Fornero interroga Fiorello, la “professoressa” continua a bacchettare tutti a The Show Must Go Off

By on febbraio 26, 2012
Beppe Fiorello, the show

text-align: justify”>Fiorello allo show di Serena DandiniPer la gioia di autori e spettatori, anche Beppe Fiorello ha risposto all’invito di Serena Dandini per The Show Must Go Off, sottoponendosi a due divertenti “esami”: la prova di resistenza alle freddure di Dario Vergassola e l’ancora più temibile interrogazione del Ministro Fornero, nella versione “sadica professoressa” della bravissima Germana Pasquero. L’attore siciliano è ormai un volto noto al pubblico televisivo, non solo per essere fratello del “fuoriclasse” Rosario Fiorello, ma per le sempre più apprezzate interpretazioni all’interno di film e soprattutto fiction di produzione italiana. Proprio questa sua costante presenza sul piccolo schermo, nei panni dei personaggi più disparati delle varie fiction, è stata un’ottima fonte d’ispirazione per le ironie di Dario Vergassola, che infatti ha riservato al più giovane dei fratelli Fiorello domande retoriche tipo “riesce ad immaginare una fiction italiana senza di Lei?”. Il successo dell’ultima serie, ovvero “Sarò sempre tuo padre” (con Ana Caterina Morariu e Rodolfo Laganà), racconto assai realistico delle traversie di un padre separato, ben diretto dal regista Lodovico Gasparini, dà ragione a chi crede nel valore aggiunto di un interprete stimato da critici e spettatori.

pasquero-parodia-ministro-fornero

La lista delle collaborazioni di Fiorello è lunga, lo sottolinea con sincera ammirazione l’amica Serena Dandini, ma non sottrae Beppe all’altra “prova del fuoco” del programma: l’esame della severissima Elsa Fornero, con tanto di bacchetta e lavagna per le formule algebriche. E’ forse l’imitazione più riuscita del momento, efficace tanto nella forma (impressionante la somiglianza fisica della Pasquero, adeguatamente truccata, con l’esponente del Governo Monti) quanto nei contenuti, pane per i denti degli amanti della satira politica. Il pretesto per la “strigliata” sono i ruoli ricoperti da Fiorello junior, trasformati in argomenti d’interrogazione, e poi nella consueta elencazione di sofisticatissime formule matematiche in grado mettere ko gli alunni-interlocutori. Si finisce sempre lì, al chiodo fisso dei tecnici al governo, ovvero l’assalto all’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, con la Fornero in prima linea nel convincere, da brava professoressa, gli scettici: nello sketch di ieri, dopo la “ramanzina” all’alunno Fiorello, anch’egli impreparato di fronte alle terribili domande di matematica, il cruciale articolo sui licenziamenti per giusta causa è stato simbolicamente riprodotto da un foglio nelle mani della docente-ministra, pronta a farne origami o carta straccia.  Non c’è dubbio, The Show Must Go Off non fa sconti a nessuno, confermando la vera natura della satira, quella di contrappeso all’informazione ufficiale e di critica ironica ai vecchi e nuovi conformismi della politica. Sarà anche calato lo share rispetto agli inizi, ma sarebbe ingeneroso giudicare il programma solo sulla base di aridi dati numerici: sarà anche un merito, a fronte di una generale “crisi di creatività” proporre in tv un linguaggio e dei contenuti diversi dagli altri?

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *