Il Monti-tour in televisione approda sul satellite: stasera il Premier è ospite di Sky Tg24

By on febbraio 14, 2012
mario-monti

text-align: center”>Mario Monti ospite a Sky tg24

In principio fu la volta del salotto bianco di Porta a Porta. Seguì la comoda poltroncina di Che tempo che fa. E poi ancora i tavoli di Otto e mezzo e In mezz’ora. Ultimo della lista, lo studio di Matrix. Unico comune denominatore, la presenza in tv del premier Mario Monti. Che ne è stato del governo dei “tecnici puri”, quello “sobrio” per eccellenza lodato da tutti i commentatori di ogni parte politica per lo stile misurato e quello caldamente invitato ad evitare un’inutile e controproducente esposizione mediatica?

Il presidente del Consiglio Mario Monti pare non aver colto l’invito, visto che nelle ultime settimane è stato ospite pressocchè in tutti i programmi televisivi d’approfondimento: le sue apparizioni, più che vere e proprie interviste, sono sembrate dei lunghi monologhi a mò di lezione universitaria. Sì, perchè un invito Mario Monti lo ha seguito: quello a non mischiarsi a “pollai televisivi” (tant’è che a Ballarò non s’è visto nemmeno di striscio). E lo ha seguito talmente alla lettera, da non accettare domande da altri giornalisti che non fossero i conduttori dei programmi, nè tantomeno confronti con altri esponenti politici, al massimo invitati nel post-intervista a commentare le sue dichiarazioni come si commenta una partita di calcio (è successo a Matrix, in occasione dell’ormai celebre intervista in cui il Premier elogiava la flssibilità e definiva monotono il posto fisso, ndr).

mario-monti-copertina-times

Incurante del Festival pigliatutto, anche durante la settimana sarnremese il premier sarà in tv: stasera Monti è ospite di Sky Tg24, il canale diretto da Sarah Varetto, durante l’edizione delle 20 del telegiornale. Il professore risponderà alle domane dei due conduttori, e chissà che il fuoco incrociato delle domande (sempre che di fuoco si tratti) non spezzi finalmente la lunga sequenza di monologhi (ben diversi da quelli di berlusconiana memoria, ma pur sempre monologhi) a cui ci ha abituato. Si parlerà certamente del pacchetto liberalizzazioni al vaglio della Camera e della riforma del mercato del lavoro, più volte annunciata dal premier e prevista entro marzo, ma non solo. Reduce dalla duegiorni statunitense, il coverman del prestigioso periodico Time (che ha dedicato la copertina al nostro premier titolando “Can this man save Europe“) affronterà anche i temi di politica internazionale, alla luce della crisi greca e della fiducia che i partner internazionali ripongono nel suo governo.

Insomma, il lungo tour televisivo di Monti approderà stasera anche sul satellite. A conti fatti, mancano all’appello giusto le prime serate di La7 (Piazzapulita di Formigli e L’infedele di Lerner, cui pure ha partecipato, ma prima di essere nominato Capo del Governo) e il programma multipiattaforma di Michele Santoro, in onda su tv locali, digitale e web. Eppure il giornalista lo ha invitato caldamente a partecipare al suo Servizio pubblico: “Presidente Monti – ha esordito Santoro nella penultima puntata del programma – non trova un po’ monotono lasciarsi interrogare da trasmissioni così garantite? Non avrebbe voglia di provare un brivido da Servizio Pubblico?

 

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>