La Costa Allegra è salva: traino e sbarco programmato a Mahe’

By on febbraio 28, 2012

text-align: justify”>allegra trainataI telegiornali e i programmi di approfondimento non hanno ancora finito di affrontare il caso Concordia-Schettino-Canzona e nuovamente la Costa fa parlare di sé per via di un’altra disagevole avventura che poteva sfiorare in tragedia: l’avaria della Costa Allegra ferma in pieno Oceano Indiano nel raggio delle Seycelles. La nave è rimaste in panne nella mattinata di ieri per via di un incendio che ha investito la sala macchine e procurato un black out dell’intero vascello. La Allegra è rimasta ferma a oltre 200 miglia a sud ovest delle Seycelles e a circa venti miglia da Alphonse Island. Sull’isola di Desroches era stato programmato inizialmente lo sbarco poi smentito dalla stessa Costa giustificando la sua scelta per mancata garanzia delle necessarie norme di sicurezza per l’attracco e l’accoglienza dei passeggeri. Inoltre sull’isola le strutture alberghiere e i supporti logistici non sono sufficienti per far fronte all’emergenza e ciò avrebbe comunque implicato l’utilizzo di vari traghetti per il trasferimento da Desroches a Mahe’ (destinazione del viaggio dell’Allegra). Il peschereccio d’altura francesce Trevignon (che è prontamente accorso in aiuto della Costa in avaria) si è attrezzato per il rimorchio della nave italiana e il suo trasferimento a Mahe’, il tutto sotto il controllo vigile e attento della Costa Crociere.

L’Allegra inoltre sarà trainata da due ulteriori rimorchiatori che garantirebbero una maggiore velocità dell’operazione, affinché l’incubo per i passeggeri finisca il prima possibile. Inoltre sono stati messi a disposizione elicotteri in grado di rifornire alla nave di cristallo (per via del gran numero di vetrate di cui è composta) di cibo, generi di prima necessità e torce elettriche. Il tutto dovrebbe concludersi in un paio d’ore con riguardo dell’arrivo dei traghetti da Desroches a Mahe’. Che questo non sia l’anno giusto per viaggiare con Costa Crociere?

costa-allegra-1

Alcuni lo pensano, altri parlano di un anno sfortunato e di un accavallarsi di problematiche comuni che potevano accadere in qualunque caso e a qualunque Compagnia, ma la speranza di tutti è  di non vedere in tv eventuali superstiti che approfittino del disagio di cui sono stati protagonisti per farsi pubblicità, che sia vera o fittizia (Canzona docet).

About Mario Manca

Specializzando in Televisione,Cinema e New Media presso Libera Università di Lingua e Comunicazione Iulm di Milano. Ama e segue la televisione da una vita e desidererebbe dare un contributo attivo alla creazione di un modello televisivo teso alla qualità e intelligenza informativa con interventi autoriali mirati. Il suo modello di critica televisiva è Aldo Grasso e Madonna è la sua artista musicale preferita.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *