Festival di Sanremo 2012: le pagelle delle esibizioni della seconda puntata

By on febbraio 16, 2012
locandina del festival di sanremo 2012

Il Festival di Sanremo anche quest’ anno sta catalizzando l’attenzione del pubblico italiano, confermandosi ancora una volta come l’evento mediatico più seguito. LaNostraTv si sta occupando a 360 gradi per tenervi sempre aggiornati sulle novita che arrivano direttamente dal Teatro Ariston, dirette, notizie in esclusiva, anteprime e oggi vi presentiamo anche le pagelle. Quale canzone verrà promossa e quale verrà bocciata? A dare i voti tre severissime giurie: la prima è quella composta dalla redazione del nostro blog, la seconda è un gruppo d’ascolto composto da un pubblico vario e di sesso misto e infine la terza è quella formata dagli iscritti a Facebook che ieri sera hanno seguito la trasmissione. Abbiamo fatto le medie, ora è il momento di scoprire i risultati. Coincideranno con le 4 eliminazioni ufficiali?

Nina Zilli-Per sempre

La sua canzone sembra piacere al pubblico, ma la sua interpretazione soprattutto nella serata di ieri non è certo stata straordinaria, collezionando anche un paio di stecche. In un mix tra Giusy Ferreri ed Amy Winehouse, la canzone non sembra proprio adatta a lei, è un peccato perché è veramente brava. C’è chi dice che la canzone ricordi molto un vecchi0 successo di Mina. Da riascoltare, magari nella versione incisa.

Voto Redazione: 7,5; Voto Gruppo d’ascolto: 6+; Voto Facebook: 8-

Arisa-La Notte

In una veste completamente rinnovata Arisa si è presentata a questo Sanremo con una canzone completamente diversa dai suoi successi più famosi. E la scelta sembra essere assolutamente azzeccata, la canzone ha un’ intensità notevole e lei è bravissima anche a livello tecnico. La sorpresa di questa edizione.

Voto Redazione: 7; Voto Gruppo d’ascolto: 6+; Voto Facebook: 8+

Gigi D’alessio e Loredana Bertè-Respirare

La coppia più strana della musica italiana si è presentata a questo Sanremo come il colpaccio di Gianni Morandi. La canzone un po’ delude, ma ne vale la pena ascoltarla solo per vedere Loredana all’ opera. E’ la sua interpretazione a dare alla canzone quella spinta in più, Gigi troppo uguale a se stesso. Particolare.

Voto Redazione: 5,5; Voto Gruppo d’ascolto: 4,5; Voto Facebook: 2-

casillo-angi-sanremo-2012

Pierdavide Carone e Lucio Dalla-Nanì

Pierdavide è sicuramente un talento nella scrittura e lo dimostra ancora una volta in questa canzone che parla dell’ amore per una prostituta, un argomento non originalissimo, ma lui lo fa a modo suo. Peccato che l’interpretazione non sia così eccezionale e la canzone si riprenda solo intorno al ritornello. In più l’ apporto di Dalla è praticamente nullo. Il risultato finale non è quello che ci si aspettava. Occasione sprecata.

Voto Redazione: 5+; Voto Gruppo d’ascolto: 6,5; Voto Facebook: 7+

Alessandro Casillo-E’ vero VS Dana Angi-Incognita Poesia

I primi due giovanissimi artisti scelti tramite Sanremo Social, non convincono per niente con le loro canzoni. Quella di Casillo sa già di sentito e il ragazzo non ha nemmeno una voce straordinaria che potesse dare al pezzo quella spinta in più. Dana non convince né con la voce né con la canzone, passando inosservata con un pezzo che non verrà trasmesso nemmeno da Radio Italia. Da evitare, entrambi.

Voto Redazione: Casillo 3,5/ Dana 2,5; Voto Gruppo d’ascolto: 4/2,5; Voto Facebook: 3,5/2,5

Matia Bazar-Sei tu

Il gruppo si ripresenta per l’ ennesima volta al Festival di Sanremo e per l’ennesima volta ci rifila la solita canzone che sa già di sentito, nei loro concerti, ovviamente. E’ tornata Silvia Mezzanotte, dopo che la carriera da solista ha avuto lo stesso successo del libro di Barbara D’urso. La loro partecipazione era evitabile.

Voto Redazione: 5,5; Voto Gruppo d’ascolto: 5; Voto Facebook: 3,5

Eugenio Finardi-E tu lo chiami Dio

Il grande ritorno e il grande artista di questa edizione doveva essere lui, ma la sua canzone che si lascia difficilmente ascoltare non ha di certo nessuna chance per arrivare sul podio. La sua canzone dice: “Ma la terra si ferma, appena io mi rendo conto di avere perso metà del tempo“. Ci fermiamo pure noi, giusto per non inferierire e per non perdere altro tempo. Deludente.

Voto Redazione: 5; Voto Gruppo d’ascolto: 4,5; Voto Facebook: 5+

IoHoSempreVoglia-Incredibile VS Celeste Gaia-Carlo

Altri due artisti scelti da Sanremo Social si esibiscono. E dopo averli ascoltati ci chiediamo se ha più un senso continuare la gara dei giovani se le proposte in Italia sono queste. I primi hanno un pezzo orecchiabile, ma che potrebbe far passare la voglia di ascoltarlo già alla seconda riproduzione. La seconda cerca di rifilarci un tormentone, ma di Carlo ne facciamo a meno volentieri.

Voto Redazione: IoHoSempreVoglia 6-/Gaia 4+; Voto Gruppo d’ascolto: 6-/4+; Voto Facebook: 6-/4+

Emma-Non è l’inferno

L’ amica di Maria è tornata al Festival al grido di vendetta per non essere riuscita a vincere l’anno scorso. Più agguerrita che mai la sua canzone si butta sul sociale e parla dei problemi nostrani. La sua voce è potente e la ragazza ha grinta da vendere. Convincente e credibile.

Voto Redazione: 6+; Voto Gruppo d’ascolto: 7-; Voto Facebook: 9

Marlene Kuntz-Canzone per un figlio

Il rock sarebbe dovuto arrivare sul palco di Sanremo grazie a loro. Peccato che la loro canzone sia soporifera e il rock si veda ben poco. Il cantante stesso sembra non crederci in quello che sta facendo, figuriamoci se ci crediamo noi. Fuori luogo.

Voto Redazione: 4; Voto Gruppo d’ascolto: 4+; Voto Facebook: 3+

Irene Fornaciari-Grande Mistero

Il più grande mistero è come faccia Irene a credersi una cantante, ma più che altro come abbia fatto il padre a non disconoscerla ancora da figlia. In un testo che parla di merli, lune, onde, fiori, gatti e tutta la flora e la fauna e le creazioni di Dio raccontate nella Bibbia, il risultato è di totale confusione. In più lei ci mette un balletto che a confronto i vecchietti di Uomini e Donne sono dei professionisti. Incomprensibile.

Voto Redazione: 4; Voto Gruppo d’ascolto: 5-; Voto Facebook: 6-

Samuele Bersani-Un pallone

Già dal titolo dovevamo capire che la canzone non sarebbe stata entusiasmante. Il risultato è proprio di noia totale e quel pallone è il risultato di un rigonfiamento nelle parti basse. Delude anche lui e dispiace, poteva fare di meglio. Noioso.

Voto Redazione: 4,5; Voto Gruppo d’ascolto: 3-; Voto Facebook: 5,5

Erica Mou-Nella vasca da bagno del tempo VS Bidiel-Sono un errore

La Mou è sicuramente una delle proposte più interessanti della categoria giovani, anzi forse l’unica proposta interessante. Certo anche la sua canzone dà quell’ effetto di già sentito e ricorda una certa ‘Zombie’ di un gruppo che sarà ospite alla finale. Il gruppo che si sfidava con lei spiegano tutto della loro esibizione con il titolo della loro canzone: sono un errore.

Voto Redazione: Mou 6+/Bidiel 5+; Voto Gruppo d’ascolto: 7+/4,5; Voto Facebook: 7,5/6+

Chiara Civello-Al posto del mondo

Ci chiediamo se al suo posto non avessero potuto trovare di meglio. Sarà anche conosciuta nel resto del mondo, ma se in Italia non lo è ci sarà anche un motivo. Presentata come la cantante jazz, il pezzo è tutt’ altro e lei peggiora le cose non riuscendo ad arrivare alle note. Rispediamola all’estero.

Voto Redazione: 2,5; Voto Gruppo d’ascolto: 4,5; Voto Facebook: 5-

Noemi-Sono solo parole

La cantante dai capelli rossi, si presenta a Sanremo con una canzone scritta da Moro. La canzone non convince del tutto ed è troppo simile allo stile dell’ autore. Lei riesce a darle un tocco in più e a renderla una delle migliori proposte di questo Festival nel marasma di brutte canzoni. Brava.

Voto Redazione: 7,5; Voto Gruppo d’ascolto: 6-; Voto Facebook: 8+

Marco Guazzone-Guasto VS Giulia Anania-La mail che non ti ho scritto

Il primo presenta una canzone che non regge il confronto nemmeno con le melodie di un rito funebre. D’altronde già il titolo della canzone ci doveva far capire che qualcosa non avrebbe funzionato. La seconda dal cognome impronunciabile, oltre alla mail poteva evitare di scrivere anche questa canzone.

Voto Redazione: Guazzone 5,5/Anania 4+; Voto Gruppo d’ascolto: 3/5,5; Voto Facebook: 6,5/6

Francesco Renga-La tua bellezza

Nel più classico stile sanremese, ci aspettavamo da Renga qualcosa di innovativo. La sua canzone, invece, sa già di sentito e risentito e stancherà molto presto tutti noi. Ecco noi la bellezza nella canzone non l’abbiamo proprio trovata. Antico.

Voto Redazione: 6-; Voto Gruppo d’ascolto: 6,5; Voto Facebook: 6,5

Dolcenera-Ci vediamo a casa

La canzone di Dolcenera non aveva convinto molto al primo ascolto, ma visto che le radio ce la stanno facendo ascoltare a profusione, bisogna ammettere che migliora ad ogni ascolto. Lei ci mette tutto l’impegno e la grinta che servono e che l’ hanno sempre contraddistinta. Sarà l’anno del riscatto?

Voto Redazione: 7; Voto Gruppo d’ascolto: 6+; Voto Facebook: 5+

About Matteo Pagano

Nato a Casarano (Lecce) nel 1990, è il più giovane tra i Redattori. Frequenta nel Salento la Facoltà di Scienze della Comunicazione, si definisce socievole, ironico e simpatico. Non ha peli sulla lingua, non sopporta l'ipocrisia, ama scrivere ed ascoltare musica. La sua passione è esplosa al Liceo quando gestiva un giornalino di classe. Ha collaborato con giornali online di universitari e il suo rapporto con la tv è di amore-odio.

6 Comments

  1. Dario anzivino

    febbraio 16, 2012 at 18:25

    Il motivo per cui personaggi come chiara civello non sono famosi in Italia e’ probabilmente dovuto al fatto che in questo paese ci sono personaggi come il signore che ha scritto questi articoli. Illustri esperti di musica, gente dal gusto sopraffino, geni della critica dalla sensibilità inarrivabile che per esprimere la loro grande intelligenza e cultura creano blog di questo genere!

  2. Matteo Pagano

    febbraio 16, 2012 at 18:52

    Forse non funziona proprio per il fatto che ci sono persone come lei, che credono che la musica che ascoltano loro sia superiore a quella che ascoltano gli altri.

  3. Paolo

    febbraio 16, 2012 at 19:56

    Il pallone di Samuele Bersani un rigonfiamento nelle parti basse?
    E chi sei per dirlo con questa fermezza Elthon John?
    Il testo di Bersani è senza dubbio il miglior testo di Sanremo (non lo dico io ma il premio Lunezia), poi se a un presunto esperto della musica interessano solo ritornello e banalità delle parole senza sforzarsi di capire metafore e testi più raffinati allora caro le soluzioni sono due: la vanga o il badile

  4. Matteo Pagano

    febbraio 16, 2012 at 20:32

    Le pagelle sono ironiche, basta leggere tutti gli altri commenti e sono in linea con i voti dati dalle tre ‘giurie’

  5. Paolo

    febbraio 17, 2012 at 13:50

    ironiche nel senso che sono fatte da comici, giusto?

  6. Sxm84

    febbraio 18, 2012 at 00:48

    Le pagelle dell’articolo riflettono bene la sezione del sito in cui sono poste: gossip. Perchè per l’autore/ gli autori la musica è evidentemente gossip e talent show e basta. I voti più alti sono stati infatti dati ai personaggi più televisivi e più famosi. La musica è ben altro, però…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *