Giovanni Conversano: “Mora rischia il rinvio a giudizio? Non ho ancora ricevuto comunicazioni ufficiali”

By on febbraio 24, 2012
giovanni conversano lele mora

In realtà non ho ricevuto alcuna comunicazione ufficiale. Neanche dal mio avvocato. Certo, anche io ne ho sentito parlare, ma credo proprio che al momento si tratti soltanto di indiscrezioni trapelate tramite qualche fonte. Ripeto, io non sono stato avvisato in modo ufficiale. Quindi, al momento, per me si tratta di aria fritta”: così Giovanni Conversano commenta la notizia diffusa ieri, che lo riguarda direttamente insieme a Lele Mora. Quest’ultimo, si è detto, ha ricevuto dalla Procura della Repubblica di Lecce un avviso di conclusione delle indagini preliminari, nel quale gli viene contestato il reato di diffamazione proprio ai danni di Conversano. Secondo l’iter, adesso Mora ha meno di venti giorni per difendersi ancora e quindi il sostituto procuratore deciderà se procedere con la richiesta di rinvio a giudizio. Abbiamo contattato Giovanni per raccogliere le sue prime reazioni, ma lui – appunto – dice di non saperne nulla.

Sei in attesa di una certezza. Ma se la notizia venisse confermata, come ti sentiresti? Hai denunciato Mora perché nel 2006, davanti alle telecamere di Pomeriggio Cinque, ti accusò ti avergli rubato le carte di credito..

Non avendo chiara la situazione, non posso dire come mi sentirei. Di certo andrò in fondo a questa storia perché sono una persona per bene e vengo da una famiglia altrettanto per bene. Sono stimato e rispettato, seguo valori morali ben precisi, ricevo ogni giorno mille attestati di stima e affetto. Non permetto a nessuno di calpestare tutto ciò che ho costruito.

Lele Mora è in carcere da un po’ di tempo. Che opinione ti sei fatto della sua storia?

Al momento del suo arresto, qualcuno si è dichiarato contento. Non è il mio caso. Non ho gioito, perché quando una persona perde le propria libertà non è mai una cosa bella; ma non ho neanche provato dispiacere. Semplicemente, non m’importa nulla di Mora e delle sue vicissitudini. Ognuno ha la sua vita e fa le sue scelte. Ma ripeto: nessuno può danneggiare l’immagine mia e della mia famiglia. 

foto-a

Non temi che questo gesto nei confronti di Mora possa avere conseguenze negative per quanto riguarda il tuo percorso nel mondo dello spettacolo?

No. Se il prezzo da pagare dev’essere uscire fuori dai giochi, ben venga. Preferisco salvare la mia immagine e la mia dignità. E poi ho sempre vissuto il mondo dello spettacolo prima di tutto come un gioco: se diventa un lavoro bene, altrimenti di certo non mi smarrisco. Ho altro per vivere. Non sono neanche disposto ad abbassare la testa dinanzi a certe azioni, per avere in cambio visibilità.

Ti senti un personaggio scomodo?

Non sono io a sentirmi così, sono alcune persone che mi definiscono tale. Forse perché non accetto compromessi e non ingoio rospi. Io però continuo per la mia strada, i risultati ottenuti finora mi danno ragione. E nessuno può accusarmi di nulla, se non di banalità magari legate a qualche ex fidanzata più o meno famosa.

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *