Mondiali 2010: dopo due anni Sky vince l’arbitrato contro Mediaset per i diritti tv

By on febbraio 21, 2012
Mediaset-perde-contro-sky-mondiali-2010

text-align: justify”>Mediaset perde arbitrato sky mondiali 2012Sono passati circa due anni dai Mondiali in Sud Africa. E sebbene la vittoria della Spagna sia cosa già archiviata, per lo meno per permettere a noi italiani di dimenticare il più in fretta possibile, c’era una questione rimasta ancora aperta, almeno fino al responso del Tribunale arbitrario ICC. La contesa vede protagonisti Sky e Mediaset e riguarda proprio i diritti di trasmissione sui Mondiali di calcio. Sky aveva comprato i diritti di tutte le partite dei mondiali dopo un accordo con la Rai. Tale accordo prevedeva 130 milioni da versare e la cessione dei diritti di trasmissione in chiaro dei giochi invernali di Vancouver e quelli estivi di Londra 2012. Riguardo ai mondiali le reti della televisione pubblica avrebbero potuto trasmettere (come poi è stato) tutte le partite dell’Italia e altre 25 partite; l’accordo si ripeterà anche per il mondiale di Brasile 2014.

Ora, Mediaset tramite Pier Silvio Berlusconi alzò la voce, spiegando che Sky, acquistando i diritti per trasmettere le partite e gli eventi legati ai Mondiali in Sud Africa, aveva violato il divieto imposto dagli Impegni siglati dalla pay tv con la Commissione Europea sui diritti tv; divieto al quale Sky si sarebbe dovuto attenere dalla fusione di Stream e TelePiù. Queste furono le dichiarazioni di Pier Silvio Berlusconi: “Vi sembra giusto che i telespettatori del digitale terrestre non possano fruire dei Mondiali nella loro totalità? Quello di Sky è un atto di prepotenza innanzitutto nei confronti degli spettatori, compiuto togliendo dal mercato diritti che non può esercitare. Ormai i tempi per un’offerta non ci sono. Dipende da come andrà l’arbitrato: al limite chiederemo gli eventuali danni”.

mediaset-perde-arbitrato-contro-sky

In effetti la protesta di Mediaset arrivò troppo tardi affinché il Tribunale arbitrale potesse rendere fruibili i diritti di messa in onda anche altre reti prima dell’inizio dei Mondiali. Infatti Mediaset rinunciò alla procedura d’urgenza e si presentò come parte lesa, chiedendo i danni per la mancata trasmissione su i suoi canali a pagamento dei Mondiali. Dopo due anni è arrivato il responso da parte del Tribunale Arbitrale che dà ragione a Sky. Si legge nel comunicato della tv satellitare: “Il Tribunale arbitrale ha negato che i diritti di trasmettere i Mondiali ricadono nell’ambito applicativo degli Impegni perché – come precisato dalla predetta decisione comunitaria – riguardano un evento non essenziale per la competitività di un operatore televisivo concorrente. Il Tribunale ha dunque confermato la piena legittimità del comportamento di Sky rigettando in toto le richieste di RTI“. In altre parole, battaglia persa per Pier Silvio.

About Gianrico D'Errico

Nato a Cisternino (BR) nel 1988. Laureto in Filosofia è laureando in Scienze Filosofiche a Padova. Ama le serate con gli amici (preferibilmente a casa con coperta e cioccolata calda). Da sempre lo accompagna la passione per il cinema, gli sono irresistibili le commedie nere. Diventare giornalista è una delle tante opzioni che ha appuntate sul suo taccuino delle cose da fare da grande (assieme all'astronauta e l'inventore di cose utili). Per adesso ci prova con tanta passione per la scrittura e la televisione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *