Festival di Sanremo 2012, l’intervento censurato de “I soliti idioti”

By on febbraio 15, 2012

text-align: center” align=”JUSTIFY”>Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli sono I soliti IdiotiSEGUI CON NOI LA DIRETTA DEL FESTIVAL DI SANREMO 2012

E dopo la comicità di Luca e Paolo che hanno aperto questa Sessantaduesima edizione del Festival di Sanremo, la seconda serata è stata caratterizzata dall’umorismo “censurato” (considerate le critiche a Luca e Paolo per le parolacce avranno intimato il poliedrico duo a regolarsi) de I soliti idioti ( Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli) dell’inconfondibile Signor Bisceglie e il figlio Gianluca. In mezzo alla platea del Festival sanremese hanno esordito dichiarandosi “famiglia bisognosa” chiedendo una parte del cachet di Celentano (facendo riferimento all’intenzione del cantante di darlo in beneficenza) e da lì battute a raffica da parte del Signor Bisceglie, evasore fiscale incallito: “Gianluca, tu le tasse non le devi pagà mai perché pe na volta che le paghi le devi pagà sempre”. E poi ha continuato riferendosi alla serata di ieri sera e della scenetta tra Pupo e Celentano: “Ho visto Pupo ieri che stava a fa Shakespeare… paga i sordi del poker Pupoooo” e alle richieste del figlio Gianluca, desideroso di avere un “posto fisso”, il Signor Bisceglie: “Vai al cimitero, Gianlù il posto fisso non te lo leva nessuno!”. Ironici al punto giusto, ma senza strafare tanto che Bisceglie si ferma sulla sua battuta storica: “Dai Caxxooo!”, pronunciando fino a Ca…per cinque minuti di gag davvero esilaranti, tipiche dei tanto amati soliti idioti.

i-soliti-idiori-e-morandi-a-sanremo-2012

“Ma la Mazrova quanti anni c’ha 80? C’ha la cervicale a 20 anni. Questa vole la pensione…c’ha la badante”...ha gridato Bisceglie parlando dell’infortunio della supermodella Ivana e dichiarando apertamente che il mondo è dei vecchi: “Non la senti come ‘na puzza de putrefazione qua?”. Esortando Gianluca a buttarsi: “Buttati Gianluca, buttati non voi morì in diretta?” all’arrivo di Gianni Morandi esclama: “Ma non stavi al gabbio Gianni Morà, ma quando sei uscito?Ah con Gianni Morandi ce so stato in galera!”. Insomma, una battuta pronta per ogni evenienza che non ha risparmiato Celentano e le sue lunghe pause e le polemiche della Rai che ha commissariato il Festival.  E per evidenziare velatamente questa situazione Bisceglie è uscito di scena cantando la canzone di Battiato: “Rai te la prendi nel cucuruccucucucucucuuuuuu ahi ahi ahia ahiahiiiiiiiiii Maranoooooo….”. Decisamente azzeccato, come solo un solito idiota sa fare. Il Signor Bisceglie e Gianluca lasciano il palco dell’Ariston. Ma torneranno? Torneranno. Infatti rieccoli di nuovo sul palco nelle vesti di Maria Lucia e Gianpietro e il loro rock no-sense Normale Normalissimo…per concludere, una volta che si avvicina Morandi: “Oddio Gianpietro che schifo, c’è Gianni Morandi che schifo!Guarda che mani grandi che ha!”. E  un’altra gag è andataRientrano nei panni degli omosessuali Fabio e Fabio con un’ulteriore sketch in cui Fabio, l'”omosessuaaaaaleeee” scambia Gianni Morandi per Jhonny Dorelli e alla fine della gag lo bacia appassionatamente sulla bocca lasciando inebetito Gianni Morandi…anche questo è Sanremo!

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *