Isola dei Famosi. Nicola Savino: “Non siamo ostaggi dei naufraghi”

By on febbraio 8, 2012

Quando Nicola Savino ha accettato di condurre l’Isola dei Famosi 2012, sapeva di essersi imbarcato in una questione non facile. Perché sostituire Simona Ventura, donna grintosa e leader per natura, nonché storica conduttrice dell’avventuroso reality, sarebbe per tutti una bella gatta da pelare. Eppure ha accettato, il buon Nicola. Deciso a non voler imitare nessuno, ma semplicemente a mostrare se stesso, con il suo bagaglio di esperienza e un apprezzabile gusto per la sfida. Non aveva però messo in conto – e forse non se l’aspettava nessuno – che i naufraghi, laggiù in Honduras, avrebbero presto cominciato a fare i capricci.

Nonostante siano trascorsi pochi giorni dal debutto del programma, è già successo praticamente di tutto: Mariano Apicella ha insultato Cristiano Malgioglio riferendosi all’omosessualità e quest’ultimo ha reagito malissimo, salvo poi ricevere una lettera di scuse; Rossano Rubicondi ha litigato con Valeria Marini e s’è fatto rispedire in Italia emanando fumo dal naso; Valeria Marini fa uso, anzi abuso di crema solare (spalmandosela ovunque, capelli compresi) lasciando quasi a secco gli altri concorrenti. Guendalina Tavassi, invece, muore dalla voglia di prendere in mano il bastone del comando e non nasconde la sua malvagità (in senso buono, eh); Aida Yespica non perde occasione per ricordare agli italiani il quantitativo di sensualità contenuto in ogni sua cellula. Ma torniamo a Savino. Accusato, insieme agli autori, di non avere lo stesso polso fermo di chi l’ha preceduto, di non saper “gestire” i concorrenti. Lui non si lascia turbare dalle critiche, cerca di parlare il meno possibile e pensa al suo lavoro.

foto-1

Con il settimanale Sorrisi e Canzoni tv, però, si è lasciato andare a uno sfogo: “La situazione non è sfuggita al nostro controllo. Quest’anno la Casta decide il destino degli altri ed è un boccone amaro. Ma non esiste il rischio che lo show diventi ostaggio del cast. Rubicondi è al momento l’unico che ha fatto le bizze ed è stato allontanato. Stiamo decidendo in queste ore se farlo venire o meno in studio a spiegare le sue ragioni”. Quando ha pronunciato queste frasi, ancora Flavia Vento non si era ritirata. Sì, perché è successo anche questo. Il solito crollo emotivo, lo stesso che lo spinse ad abbandonare La Fattoria e una precedente edizione dell’Isola, tanto per intenderci. Quanto a Malgioglio, “Cristiano ha sollevato – sono le parole di Savino – il problema dell’omofobia . L’ha fatto con uno stile scomposto e poco urbano, ma è importante che se ne parli. (…) Sia Luxuria dall’Honduras che io da Milano abbiamo ampiamente stigmatizzato l’epiteto usato da Apicella. Proteggo il mio cast di professionisti. E poi stiamo parlando di un gioco: godiamocelo!”. Che illusione, Nicola! Quelli mica giocano, quelli sono armati fino ai denti…

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *