Il Tredicesimo Apostolo, un finale fino all’ultimo respiro verso la seconda stagione

By on febbraio 8, 2012
Una scena del tredicesimo Apostolo con Gioè e Pandolfi

text-align: center;”>Una scena del tredicesimo Apostolo con Gioè e Pandolfi

Il finale di tutti i finali, questo ci eravamo augurati ci regalasse l’ultima puntata del Tredicesimo Apostolo di cui gli ultimi 2 episodi sono andati in onda ieri sera su Canale 5, e considerati tutti gli avvenimenti che sono accaduti in questo ultimo appuntamento possiamo di certo affermare che la puntata è stata certamente all’altezza di una fiction ben scritta e ben congeniata. La miniserie con Claudia Pandolfi e Claudio Gioè diretta da Alexis Sweet è stata infatti fin dal suo esordio ricca di colpi di scena e effetti sorpresa che hanno svelato improvvisamente davanti allo sguardo rapito dello spettatore tutti, o almeno la maggior parte, i segreti che gravitavano intorno alla vita di Padre Gabriel Antinori e del suo potere. Una regia lucida e concentrata sui suoi personaggi ci ha guidati nell’Universo del Candelaio, della setta di Serventi fino alla verità, così nitida e chiara, tanto da non apparire neanche troppo torbida ma incline a una vocazione di misticismo in cui si dona completamente la madre di Gabriel, perduta ma mai morta e amante dello zio Monsignor Antinori, facente parte della setta di Serventi che si rivela anche il padre naturale del giovane sacerdote. E in tale contesto Gabriel è il prescelto è il messia che essi attendevano da tempo ma il suo personaggio ligio al dovere e pronto a sposare la causa del bene, lo fa rinunciare anche all’amore della Dottoressa Claudia Munari, che non saprà facilmente dire addio all’amore per il sacerdote.

claudia-e-gabriel-antinori

Scampato quindi il pericolo lieto fine stile Uccelli di rovo , è stato dato invece ampio spazio ad un finale libero in cui è facile vedere il preannunciarsi di una seconda stagione, fortemente voluta dal pubblico che si è appassionato alle vicende paranormali legate alla vita di Gabriel. Una puntata dunque che ha svelato il filo rosso di tutti quei casi inspiegabili, poi dispersi nei finali piuttosto “fiacchi” delle precedenti puntate e che ha messo insieme i tasselli del grande puzzle della profezia secondo la quale Gabriel sarebbe quel messia tanto atteso e agognato. Dunque grande suspence e forti emozioni quelle regalate dall’ultima puntata del Tredicesimo apostolo che, considerato il finale volutamente aperto, potrebbe non essere proprio l’ultima ma traghettare gli spettatori ad una seconda stagione alla ricerca della setta, di quella madre che gli ha chiesto perdono, e chissà perché anche dell’amore che per ora ha deciso di relegare a nitida emozione da soppiantare al proprio compito di redenzione e salvezza della Chiesa cattolica.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

2 Comments

  1. Np

    febbraio 8, 2012 at 10:32

    La “redensione” non esiste, forse redenzione…

  2. peb

    febbraio 9, 2012 at 16:46

    in realta sta fiction era come direbbe fantozzi “una cagata pazzesca”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *