Festival di Sanremo 2012: i look della serata finale

By on febbraio 19, 2012
Premiazione Emma Marrone sanremo 2012

text-align: center;”>Premiazione Emma Marrone sanremo 2012

E così anche la sessantaduesima edizione del Festival della canzone italiana si è conclusa, Emma ha vinto confermando tutti i pronostici e portando avanti la tradizionale convenzione Amici/Sanremo per la gioia di Mediaset che riesce ad essere protagonista anche in prima serata sulla concorrenza.

La finale del festival ieri sera ci ha dato molte soddisfazioni dal punto di vista modaiolo, come se i cantanti avessero deciso di farsi vedere al peggio nelle prime serate per poi stupirci finalmente positivamente alla finalissima. Proprio ieri avevamo incoronato dalle pagine del blog Sabrina Ferilli ed Anna Tatangelo regine di eleganza, grazie ai loro abiti blu che le rendevano divine: ebbene forse anche Noemi, Nina Zilli e Geppi Cucciari si sono rese conto che era meglio seguire le loro orme e quindi sono salite sul palco dell’Ariston indossando abiti di questo bellissimo colore che ha letteralmente spopolato ieri sera.

Noemi era finalmente vestita da festival, con un bellissimo abito lungo di Enrico Coveri stretto in vita e molto morbido, nessun accessorio verde per fortuna! Unico elemento divertente del suo outfit? L’adesivo “Stile libero”, nuovo tormentone portafortuna della Gialappa’s Band. La kermesse è iniziata con l’esibizione di Nina Zilli, che è scesa bella come non mai dalla scalinata nel suo Vivianne Westwood blu con taglio a sirena, sicuramente il più bel vestito tra quelli indossati non solo dalla cantante ma tra tutti quelli sfoggiati in gara dalle artiste donne. E poi l’ultima donna in blu, la super ospite Geppi Cucciari, che come la valletta Ivana Mrazova ha indossato 3 abiti: i primi due neri, più istituzionali ma non per questo meno belli, e per il suo congedo all’ariston ha scelto un abito blu lungo e morbido. Ma la Cucciari ieri sera ha brillato sul palco soprattutto per la sua verve, la sua simpatia e il suo saper improvvisare ed intrattenere al punto da farci chiedere “Geppi, perché non ci sei stata tu al posto della Mrazova?”

arisa-in-mila-schon-nella-finale-di-sanremo-2012

Non solo blu, però, al teatro ariston. Molto più semplici le scelte degli altri cantanti in gara: Finardi ha deciso di continuare imperterrito sulla strada del “mi piace così tanto il look delle altre serate che ho deciso di continuare a sfoggiarlo anche alla finale “. Contento lui, ormai i suoi vestiti andranno in giro da soli quindi se siete nei paraggi di Sanremo non preoccupatevi, se vedete un outfit nero che gira per la cittadina senza indossatore non spaventatevi: non è l’uomo invisibile ma il completo di Eugenio “Ugenio” Finardi.

Loredana Bertè ha deciso di lasciare nell’armadio le sue scelte stravaganti ed ha optato per un completo gonna e pantalone total black, ovviamente lasciando ai piedi gli immancabili ankle boots neri che prima o poi andranno a fare un giro con i vestiti di Finardi. Look troppo ingessato per la Bertè, che ci piace quando si lascia andare di più.

Senza infamia e senza lode, o più che altro senza lode, gli abiti degli altri cantanti in gara tra i quali l’unica che merita di essere citata è Arisa, che continua ad indossare abiti che castigano il suo fisico per far concentrare l’attenzione sulla sua voce: la cantante ha scelto una tunica nera di Mila Schon che ricordava vagamente quella terribile indossata nella quarta serata da Alessandra Amoroso, ma la Pippa italiana è riuscita a sembrare addirittura elegante. Sono lontani i tempi degli occhialoni di Sincerità anche se Arisa ci convinceva molto col suo look anni 50 che aveva adottato nella trasmissione “Victor Victoria” su La7. La Gialappa’s ha colpito anche con lei, che aveva l’adesivo “Stile libero” sulla schiena.

E poi il look della vincitrice Emma Marrone – non ve l’aspettavate, vero?- che finalmente ha scelto un abito lungo che però non convince del tutto, forse perchè il suo make up era veramente brutto e non si riusciva a distogliere lo sguardo dalle sue labbra livide. L’abito era griffato Costume National, proprio come quelli indossati da Rocco Papaleo che però ieri sera era fin troppo minimal. Per fortuna che alla fine ha indossato un completo bianco con camicia nera che lo ha fatto spiccare un po’.

E dopo la vincitrice dobbiamo occuparci per forza di cose del manichino Ivana Mrazova, che ieri sera si è ricordata di essere la valletta del Festival di Sanremo ed è apparsa più spesso sul palco ed ha addirittura parlato. 3 abiti di Fausto Sarli per lei: lo stilista italiano alla fine ha avuto la meglio sull’estro di Herve Leger, altro nome in lizza per vestire la modella ceca alla finale. Entra accompagnata da Papaleo sfoderando un nude look molto particolare, un abito che sembrava quasi un tatuaggio che metteva in mostra il suo fisico statuario, apprezzatissimo da pubblico e dallo stesso Morandi, che con la scusa di sistemarle il microfono ne approfitta e da anche una palpatina.

Secondo vestito completamente diverso: una meringa rosa che fluttuava nell’aria. Anche lei, come Francesca Michielin la sera prima, pronta per andare al ballo di fine anno.  E poi arriva l’abito indossato nell’ultimo blocco di trasmissione, un vestito da Cenerentola al ballo molto bello, tutto argentato e luminoso, degno di un palcoscenico.

Ora che la kermesse si è conclusa non ci resta che aspettare un altro anno per assistere alla sessantatreesima Settimana della Moda sanremese… Pardon, al Festival di Sanremo.

About Marinella Aiello

Nasce nel 1986 a Praia a Mare in provincia di Cosenza. Dopo essersi laureata in scienze della comunicazione decide di proseguire i suoi studi diventando dottoressa magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso l’Uniroma3. La televisione è una delle sue passioni più grandi, insieme ai social network e alle serie tv americane. È diplomata in danza moderna e si occupa di organizzazioine di eventi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *