanno interpretato ieri sera è stata alla fine eliminata e di sicuro i loro look hanno convinto la giuria a non farle più risalire sul palco. La Civello era in pieno clima natalizio, con un vestito dorato cucito con i nastri da mettere sull’albero di Natale. La Michielin invece sembrava pronta per andare al ballo di fine anno della scuola nel suo vestito lungo e vaporoso color rosa shocking con un grosso fiocco/fiore sulla schiena: per un attimo è stato come rivedere Antonella Clerici avvolta nei suoi vestiti a meringa ma a lei perdoniamo tutto.

Sul gradino più alto del podio troviamo la più coraggiosa tra gli ospiti della quarta serata: Alessandra Amoroso. Che dire, si è confusa anche lei probabilmente come il pubblico da casa: invece di dover cantare con Emma Marrone, che col suo vestitino verde era vestita meglio delle altre serate, credeva di dover duettare con Diabolik. Una tunica così accollata da far sentire caldo ai pinguini, nera come la notte al punto da farla sembrare pronta per una rapina e a coronare il tutto uno chignon talmente alto e tirato degno di Eva Kant. Sarà anche un’amica di Maria ma con gli stylist ci ha sicuramente litigato. Persino Arisa, nella sua tunica color tortora, riusciva a sembrare sexy se messa a confronto con la Amoroso. Sul palco sanremese Emma ed Alessandra hanno anche sfoggiato il loro accessorio preferito, immancabile quando vanno in tv e si emozionano: le lacrime.

anna-tatangelo-ospite-sanremo

Fortunatamente qualche cantante che si è vestito con la luce accesa c’era e si è notato in questo festival di orrori modaioli.

Bellissima Nina Zilli, che nonostante il suo Vivianne Westwood full glitter oro riesce a non dare l’effetto Natale della Civello ed illumina il palco con la sua classe. Anche Noemi finalmente mostra un abito che non stona con il suo colore di capelli: vestito corto total black e capelli raccolti. Unica nota di colore: un orecchino chandelier verde fluo. Abbiamo capito che a Noemi piace il verde.

Come Noemi, anche Silvia Mezzanotte dei Matia Bazar sceglie il total black, dopo l’abito da Grimilde della prima sera e quello da ballerina di flamenco della seconda: per lei finalmente una bella tuta intera con paillette che la rendeva elegante. Una nota di merito anche a Platinette, che ieri sera ha duettato con la Mezzanotte e per l’occasione ha deciso di vestirsi da Mauro Coruzzi. Niente fronzoli addosso ma solo tanta emozione ed un po’ di polemica.

Ma le regine della moda della quarta serata non fanno parte del cast di Sanremo 2012: si aggiudicano la fascia di più belle Sabrina Ferilli e Anna Tatangelo, che vestite nei loro abiti azzurro cielo e blu china hanno reso giustizia alla parola eleganza.

Prima di parlare del look di Ivana Mrazova, non si può far passare inosservato quello dei super ospiti, addirittura, One Direction, che per età e capelli sembrano essere i cugini diretti del vincitore di Sanremo Social Alessandro Casillo. Gianni Morandi direbbe “ecco a voi Alessandro Casillo e i Uan dairècscion”.

E quindi arriviamo a lei, la valletta del Festival di Sanremo che ieri sera col suo primo outfit androgino ci è piaciuta molto: peccato per quel rossetto rosso che le metteva in risalto il sorriso gengivale. Gli altri due vestiti sfoggiati durante il corso della serata invece erano sempre sul bianco e sul nero ma molto più femminili e festivalieri. Dopo ieri sera Ivanka ha chiarito a tutti quale ruolo riveste all’interno del festival: il manichino.

Finalmente stasera c’è la finalissima: riusciranno i nostri eroi a stupirci con nuove ed esaltanti mise? Riusciranno a far venire i brividi oltre che per i loro look anche per le loro canzoni?

About Marinella Aiello

Nasce nel 1986 a Praia a Mare in provincia di Cosenza. Dopo essersi laureata in scienze della comunicazione decide di proseguire i suoi studi diventando dottoressa magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Uniroma3. La televisione è una delle sue passioni più grandi, insieme ai social network e alle serie tv americane. È diplomata in danza moderna e si occupa di organizzazioine di eventi.
Articolo aggiornato il

2 Comments

  1. Felicetta

    febbraio 18, 2012 at 11:44

    Ahahaha perfettamente d’accordo con il look dell’Amoroso: o-s-c-e-n-a! Non si poteva guardare, brutta proprio esteticamente. Talmente brutta che per l’orrore ho cambiato canale e non era mai successo neppure durante l’esecuzione di Casillo! La dice lunga…

  2. Monica

    febbraio 18, 2012 at 17:08

    Devo dire che qui si commenta il look…se Emma e l’Amoroso erano vestite male potremmo anche infischiarcene…suvvia. IL PROBLEMA E’ COME HANNO CANTATO…..ehm,scusate….URLATO.
    Ma qui si parla dell’immagine, meno male!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *