Isola dei Famosi, Flavia Vento: “Ho lasciato per colpa dei mosquitos”

By on
Flavia Vento Honduras

text-align: justify”>Foto Flavia VentoPer la terza volta in via sua, Flavia Vento ha partecipato a un reality per poi ritirarsi nel giro di pochi giorni: è successo con La Fattoria 1, l’Isola dei Famosi 6 e, adesso, con l’Isola dei Famosi 9. Intervistata da un noto blog che si occupa di spettacolo, lei però giura che stavolta non si è trattato di un crollo emotivo bensì di un problema fin troppo concreto: i mosquitos. “Stavo male – dice Flavia – ero piena di punture su tutte le gambe e sul corpo”. In effetti, al suo ritorno in Italia è apparsa davanti alle telecamere con la pelle martoriata.

Io non volevo andarmene – giura – ma non gioco le mie gambe, volevo rimanere a tutti costi anche per combattere le cavolate che dicevano Valeria Marini e anche Malgioglio. Il dottore mi ha detto che potevo proseguire ma per me no, io sono olandese e conosco la mie pelle. La salute viene prima di tutto”. Quindi ha ignorato il parere del medico e obbedito al suo istinto. Non ci sono altri motivi, eh. “Questa volta – ribadisce Flavia – non avevo neanche fame e ci tengo a precisare che non sono andata via perché capricciosa o per non mettermi gioco. A riprova di ciò ho anche vinto la prova leader con Enzo Paolo. Mi sono proprio stufata di chi mi va contro”. Uh, che piglio deciso! La Vento, però, interrogata sulla penale che – secondo il regolamento – spetta a chiunque abbandoni il reality, preferisce non rispondere. Dice che sono cose private. Cose private? Mah, la confusione incombe.

foto-a

Inevitabile, comunque, un piccolo attacco di sconforto (qualcuno, forse, lo definirebbe “vittimismo”): “I miei compagni stavano lì solo per giocare, a nessuno importava niente di me, erano solo pronti a giocare fino alle fine”. Ma ecco un raggio di luce: “L’unico con cui ho legato è il Mago Otelma che è la persona più educata e civile che sta sull’Isola. Vorrei che vincesse lui”. Quindi, sintetizzando: i suoi più acerrimi nemici, laggiù, erano la Marini e Malgioglio (“ho vissuto solo provocazioni disumane e tristi”), ma per fortuna aveva accanto il Mago Otelma. Davvero un bel quadretto. Inquietante, quasi.

About Nad

Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *