Fisica o Chimica, il ritorno della serie tv che per l’Aiart induce all’omosessualità

By on febbraio 5, 2012
fisica-o-chimica

text-align: center;”>Serie tv Fisica o Chimica

Per la gioia dei cattolici integralisti – si fa per dire – tornano in onda le nuove puntate di Fisica o Chimica, in onda dal primo febbraio con la terza stagione, inedita in Italia, mentre in Spagna sono arrivati alla settima stagione. Il teen drama che verte sulle vicissitudini di un gruppo di ragazzi dell’immaginario liceo Zurbaran di Madrid va in onda su Rai4 nonostante le pesantissime critiche da parte dell’associazione Aiart per il quale la visione della serie tv aveva come conseguenza l’adozione di alcuni comportamenti sessuali, come dimostra questo comunicato dal testo alquanto agghiacciante:

“Le vite dei personaggi del telefilm, alunni e insegnanti, si intrecciano in vicende ambigue a base di sesso, droga e trasgressione. La serie propone scene dirette che inducono i giovani al ’sesso spinto’, all’omosessualità. La serie va in onda dal lunedi al venerdi alle 9.30 e alle 13.50 in replica – quindi durante la famosa fascia protetta – ma questo telefilm non è altro che lo specchio della gioventù contemporanea: qualche scena di sesso magari si potrebbe risparmiare, ma affermare che la visione di Fisica o Chimica indurrebbe all’omosessualità costituisce una balla di proporzioni bibliche: nessun telespettatore eterosessuale ha cambiato sponda dopo aver visto Mine vaganti, Will & Grace o il gay di Commesse.

Una dichiarazione del genere è frutto di un retaggio tristemente medievale: il nostro Paese è indietrissimo per quanto riguarda i diritti lgbt – per esempio è grave la mancanza di una legge contro l’omofobia – quindi forse è comprensibile che alcuni cattolici possano scandalizzarsi di fronte alla storyline di un personaggio gay – nel nostro caso Fèr – così ampiamente sviluppata. Al massimo è poco credibile che questo ragazzo come si gira in un locale trova il tipo che gli offre da bere e poi vuole portarselo a letto, a dispetto dei suoi compagni di scuola un pò troppo sfigatelli in amore.

fisica-o-chimica

Nessun pericolo quindi di lasciare i nostri ragazzi davanti a Rai4 alle 13.50 per ritrovarseli un’ora dopo a fare lo stacchetto di Lady Marmalade (scusate se potrà sembrare uno stereotipo, ma è una paura realmene covata da molta gente): Fisica o Chimica è uno spaccato molto serio dei giovani d’oggi e nessun telefilm o fiction nostrani riescono così bene a scandagliare la realtà anche su temi come la droga, il bullismo, l’omofobia, il razzismo e l’alcol.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

One Comment

  1. domenico

    marzo 9, 2012 at 10:51

    Siamo alle solite. Il nostro paese risente dell’influenza, quella sì negativa, di migliaia di anni di intolleranza e di paure dettate dall’ignoranza e dall’integralismo religioso cattolico che con l’Islam vanno a braccetto in modo meraviglioso.
    In Europa siamo indietro di decenni per i diritti civili legati all’orientamento sessuale, grazie alla presunzione e all’intolleranza razzista dei cattolici, che predicano amore e
    comprensione e nei comportamenti sociali vanno nella direzione contraria. Bravi, complimenti, il Vangelo e le scritture le interpretate a seconda della vostra convenienza e delle vostre paure inconsce, (come quella di avere le stesse pulsioni inconfessate di chi condannate con tanta crudeltà e cattiveria), accusate di pedofilia e di devianza gli omosessuali, ma sapete benissimo che i pedofili si nascondono soprattutto tra i cosiddetti normali eterosessuali, magari sposati e con figli. MA FATEVI UN BELL’ESAME DI COSCIENZA E GUARDATEVI BENE ALLO SPECCHIO PRIMA DI SENTENZIARE ANATEMI E FAR SOFFRIRE INUTILMENTE MILIONI DI GIOVANI E NON, CHE CONVINCETE DI ESSERE DEI MALATI CHE NON HANNO NESSUN DIRITTO DI AMARE LIBERAMENTE SENZA SENTIRSI IN COLPA, CON LA PAURA DI ESSERE PERSEGUITATI DAI BULLI A SCUOLA, GRAZIE AI VOSTRI “INSEGNAMENTI” E DI ESSERE GIUDICATI DALLA SOCIETA’ IN MODO NEGATIVO SEMPRE GRAZIE A VOI E ALLA VOSTRA “CULTURA” MEDIEVALE.
    VI SONO CENTINAIA DI MIGLIAIA DI OMOSESSUALI CHE SAPREBBERO EDUCARE E AMARE DEI FIGLI CON MOLTA PIU’ SENSIBILITA’ E ALTRUISMO DI TANTI COSIDDETTI “NORMALI ETERO” SENZA X QUESTO DETERMINARE IN LORO NESSUNA SPINTA IN UNA DIREZIONE O L’ALTRA, MA LASCIANDO LORO LIBERA SCELTA IN TUTTE LE MANIFESTAZIONI DELLA LORO PERSONALITA’. NON SI PUO’ DIRE LO STESSO DI VOI CATTOLICI CHE IMPONETE E OBBLIGATE A FARE SCELTE SPESSO NON CONDIVISE IN NOME DI UN DIO CHE X LE VOSTRE IDEE
    PROFONDAMENTE RAZZISTE NON E’ NE’ BUONO, NE’ GIUSTO.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *