Italia’s Got Talent: “Il segreto del successo sono i tre giudici” parola del regista

By on febbraio 25, 2012
Stasera semifinali a Italia's got talent

text-align: center;”>Stasera semifinali a Italia's got talent

Un successo di ascolti e gradimento questa terza edizione di Italia’s got talent arrivato ormai alle semifinali che vedremo stasera  ed è il regista di tutte e tre le edizioni del programma Paolo Carcano a raccontare in un’intervista a TvZoom il segreto del successo del talent show condotto da Belen Rodriguez e Simone Annichiarico. Innanzitutto il regista rivela l’ingrediente fondamentale della trasmissione che è da annoverare ai tre giudici Maria De Filippi, Gerry Scotti e Rudy Zerbi.  “Il successo è stato dei tre giudici che sono diventati gli amici di casa – spiega Carcano –  Il pubblico si immedesima in Zerbi che è la parte “cattiva”, la professionalità al di sopra delle parti o la sensibilità di Maria che scopre dei lati nascosti delle persone e Gerry che è il buono, che è lo zio che mette d’accordo tutti”. E proprio sui tre giudici è improntato il programma:

“Il mio lavoro è catturare l’emozione dei giudici. E quella è anche la difficoltà – racconta il regista –  Noi non proviamo mai nulla, aldilà delle cose tecniche come i microfoni o gli ingombri per non impallare le telecamere. Le loro espressioni, le smorfie, il dissenso di Zerbi quando un “concorrente” canta, sono tutte improvvisate. È la classica situazione di tre persone davanti alla televisione che fanno i loro commenti. La forza sono loro tre. Dietro ovviamente c’è un lavoro incredibile di redazione e produzione”.

i-tre-giudici-zerbi-defilippi-scotti

Insomma, pare che i tre giudici della gara incarnino ognuno una qualità particolare che messe insieme formano un terzetto irresistibile e amatissimo dal pubblico televisivo del sabato sera. E di certo il programma ne ha fatta di strada dalla prima edizione in cui gli inglesi (considerato che il format è originario dell’Inghilterra) vollero supervisionarne l’andamento della trasmissione:

“Questo programma ha un format inglese, il primo anno c’era la supervisione loro per quello che era l’impostazione delle camere poi piano piano l’abbiamo italianizzato – spiega Paolo CarcanoL’ abbiamo adattato nel montaggio ed il grosso dubbio e la grande sfida era se fosse possibile andare in onda il sabato sera con un programma montato diversamente dal solito perché gli italiani sono abituati vedere dei varietà alla Ballando con le stelle, C’è posta per te, Fiorello, programmi di intrattenimento che hanno una consecutio, questo è stato proprio cambiare il loro modo di guardare la tv”. 

E a quanto pare l’esperimento è stato riuscitissimo tanto che Italia’s Got Talent si appresta a raggiungere i 9 milioni di spettatori per uno share che certamente premia talento e show e in cui trionfa la simpatia spassosa del terzetto di giudici.

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *